APPREZZA CHE TI PASSA

snoopy mangiare ballare

Ogni situazione, percepita nella maniera corretta, diventa un’opportunità per guarire.
Ogni guarigione è essenzialmente liberazione dalla paura.
Ogni guarigione è liberazione dal passato. (UCIM)

Condannare l’altro è condannare te stesso.
Liberare l’altro attraverso il perdono è liberare te stesso.
Ecco a cosa è utile perdonare: a liberare se stessi dalle catene del giudizio.
E’ un passaggio delicato, molto delicato, che va compreso a fondo poiché non sempre sembra essere conveniente perdonare. Quando il torto è considerato grande, ecco che tutto risulta difficile e l’attacco sembra essere l’unica risorsa possibile per alleviare il dolore. Odiare chi credi che ti abbia ferito da una sensazione di sollievo che sembra essere durevole nel tempo, ma in realtà è solo momentanea, poiché nel mondo c’è una legge che funziona sempre, che piaccia oppure no. E questa legge dice che fai agli altri ciò che credi sia stato fatto a te. Un torto che ti viene fatto è stato, a un qualche livello, accettato dalla tua mente: per questo ne fai esperienza, ma spesso non c’è il ricordo di questa accettazione. Così l’esperienza che hai accettato di intraprendere non è riconosciuta come propria ma sembra essere qualcosa che accade al di là della tua volontà.
Ora pensa questo: come puoi essere libero se credi di non avere padronanza della tua vita? Credi forse che la libertà sia qualcosa di esterno a te? Prova a considerare che non c’è nulla di esterno a te, nulla che sia stato generato senza il tuo consenso. Può essere tragico, inizialmente, pensare questo se ti basi sulle esperienze che hai vissuto o stati vivendo. Penso, ad esempio, al mio passato e a come è stato difficile comprendere che era mia volontà sperimentare alcuni passaggi della mia vita, dolorosi, disperati: sì, è stato molto difficile. Allo stesso modo, quando ho cominciato a percepire il concetto di responsabilità e ad applicarlo nella mia vita, ecco che mi sono sentita più leggera. Ho cominciato a pensare che “Se sono io l’artefice di ciò che è accaduto, posso anche scegliere di cambiare la situazione”. E così, anche se ero infuriata, abbattuta, triste, sconsolata, in preda al panico, ansiosa, impaurita, trovavo la forza di offrire all’intera situazione sentimenti di amore, gioia, serenità, amicizia, chiarezza, volontà, abbondanza …. al fine di poter imparare ciò che in quel momento non conoscevo.
Solo l’apprezzamento è una risposta appropriata a ogni situazione, qualunque essa sia. La difficoltà che porta con sé una situazione, se accolta con responsabilità propria e gratitudine, diviene un’esperienza da ringraziare e trasformare. Ognuno vive in noi, così come noi viviamo in ognuno. Ogni esperienza, ogni persona che incontriamo nell’esperienza, è una parte di noi che possiamo riconoscere e migliorare. E’ un lavoraccio, a volte piuttosto complicato: ma questo succede solo all’inizio. Quando sei allenato, come ogni cosa, diviene tutto molto più semplice.
E qui mi fermo, in questo discorso di perdono, che necessita di una vita intera per essere compreso, e ti lascio con un passaggio a me caro nel quale poter trovare la chiave di volta per comprendere meglio te stesso:

“Quando incontri qualcuno, ricorda che è un incontro santo. Come vedrai lui, così vedrai te stesso. Come tratterai lui, così tratterai te stesso. Come penserai di lui, così penserai di te stesso. Non dimenticarlo mai, poiché in lui troverai o perderai te stesso. Ogniqualvolta due Figli di Dio si incontrano, viene data loro un’altra opportunità di salvezza. Non lasciare nessuno senza dargli salvezza e riceverla tu stesso. Poiché io sono sempre lì con te, in memoria di te.” (UCIM)

Buon giorno di Pasquetta e … Ricordati di essere felice!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...