L’AMORE ROMANTICO

lucia-merico-spiritualcoach-amore-romantico.png

E se per preservarci dall’eccessiva dose di zuccheri legata al mito dell’amore romantico guardassimo l’amore da un altro punto di vista più pratico per esempio, che fine farebbero le canzoni, i libri, i film dal finale sdolcinato e strappalacrime?

Ci sono due miti fondamentali sui quali basiamo ancora oggi le nostre relazioni:

  • Il mito della spontaneità
  • Il mito dell’amore assoluto

Voglio affrontare con voi questi due miti condividendo ciò che scrive Roberta Giommi nel suo libro Le Donne amano la Terra e il Cielo. La scrittrice afferma che prescrivere spontaneità è un paradosso, perché nel momento in cui si obbedisce a una richiesta, non lo si fa “spontaneamente”. Ma il mito della spontaneità è il mito dell’amore per eccellenza e prevede che l’altro, munito di una magica sfera di cristallo, indovini ciò che sentiamo o vogliamo fare senza dover chiedere nulla. L’insoddisfazione dunque nasce dalla sua incapacità di capire che cosa noi vogliamo, e questo rischia di compromettere l’andamento di una relazione magari coinvolgente e piena di interessi.

Anche il mito dell’amore assoluto appartiene al modello romantico femminile, che rende fragile la relazione riempiendola di astrazioni che alla fine provocheranno nient’altro che delusione, come a credere che amare anche con la testa e non solo col cuore costruisse a sminuire la passione.

“Nella costruzione delle nuove famiglie questo problema emerge in modo significativo. Molte donne e alcuni uomini pensano che il partner non dovrebbe avere un passato, e tollerano male il fatto che lui debba vedere i figli, che abbia problemi di lavoro e di denaro, o che conservi desideri e gusti soggettivi. Parecchie donne vorrebbero essere la numero uno, venire prima di ogni altra cosa, senza accettare l’idea che esistono anche altri aspetti nella vita del partner.”

Se da una parte il “per sempre” può rappresentare una sicurezza che spesso ricerchiamo, è anche una falsa affermazione poiché possiamo amare per lungo tempo la stessa persona ma non la potremo mai amare nello stesso modo e viceversa. La passione che si manifesta all’inizio di una relazione è in qualche modo liberatoria e ci permette di togliere le catene dalle regole e dal dover essere in un certo modo. Ma non può durare in eterno e se ben presto non si ritorna coi piedi ben piantati a terra, la fine del sogno renderà la situazione pesante e dolorosa.

Ancora una volta l’emancipazione non passa unicamente attraverso un atteggiamento più diretto e ribelle: quello è solo l’aspetto esteriore e una delle modalità che possiamo adottare. La vera presa di coscienza dell’essere libere è una questione di conoscenza di sé e della direzione in cui stiamo andando.

Forse le donne dovrebbero smettere di lasciarsi trasportare unicamente dalle emozioni come fossero un fiume in piena e iniziare a scegliere di nuotare nella direzione in cui vogliono andare, senza il timore di perdere qualcosa o qualcuno. Per questo ci vogliono competenze specifiche e una conoscenza di base leggermente differente rispetto ai luoghi comuni e agli insegnamenti convenzionali.

Smussare un po’ gli angoli del romanticismo inserendo l’ingrediente principe per una relazione più felice si può fare, a piccoli passi un poco alla volta. D’altronde un cambiamento non avviene mai a mani basse. Qual è questo ingrediente? La voglia di conoscere sé stesse ed ogni nostra più piccola sfumatura.

Essere romantiche è bellissimo quando lo viviamo consapevolmente

 

Potrebbe essere una semplice preghiera l’antico segreto per prenderci cura della nostra assopita femminilità, le cui parole sono più o meno queste: “Ti prego, comincia ora” – Da questo nasce Libera la tua Femminilità, un Viaggio al Femminile dove “Ritrovare” è la parola chiave, perché ci siamo perse tra le pieghe di molteplici convinzioni ingannevoli che per secoli hanno dipinto un quadro che neppure si avvicina alla figura regale di ciò che siamo. E non è forse meglio farlo in un luogo accogliente, dai profumi incantati, circondate dalla bellezza e dall’armonia?

Per questo ho scelto Marrakech, la più importante delle quattro Città Imperiali del Marocco per Libera la tua Femminilità, un viaggio esperienza tutto al femminile dover poter ritrovare te stessa.  Trovi tutte le informazioni cliccando sul link di seguito http://spiritualcoach.it/seminari/libera-tua-femminilita/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...