TRA UNA FORMA E L’ALTRA

lucia-merico-spiritualcoach-montagne-russe

Molte di noi sono alla ricerca di una vita stabile, lineare, senza scossoni dimenticando che l’unica costante dell’esistenza è ilcambiamento, che comporta sempre una fine a vantaggio di un nuovo inizio. Ognuno di noi ha il suo stile nell’affrontare unatrasformazione.  Nel mio caso e in alcune circostanze, ho la percezione fisica che qualcosa dentro di me sta morendo ed ho imparato a comprendere che è un passaggio necessario affinché io possa accedere al nuovo e riconosco che l’unico modo per superare quel momento è accoglierlo, con tutte le emozioni che ne conseguono.

UN PO’ DI PRATICA

Una conquista per me fondamentale per modificare i momenti di sofferenza avvicinandomi sempre più a ciò che di nuovo si sta preparando è agire.  Praticamente:

  • Ritaglio del tempo per stare sola e accolgo il senso di vuoto andando in un luogo dove mi sento bene e dove poter ascoltare i miei pensieri e scriverli
  • In alcuni casi, per un certo periodo tengo un diario dove prendo nota delle esperienze: emozioni, ricordi e tutto ciò che emerge durante la giornata
  • Indago e mi focalizzo su ciò che voglio veramente e mi domando quale sia lo scopo profondo
  • Cerco di essere il più indulgente possibile con me stessa, considerata la severità con cui a volte mi giudico
  • Ogni volta che raggiungo un miglioramento, celebro

La domanda ora potrebbe essere: “Quando capisco che mi sono lasciata alle spalle la zona neutra?” Difficilmente il cambiamento è una bacchetta magica che trasforma il vecchio in nuovo. Più realistica è invece la sensazione di essere sulle montagne russe: un momento siamo in alto per poi cadere vorticosamente verso il basso. Capite bene che è difficile cogliere gli indizi in una condizione del genere, soprattutto se hai terrore delle montagne russe.

LA TERRA DI MEZZO

I segnali del nostro cambiamento arriveranno più facilmente da chi ci sta intorno e che noterà la nostra trasformazione, trovandoci più belle, sorridenti, con “quel qual cosa che non so, ma sei così diversa da prima“.  Inoltre, avendo cambiato la nostra guida interiore di riferimento, le occasioni per continuare nella direzione che abbiamo scelto saranno sempre più visibili. Le emozioni, a quel punto, diventeranno la cartina di tornasole per capire che il cambiamento sta avvenendo ed eventualmente aggiustare il tiro.

Potremmo ad esempio trovarci di fronte a una provocazione e non reagire più come avevamo come in passato o trovare la forza per dire “no” a una determinata situazione.

L’aspetto delle cose cambia secondo le emozioni, e così scorgiamo in esse la magia e la bellezza, mentre la magia e la bellezza sono in realtà in noi stessi (Kahlil Gibran)

Un cambiamento richiede sempre piccoli passi, tanta pazienza, un allenamento costante all’accorgersi e la volontà di procedere verso la nuova vita. Le potenzialità inespresse che portiamo con noi sin dai primi attimi di vita, spingono per uscire: contrastarle significa soffrire. Permettere loro di esprimersi è la chiave d’oro per aprire la porta della felicità.

La terra di mezzo che unisce la nostra vecchia immagine a quella nuova deve essere percorsa con gratitudine e tanta pazienza. Il passo ha una coda può essere molto insidiosa – in alcuni momenti – e la sua voce incantatrice ci invita a ritornare nella “scomoda” culla che abbiamo lasciato per dormire ancora un po’. Ma non siamo su questa Terra per dormire ma per esplorare, riconoscere, interpretare. In una sola parola: vivere! A questo punto ho una domanda per te: “Chi o cosa – in questo momento della tua vita-  sta aspettando dietro le quinte il segnale d’ingresso?

Inverti lo sguardo con cui osservi il mondo: la fuori non c’è nulla di nuovo. Tutto è già stato fatto e ciò che vedi ne è l’espressione

Il momento più importante e trasformativo dell’intera nostra esistenza è la nascita. In alcuni rarissimi casi abbiamo il ricordo della nostra nascita a causa dall’intensa esperienza che viviamo. Eppure nella nostra nascita e nei primi anni di vita, formiamo le basi dell’intera esistenza. Quanto è importante entrare in contatto con la nostra nascita? Non è importante: è fondamentale! Immagina di poter ritrovare quella memoria. Immagina di poter trasformare ciò che non ti piace della tua vita in rinnovata energia per raggiungere il successo che desideri. Immagina di rinascere a nuova vita decidendo tu ciò che vuoi essere. Questo e molto altro è ciò che sperimenterai a NASCITA E RINASCITA, un’esperienza unica che ti aiuterà, un passo dopo l’altro, a delineare la vita che vuoi tu. Se ti va, clicca su questo link ===> http://spiritualcoach.it/appuntamento/nascita-rinascita/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...