ABILITATI ALLA BENEDIZIONE

Mi ricordo bene il parroco che veniva a benedire casa nostra quando ero piccola. Passava in rassegna tutto il palazzo ed io lo guardavo salire – di piano in piano – seduta sull’ultimo gradino della scala prima di entrare sul pianerottolo dove c’era il nostro appartamento.

Lo aspettavo con entusiasmo perché, dopo la benedizione, c’era sempre qualcosa di dolce da mangiare che mia madre aveva preparato per l’occasione. E’ forse questo il motivo per cui il prete aveva la pancia pronunciata?

Oltre all’abitudine di “far benedire casa” (Dio solo sa quanto c’è n’era bisogno) avevamo anche l’abitudine di dire una preghiera prima di ogni pasto. Sempre lei, mia madre, diceva che era importante e ai miei “perché si fa così?”, lei rispondeva: “Perché il cibo diventa più buono”. Non immaginavo come facesse a diventare più buono visto che nessun ingrediente speciale veniva inserito durante la preghiera, ma la sua autorità mi bastava: mi fidavo di lei. E in effetti ciò che gustavo aveva sempre un buon sapore.

COSA HO SCOPERTO?

Studiando più in là  negli anni le “energie sottili” ho capito l’importanza delle benedizione e della gratitudine. Parte da un presupposto fondamentale: nulla è scontato. La vita è un dono e apprezzare i doni rende felici. E la felicità va nel mondo attraendo altra felicità.

A COSA SERVE BENEDIRE IL CIBO

Molti di noi sono abituati a concentrare la loro energia su ciò che non hanno piuttosto che mettere in evidenza ciò che è già presente nella loro vita, con la conseguenza inevitabile di sperimentare la frustrazione.

Sviluppare il senso di gratitudine aumenta con certezza il tuo benessere.  Inoltre la gratitudine e la benedizione sono una forma di guarigione che ti permette di gustare al meglio la vita.

COME?

Te lo spiego subito. Immagina di avere una meravigliosa torta di compleanno di fronte a te acquistata nel negozio più bello della città. Quel dolce che a breve assaggerai insieme ad altre persone, racchiude dentro di sé tutte le energie di chi ha contribuito a realizzarlo.

Fantasticando, immagina il pasticcere mentre lo prepara: ha appena scoperto il tradimento della moglie! Quali potrebbero essere i suoi pensieri mentre impasta il dolce, mentre lo farcisce, applica le guarnizioni e quant’altro?

I pensieri sono energia che coinvolgono l’intera creazione. Ed ora la bellissima torta farcita dal pasticciere cornuto è proprio lì di fronte a te, pronta per essere mangiata insieme alla rabbia, alla frustrazione, alla delusione, alla vendetta.

Credi possa essere utile un pensiero benedetto come: “Benedici questo cibo e le persone che lo hanno preparato. Benedici tutti noi che stiamo per assaggiarlo. Grazie Grazie Grazie”?

IL VALORE IMPORTANTE

C’è un valore intrinseco nel benedire e nell’essere grati e lo puoi trovare facendone esperienza. Per esempio puoi cominciare con tenere un quaderno dove scrivere ogni mattina e ogni sera dieci motivi per cui essere grato. Ti sembrano tanti? Se così fosse, stai dando per scontate un sacco di cose che – in un attimo – potrebbero non esserci più.

Tutto il tuo passato è andato

eccetto la sua bellezza,

e niente è rimasto

se non una benedizione

 

Questa frase che appartiene a Un Corso in Miracoli e descrive in poche parole come la benedizione possa essere il “gancio” che ci ri-porta in contatto con la nostra condizione originaria di gioia e pace.

Il passato a cui fa riferimento è quell’istante di tempo che crediamo di aver perduto, dove avevamo la piena consapevolezza di essere un’estensione divina, prima che il dubbio e l’incertezza prendesse posizione nella nostra mente e lì costruisse la sua casa.

Per cui la benedizione diventa il ponte d’accesso tra il mondo della percezione e il Regno da cui arriviamo e che portiamo come eredità naturale dentro di noi.

COS’ALTRO PUOI FARE?

Può essere utile incorporare nella tua pratica quotidiana della gratitudine, anche quella del Naikan una tecnica di meditazione Buddista. Naikan significa “guardarsi dentro” ed è un modo per aiutarti ad essere più introspettiva/o e a conoscere te stessa/o.

Le tre domande riguardano:

  1. Cosa ho ricevuto oggi?
  2. Cosa ho donato?
  3. Quali preoccupazioni o difficoltà ho generato?

La prima domanda è utile per riflettere sui regali ricevuti.

La seconda ti focalizza su ciò che tu hai dato agli altri.

La terza ti fa riflettere su come possiamo, a volte semplicemente con un pensiero o una parola, causare sofferenza agli altri.

E SE VUOI FARE UN PASSO IN PIU’

Puoi fare inoltre un’esperienza ancor più avanzata: Ringraziare per le situazioni difficili che stai affrontando.

“Ringrazio questo momento di difficoltà perché so che mi porterà valore e conoscenza, capacità di risolvere situazioni complicate e forza per affrontarle. Grazie Grazie Grazie”

Dimenticavo: io rivolgo a Dio la mia gratitudine. Con Lui è più facile. Tu fai come … credi. Accorgiti!

La tua SpiritualCoach    Lucia Merico

una-nuovavisionecrea-nuovepossibilita

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...