INDIPENDENZA

Qual è il primo momento in cui mettiamo in atto l’indipendenza? Per necessità al momento della nascita, quando il cordone ombelicale viene tagliato (a volte brutalmente) e iniziamo a respirare in autonomia. Un altro momento importante è quando impariamo a camminare: scopriamo che possiamo spostarci per raggiungere ciò che desideriamo.

Questo primo passo è così importante – più di quanto possiamo immaginare – così come lo è il modo con cui lo facciamo: rimarrà la nostra modalità che useremo per camminare nella vita.

Alcuni di noi si sono buttati a capofitto, altri hanno fatto piccoli passi incerti, altri ancora si sono serviti dei supporti che avevano a portata di mano.

C’è chi si dispera e si blocca quando cade, chi si rialza e procede come se nulla fosse accaduto, chi è stimolato e incoraggiato e chi invece è deriso o compatito. Ma tutti, senza distinzioni, continuiamo a proseguire desiderosi di andare verso il nostro obiettivo: imparare a camminare.

C’è una spinta dentro ciascun* di noi che ci invita all’indipendenza, accompagnandoci verso la presa di coscienza di noi stess* come individui e verso quel senso di libertà che tutti quanti ricerchiamo e che siamo venuti ad affermare in questo mondo.

Ma ben presto a molti di noi accade che le circostanze incontrate, per infinite sfumature e motivi personali, ci rendono incert*, dubbios* e ci ritroviamo inconsapevolmente ad essere dipendenti da situazioni e cose. Con il lavoro cerchiamo un’indipendenza economica senza accorgerci che spesso dipendiamo proprio da esso. Diventiamo dipendenti da idee e condizionamenti, dalle regole imposte da qualcuno esterno a noi che – anche se non piacciono – continuiamo a seguire. Dipendiamo da una relazione per paura di restare soli. Non osiamo prenderci la responsabilità di noi stess*, informandoci e ascoltando campane che suonano una diversa musica.

Indipendenza è libertà di osare, slegarci dall’approvazione degli altri per sentirci bene e amati, divenire padroni delle nostre emozioni camminando spavaldi lontano da tutto ciò che ci tiene bloccati a una falsa idea di noi stessi e del mondo

È fare un passo verso noi stessi, all’interno di quell’animo infinito e luminoso da cui ci siamo allontanati e che attende paziente di incontrarci, rinnovat*.

Oggi prenditi un momento per prendere coscienza e scrivere le situazioni che ti rendono dipendente domandandoti: «È davvero necessario per me ora?» Fai mentalmente un elenco di tutti gli oggetti che possiedi e che sono importanti per te: cosa accadrebbe se non li possedessi più? Non è sempre indispensabile fare piazza pulita per sentirsi liberi poiché molto spesso si rischia di gettare ogni cosa per poi pentirsi di averlo fatto. Nella calma, invece, possiamo scegliere cosa tenere e cosa lasciar andare, premesso che quest’ultima parte è un passaggio che va compiuto con pazienza e consapevolezza.

http://www.spiritualcoach.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...