O MIO DIO, QUANTA ABBONDANZA!

IMG_7143

Sistemando i nuovi libri sugli scaffali della mia libreria personale, mi è caduto l’occhio sul primo libro di crescita che ho letto “Come acquistare fiducia e avere successo” di Norman Vincent Peale. E’ stato emozionante ricordare il motivo per cui l’avevo acquistato, essendo quel motivo legato a un momento della mia vita dove padroneggiava la frustrazione.

Apro una pagina e leggo: “La fede è il potere contro cui la paura non regge. Giorno dopo giorno, a mano a mano che colmiamo la nostra mente di fede, non rimarrà più spazio per la paura. Questa è la grande cosa che nessuno dovrebbe dimenticare. Dominate la fede, e automaticamente dominerete la paura.”

Rifletto un attimo su queste parole e ricordo com’era difficile comprenderle a quel tempo. Ne limitavo il senso, le percepivo costrette e impossibili da mettere in atto. Allora, non avevo nessuno che mi aiutasse a collocarle nella giusta casella di comprensione. La paura e l’ansia di quel momento erano così forti da stringere la gola e, nonostante tutto, leggevo il libro ponendomi domande. “E’ possibile essere felici?” “Sparirà un giorno tutta questa paura?” Come posso affrontare la situazione da sola?“. Mancavo di fede, quella vera che si dedica a un Dio amorevole e abbondante, comprensivo e creativo. A quei tempi non ero in armonia con Dio così come avevo imparato a vederlo: severo, giudicante, che aveva preferenza per i poveri e gli indigenti e che faceva morire le persone. C’è voluto tempo per cambiare la mia opinione su di Lui e, all’inizio, il libro di Peale ha contribuito a mettere un piccolo seme nella mia mente.

Credere che non ci sia collegamento tra benessere e fede è una convinzione ancora generalizzata, e questo credo limita fortemente il potere di Dio e, soprattutto, lo sviluppo di ogni individuo. Esiste un potere nell’universo che appartiene ad ognuno di noi in quanto uniti ad esso, e questo potere può spazzare via ogni sconfitta e aiutarci nel superare qualsiasi situazione che consideriamo difficile.

Molti di noi credono ancora che sia sufficiente dipendere da se stessi dimenticando che esistono fonti straordinarie di potere a nostra completa disposizione se solo iniziamo a prendere in considerazione la loro esistenza. Le difficoltà nascono quando crediamo nelle risorse limitate che il mondo propone. Ma se impariamo a guardare con occhi di abbondanza, ecco che la vita si manifesterà abbondante e ricca. Questa ricchezza ancor prima di divenire esperienza, prende posto nella nostra mente sottoforma di pensiero ed è per questo che è indispensabile una “produzione illimitata di pensieri positivi ricchi di speranza”, soprattutto quando si è immersi nelle difficoltà.

Impara a lavorare con Dio, immaginando di averlo al tuo fianco non solo nelle difficoltà ma in tutte le attività quotidiane.

Sviluppa un senso di gratitudine in ciò che già possiedi per avere sempre più argomenti per cui essere grato.

Impara a pregare e cioè a ritagliarti uno spazio in cui dire qualsiasi cosa hai in mente e in qualsiasi lingua desideri. Anziché chiedere delle cose, ringrazia in anticipo per quello che desideri e poi lascialo nelle mani di Dio, visualizzando un esito positivo. Prega, visualizza e metti in atto.

Aspettati sempre il meglio e ottienilo e smetti di aspettarti il peggio. Se ti aspetti il peggio, è il peggio che otterrai. I dubbi impediscono al flusso del potere di scorrere con fluidità. La fede apre i rubinetti all’abbondanza, in ogni senso.

Pensa in modo rinnovato e la tua vita si rinnoverà. Se continui ad avere pensieri di scarsità, svilupperai un atteggiamento di scarsità che ti porta a fare esperienza della scarsità. Se sviluppi nuovi pensieri di abbondanza, ricchezza, fiducia, amore, compassione, generosità, condivisione cosa sperimenterai? Puoi iniziare subito e vedere tu stesso!

E’ possibile ottenere qualsiasi cosa quando si ha fede.

Buon Lavoro e Buon Divertimento.

Annunci

2 pensieri su “O MIO DIO, QUANTA ABBONDANZA!

  1. Mi sto ripetendo ma grazie di questi articoli…avere fede è la cosa più difficile,perchè spesso la consideriamo un credere a qualcosa che è solo esterno a noi …se consideriamo che il Divino è anche dentro di noi collaborare con il suo illimitato potere è più facile…Giò

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...