PREFERISCI GUIDARE O ESSERE GUIDATO?

SCRITTA
Che cosa significa essere dei leader?
La definizione con la quale mi sento più in sintonia per ciò che vivo è quella offerta da Warren Bennis nel suo libro “Come si diventa leader”.

“Ai veri leader non interessa provare quello che valgono, quanto riuscire ad “esprimersi appieno”. Provare quello che si vale implica una visione limitata o statica dell’io, mentre i leader, ricercando continuamente la loro espressione più completa, devono essere disposti ad attraversare periodicamente dei momenti in cui si reinventano” (Warren Bennis)

In questo modo la vita diventa una fioritura continua di idee espresse e messe in pratica, e non una mera competizione. Molto spesso la struttura data dall’istruzione inconsapevole e le regole imposte dalla società limitano notevolmente la leadership. Siamo invasi da cose che gli altri ci dicono che dobbiamo sapere, senza preoccuparsi di stimolare i personali talenti. Il reale apprendimento è ricordare cosa è importante per noi e, quindi, esprimere la propria leadership è allinearsi sempre di più con i nostri talenti.
Nella mia famiglia c’era un detto: “Trova un lavoro sicuro”. Questo non comportava esprimere il proprio talento, ma scegliere la sicurezza economica di uno stipendio fisso. Fare la segretaria non era certamente la mia unica possibilità, ma ho creduto che fosse così per ben 22 anni. Il risveglio è avvenuto nel momento in cui ho sentito il fuoco della passione e l’ho seguito, arrivando fino ad ora, mentre sto scrivendo. Così ho scoperto i miei talenti.

La leadership è un impegno nei confronti dell’esistenza stessa, in quanto richiede il compimento della nostra eccezionale visione delle cose, e questo è –di solito- un processo che dura tutta la vita di un essere.

Diventare leader comporta:
– Una visione avvincente che significa prima definire la realtà e poi trovare il modo per agirla
– Sviluppare la capacità di comunicare questa visione e motivare gli altri a seguirla
– Essere audaci e assumersi una certa quantità di rischio
– Essere integri: conoscenza di sé, trasparenza, maturità, accettazione delle critiche
– Originalità “I leader imparano dagli altri, ma non si lasciano determinare dagli altri”
– Ricreare se stessi: talvolta è necessario fare un reset per generare qualcosa di unico
– Trovare il tempo per pensare, riflettere, meditare
– Passione per la vita e le sue continue sfumature per poter fare al meglio, per se stessi e per gli altri
– Vedere il successo nei piccoli progressi, godere delle gioie quotidiane senza attendere anni perché arrivi il Grande Successo
– Vivere la vita, anziché arrendersi ad essa
– Avere Fede, Fede, Fede nel grande e prospero schema Divino

Mentre scrivevo mi sono resa conto dei miei personali margini di miglioramento: vado a mettere in atto.
E tu? Cosa hai scelto di fare?
Accorgiti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...