LA MENTE E’ UN GRANDE ICEBERG

luciamerico-spiritualcoach-lovehealing-corsobase (2).png

Quanto sarebbe semplice controllare la mente se i pensieri coscienti fossero gli unici coi quali confrontarci. Contrariamente a questa semplicità, tuttavia, la mente cosciente è solo la punta del grande iceberg della coscienza. Seppellito in profondità nel subconscio così tanto da sfuggire a qualunque idea di controllo, esiste un tappeto fittissimo di desideri insoddisfatti, sogni frantumati e convinzioni limitanti che spesso insorgono a fare da barriera verso qualsiasi obiettivo cerchiamo di raggiungere consapevolmente.

Pensieri che vogliono procedere in una direzione e altri che spingono nella direzione opposta: questa spesso è la realtà con la quale ci confrontiamo. Pur impegnandoci sinceramente a un qualche livello della nostra coscienza per camminare nella direzione dell’obiettivo desiderato, a un altro livello resistiamo ai nostri stessi sforzi. In questo modo nascono i contrasti e le incongruenze tra pensiero e azione, condizione che fa nascere la sofferenza. Magari siamo in ufficio e continuiamo a guardare l’orologio o ci ritroviamo a sognare a occhi aperti, desiderando di essere da tutt’altra parte. Oppure sprechiamo la nostra preziosa energia in tutte le cose che potremmo fare e dove vorremmo andare togliendo attenzione a ciò che facciamo.

I grandi risultati nella vita si ottengono disciplinandoci a fare una cosa alla volta e a farla con tutto il cuore, senza lasciarci distrarre dalla preoccupazione per ciò che vorremmo realizzare o che avremmo voluto realizzare in passato

LAVORARE A VANTAGGIO ANZICHÉ CONTRO

Quando scegliamo la chiarezza cristallina, cominciamo a predisporre le nostre energie affinché lavorino a nostro vantaggio anziché contro. Come sempre la teoria è molto più semplice della pratica. Nella realtà dei fatti, ci ritroviamo molto spesso divisi in due: una parte vuole andare in una direzione, l’altra parte si rifiuta. Nascono così i dubbi e le paure, arrivano le preoccupazioni che bloccano persino le intenzioni più forti.

Esiste in ognuno di noi un principio che dice «no» alla vita felice, come un desiderio di affossare, evitare i problemi anziché affrontarli come sarebbe naturale che sia. Speriamo che, guardando da un’altra parte, le nostre preoccupazioni svaniscano improvvisamente. E invece ce le ritroviamo di fronte, ogni volta a reclamare di essere risolte.

DOVERE vs VOLERE

Divisi tra ciò che dobbiamo fare e ciò che vorremmo fare, sviluppiamo il conflitto che spesso produce complessità interiori, difficoltà a riconoscere il proprio valore, aumento dell’ansia e della depressione e tutto ciò che nasce dal reprimere le emozioni. Come uscire da questa fangosa situazione? Il primo passo è cominciare ad assumersi la responsabilità di ogni accadimento. Per responsabilità non intendo certo il farsi carico dei problemi altrui. Intendo la capacità di comprendere che ogni situazione nella quale ci siamo trovati e tuttora ci troviamo, è stata – a un qualche livello sconosciuto e profondo – scelta e decisa da noi. In sostanza dobbiamo invertire il sistema di pensiero convenzionale per far emergere una nuova visione della vita.

Possiamo cominciare col domandarci qual è lo scopo di ciò che stiamo facendo, se siamo felici o se potremmo fare le cose in un altro modo. È di grande utilità cominciare a notare come le qualità della concentrazione, della calma, dell’autocontrollo e della chiarezza, rendono possibile lo sviluppo della volontà.

Concentrazione significa dirigere le proprie energie verso un’unica direzione, limitando o annullando la voce interiore che dice di mollare

La meditazione statica o dinamica, in questo caso, può essere un valido allenamento per sviluppare la calma e la concentrazione. Ti suggerisco «Risveglio Interiore» la meditazione guidata che puoi ricevere in omaggio iscrivendoti alla newsletter di www.spiritualcoach.it.

Passare dal dovere a scegliere cosa ci fa stare davvero bene necessità di coraggio e tanta volontà. Sempre più sono le persone che hanno la necessità di allentare la stretta morsa del dovere per dedicarsi ai piaceri della vita. E non intendo solo quelli sporadici, i “momenti d’aria” del sabato e domenica o delle ferie. Intendo la bellezza di svegliarsi la mattina col sorriso, felici di ciò che andremo a fare. Perché solo noi possiamo scegliere e decidere di essere felici: nessun altro lo può fare e nessun altro ci può dare la felicità che stiamo cercando.

Cercare la felicità fuori di noi è come aspettare il sorgere del sole in una grotta rivolta a nord (Proverbio tibetano)

LOVEHEALING®

Da qualche anno ho sviluppato una tecnica che aiuta e sostiene tutti coloro che vogliono essere più felici in ogni ambito della vita: LoveHealing® Corso Base e Avanzato. Se sei curios*, ti invito a cliccare su questo link  ➡➡➡ http://bit.ly/2Esby8E  A presto, per camminare insieme verso una vita più felice!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...