IL PERDONO COME ANTIDOTO

IMG_9805

Il vincolo emotivo è più forte dell’acciaio. Quando sei legato da un risentimento verso qualcosa o qualcuno, sei intrappolato in un’energia apparentemente invisibile e paragonabile a un veleno preso a piccole dosi che logora pian piano la tua vita. Il solo antidoto possibile è il perdono e cioè guardare l’intera situazione da un altro punto di vista. Trattenere il risentimento per il passato e farlo per giorni, mesi, anni è un danno che provochiamo a noi stessi costringendo la nostra energia a restare bloccata anziché fluire libera verso le infinite possibilità che offre la vita. Scrivo cercando di semplificare in poche parole, pur rendendomi conto per esperienza personale che il perdono è un’attitudine complicata, difficoltosa e a volte molto dolorosa. Ma pensare a una situazione non più in termini di dolore bensì di “esperienza” non ha prezzo. I passi verso il perdono devono essere compiuti con pazienza e volontà e si può cominciare con lo scrivere una lettera a chi credi essere l’artefice di ciò che è accaduto. Fai una premessa ricordando a te stesso che nulla accade per caso: tutto ha un disegno preciso che ancora non conosci ma che sta per essere rivelato, a breve o nel tempo. Esprimi scrivendo il tuo risentimento senza filtrare nulla, come fosse un automatismo dove a muovere la tua mano sono le emozioni. Quando hai terminato, piega il foglio senza rileggerlo, brucialo e sperimenta cosa accade. Con questa semplice tecnica permetti alle emozioni di venire a galla senza più tenerle bloccate dentro di te. Sperimenta e Accorgiti … e se ti va, scrivimi in privato le tue sensazioni.

2 thoughts on “IL PERDONO COME ANTIDOTO

  1. Salve Lucia,

    Sono Elena. Grazie per il post di questa mattina. Sono giorni che penso al perdono e come la situazione in cui vivo si scioglierebbe se io perdonassi me stessa e la persona in questione per le decisioni prese e accettassi che c’è davvero una lezione in tutto ciò e che era davvero quello che doveva succedere. Nell’ultima settimana ho pensato solo a come sarebbe andata se….. E questi pensieri mi bloccano la vita. Letteralmente sono senza energie per poter svolgere tutte le attività della giornata. Ho saltato un’altra sessione di laurea per questo stato d’animo.

    Per fortuna ho ri-iniziato a scrivere, e scrivere mi aiuta a chiarire le idee. Oggi mi sento più in forma e sono decisa a dare più forza a questi pensieri legati al perdono. Vorrei che il nodo nella gola si sciogliesse e non ci fosse più quando parlo di me stessa e della relazione andata male. Ecco, siccome il perdono non può essere toccato con mano, ma è un concetto astratto ed intangibile, risulta più difficile. Ma con la scrittura mi viene più facile. Sono meravigliata dal potere della mente e dei pensieri….

    Un abbraccio grande E grazie per i tuoi post, sono sempre in sintonia con quello che so vivendo Elena >

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...