COSA FAREBBE L’AMORE?

Si parla spesso di amore e di come farlo entrare nella nostra vita, nelle relazioni, nelle amicizie, nel quotidiano. Lo cerchiamo continuamente là fuori nel mondo. Bussiamo alla porta di chi ci sta accanto nella vita per elemosinarlo, diventando ciò che non vorremmo essere e pretendendo che ci venga offerto senza offrirlo noi per primi.

PER AVEREDAI AGLI ALTRICIO' CHEVUOI RICEVERE

Credi sia amore diventare un tappetino che si può sbattere a piacimento? Oppure dire sempre “si” ad ogni esigenza di chi sta intorno a te? Quante volte ti sei trovato a inventare scuse per non fare ciò che ti sentivi obbligato a fare? Sono sicura che sei arrivato ad ammalarti per poter dire  “no”.

La mia paura di restare sola mi ha portata a compiere scelte delle quali mi sono lamentata per anni, senza rendermi conto che proprio il lamento le stava tenendo in vita. C’è voluto più di uno scossone, alcuni davvero forti, per svegliarmi dal sonno profondo nel quale ero caduta.

Nel nostro camminare quotidiano possiamo trovare l’amore, la gioia, quella serenità alla quale molti di noi fanno la corte da tempo. E’ lì che dobbiamo imparare a coltivare tutto ciò che di bello desideriamo, accettando prima di tutto la nostra vita esattamente com’è e prendendo coscienza del fatto che, assumendoci la responsabilità degli accadimenti, se qualcosa non ci piace la possiamo cambiare. La parola chiave per ottenere ciò che vogliamo è trasformazione. Basta mettere la sporcizia sotto il tappeto! Credere di potersela cavare facendo finta di niente girando lo sguardo dall’altra parte  è ciò che rende la nostra vita un inferno.

Estendere è la vera comunicazione e la sola modalità per conoscere sé stessi. Se sei circondato dalle difficoltà è probabile che tu abbia pensato in termini di difficoltà, e così vale per la gioia: ciò che hai esteso ti viene sempre restituito, non per premiarti o punirti, ma per capire la direzione in cui stai andando.

Ricordo un pranzo con una cara amica che segue e pratica la filosofia buddista. Mi racconta delle sue difficoltà: le ha provate tutte ma non riesce a venirne fuori. Come sostenerla mi viene dato da un’intuizione, e le domando: “Cosa farebbe il Buddha di fronte a questa situazione? Quali sarebbero i suoi pensieri?”. Lo stupore, l’allinearsi con questa domanda e la risposta che è emersa l’ha aiutata a trovare il modo per far fronte a quel momento.

Oggi puoi fare esperienza immaginando di muoverti come  l’Amore si muove. Cosa fa di fronte a una difficoltà? Cerca lo scontro o la pace? E di fronte a un problema, come reagisce: con paura o con fede? Cosa offre al mondo?

L’Amore sa che la sola chiave per la felicità è offrire agli altri ciò che vuoi ricevere, e non intendo esclusivamente in senso materiale. Offri tu per primo serenità a una situazione difficile, se è la serenità che vuoi ottenere. Offri soluzioni a un problema, se il tuo pensiero è rivolto davvero a risolvere. Offri all’altro la pace se dai dei dissapori con lui o lei, se è davvero la pace ciò che desideri. Ciò che offri -consapevolmente o inconsapevolmente- sarà esattamente ciò di cui farai esperienza. Offri agli altri ciò che vorresti ricevere: è in questo modo che diventi padrone della tua vita. Accorgiti!

A proposito: “Offro a tutti voi una giornata ricca di ogni cosa, affinché io possa ricevere” Grazie.

Lucia Merico |SpiritualCoach|LifeCoach|AlFemminile

luciamerico@spiritualcoach.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...