ANTIDOTO PER LA SCARSITA’

E se prendessimo in considerazione l’abbondanza come elemento naturale della vita? E’ un pensiero che coinvolge ogni condizione che ci pone nella condizione di accorgerci che siamo circondati da una ricchezza sconfinata alla quale possiamo accedere tutte le volte che desideriamo. La percezione dell’abbondanza ci collega alla nostra anima molto più di quanto non immaginiamo, perché quando pensiamo in quei termini apriamo l’accesso a Dio e alle Sue straordinarie caratteristiche, tutte riconducibili alla gioia.

Anche quando crediamo nella scarsità apriamo un accesso opposto a quello che ho appena descritto: la paura. Molti di noi considerano il lavoro, la casa, il conto in banca e la proprietà come difese contro la povertà, perdendo di vista che il vero pericolo è la povertà interiore.

Partendo dal nostro corpo fino ad arrivare a ciò che è intorno a noi, tutto parla di abbondanza: miliardi di cellule, il sangue che scorre nelle arterie, lo spaziare dello sguardo quando ci perdiamo in un panorama, il respiro stesso è abbondanza. Ci basta questo semplice pensare per allineare la nostra energia a quella parte di mente che si esprime solo in termini di abbondanza. Anche quando diamo attenzione alla soluzione anziché al problema o nel momento in cui esprimiamo gratitudine e condivisione siamo dalla parte della ricchezza infinita che viaggia in sintonia con la nostra anima.

E’ un’inversione di mente che conviene fare poiché il desiderio di circondarti solo ed esclusivamente di ricchezza materiale mettendo da parte gratitudine e generosità, è una condizione che fonda le sue radici nella paura e nella scarsità.

se-la-sola-preghierache-dirai-mainella-tua-vitae-grazie-quella-sara-sufficiente

C’è una profonda discrepanza tra ciò che l’anima e la connessione con Dio possono darci e la quantità che ne riceviamo. Vi suggerisco questo facile esercizio. Prendete un foglio, scrivete al centro la parola abbondanza e tracciate un cerchio attorno alla parola. Ora scrivete all’esterno del cerchio scrivete cinque parole, ognuna delle quali indica un’area in cui vorreste sperimentare più abbondanza. Vi suggerisco di non indicare cose materiali come auto, case eccetera: piuttosto “carriera, lavoro, successo” sono indicazioni migliori. Supponiamo che abbiate scritto:

Pace

Famiglia

Benessere

Divertimento

Compassione

Ora, sotto ogni parola, aggiungete tre cose che potete agire in modo concreto, a cominciare da oggi, per rendere queste tre aree della vita più soddisfacenti. Per esempio:

Divertimento:

  • passare più tempo all’aperto e nella natura
  • giocare con i miei figli
  • imparare a sciare

Abituare la nostra mente a restare connessa con l’abbondanza, significa riempirla di pensieri rivolti a tutto ciò che è connesso con  bellezza, gioia, serenità, amore. Specificare i desideri e compiere azioni concrete per realizzarli ci permette di condurre la nostra vita fuori dal caos della paura. Accorgiti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...