E SE FOSSI APPENA NATO?

image

Immagina, da dove sei mentre stai leggendo, di essere un bambino appena nato che non conosce ancora il significato del vivere nel mondo, pronto a fare esperienza della vita. Immagina di avere un foglio bianco immacolato e una penna.  Immagina di sapere che tutto ciò che scrivi sul tuo foglio bianco e che desideri con determinazione, sarà l’esperienza che vivrai.

. Quali parole usi per descrivere ciò che vuoi?

. Di quali persone ti circondi per ottenere ciò che vuoi?

. Quali parole usi per descrivere la tua felicità nell’aver raggiunto ciò che meriti?

. Con chi sei pronto a condividere ciò che hai ottenuto?

La capacità di immaginare, per molti adulti, è un’attitudine da recuperare. E’ rimasta nel bambino che sognava di sconfiggere pirati e draghi, di volare sulla luna, di indossare corone da principessa e regina. L’adulto di oggi, spesso, non immagina più. Ha chiuso il sogno in una scatola e si lamenta perché crede che gli sia stato portato via da qualcuno. Oppure lo ricorda, sa dove lo ha messo: ogni tanto apre la scatola e lo guarda. O, ancora, ha delegato la propria felicità a qualcun altro e sta aspettando: ma cosa aspetti? Forse crede di non poter realizzare il sogno, perché sognare è da bambini. “Ora sono adulto e responsabile e razionale e concreto.”  E infelice, aggiungo. Questo è ciò che scegli di essere e di cui fai esperienza se lasci che sia qualcun altro a gestire il tuo sogno.

Accorgiti!

Annunci

TALENTO

IMG_9780

Non occorre un particolare talento per assicurare la riuscita di qualsiasi attività, quanto piuttosto il senso dello scopo; non, dunque, la mera capacità realizzativa, bensì la volontà di impegnarsi con energia e perseveranza. Per questo motivo l’energia della volontà può essere definita il vero fulcro del carattere di un uomo: in una parola, è l’Uomo stesso! (Samuel Smiles, 1812)

FINE E INIZIO, INIZIO E FINE

IMG_9636

Molti di noi sono alla ricerca di una vita stabile, lineare, senza scossoni dimenticando che l’unica costante dell’esistenza è il cambiamento che significa sempre la fine di qualcosa a vantaggio di un nuovo inizio. Ognuno di noi ha il suo stile personale per affrontare un cambiamento. Nel mio caso, in alcune circostanze, ho la percezione fisica che qualcosa dentro di me sta morendo. So che è una tappa necessaria affinché io possa accedere a una nuova vita e riconosco che l’unico modo per superare quel momento è accoglierlo, con tutte le emozioni che ne conseguono. Una conquista per me fondamentale per diminuire i momenti di sofferenza avvicinandomi sempre più a ciò che di nuovo si sta preparando per me.  Praticamente:

. Ritaglio del tempo per stare sola. Accolgo quanto più mi è possibile il senso di vuoto andando in un luogo dove mi sento bene e dove poter fare attenzione ai miei pensieri e scriverli.

. In alcuni casi, per un certo periodo, tengo un diario dove scrivo le esperienze di passaggio in questa zona neutra: emozioni, ricordi e tutto ciò che emerge durante la giornata.

. Indago alla scoperta di ciò che voglio veramente in quel momento e quale sia lo scopo. A volte mi domando: “Se la mia vita finisse oggi, cosa ritengo di aver dovuto fare entro questo istante?”

. Cerco di essere il più indulgente possibile con me stessa, considerata la severità con cui a volte mi giudico.

La domanda, ora potrebbe essere: “Quando capisco che mi sono lasciato alle spalle la zona neutra?” Spesso gli indizi possono essere colti solo dopo un po’ di tempo perché nel momento in cui li viviamo non sempre risultano particolarmente evidenti. Quando sei pronto a compiere un passo avanti, ti si presenteranno le occasioni per farlo e l’emozione di quel momento sarà la cartina di tornasole per capire che il cambiamento è avvenuto.  Potresti, per esempio, trovarti a casa di un amico e ti capita tra le mani un libro che cambierà la tua vita. Oppure, a una provocazione, non reagisci più come avresti fatto solo qualche tempo prima.

Un cambiamento richiede sempre piccoli passi, tanta pazienza, capacità di osservare e volontà di procedere verso la nuova vita. Che tu scelga di cambiare oppure no, dentro di te sono presenti potenzialità inespresse, nuovi interessi e talenti che neppure immagini. I momenti di passaggio aprono la strada a una nuova crescita e ti preparano affinché tu possa allestire una nuova scena da interpretare. Cos’è, in questo momento della tua vita, che sta aspettando dietro le quinte il segnale d’ingresso? Accorgiti.

PASSATO

IMG_9772

Sto rileggendo Viaggio a Ixtlan di Carlos Castaneda, uno dei miei maestri, e sono nel punto in cui don Juan dice chiaramente a Castaneda che “la storia personale è merda”; è meglio lasciar perdere il passato e concentrarsi per divenire una persona nuova ogni giorno, coltivando la libertà di essere imprevedibili. Se ci pensi bene, il passato è come una corda elastica: ti permette di procedere per un po’ nella vita per poi riportarti indietro. Un po’ come continuare a leggere l’introduzione di un libro senza mai prendersi il tempo di arrivare alla fine.
Molti di noi sono come foglie in balia del vento, pieni di lamentele e desideri, facili al turbamento, abili nel trovare difetti alla vita, alle persone e a se stessi. Compatirsi, per quanto possa sembrare giustificato, non è certamente il modo per vivere felici. Il potere di un guerriero viene proprio dal fatto che è lui stesso a scegliere il proprio stato mentale. In questo modo ogni singolo momento diventa carico di potere personale resto tale dalla capacità di scegliere e decidere. Non c’è tempo per tornare indietro e cambiare. La vita esige invece che prendiamo delle decisioni.
Oggi fai questo: quando ti accorgi di avere un umore che non ti piace, scegli un tempo per mantenere quella condizione: 1 minuto, 1 ora, 1 giorno, 1 mese … Questo è uno dei modi per riprenderti il tuo potere personale.

1. Ti accorgi di avere un umore “di merda”

2. Ti dai un tempo prendendo coscienza di quanto sia importante impiegarlo al meglio. Meglio passarlo a compatirsi o risvegliare le infinite possibilità?

3. Sei tu a governare la tua vita e non “il caso” o “il destino”, due parole da bandire dal tuo vocabolario.

4. In questo modo stai rispettando il mondo prendendoti la responsabilità della tua vita.

Accorgiti!

GRANDEZZA

IMG_9770

Il dono più grande di chi ha uno straordinario successo non è rinchiuso nell’avere una dote particolare ma nella sua capacità di agire. Nessun pensiero di grandezza diventa esperienza senza un agire adeguato e costante. Accorgiti!

A TUA DISPOSIZIONE

IMG_9010

Cos’è il denaro? E’ un simbolo esteriore di una produzione interiore. Tuttavia, se insegui il simbolo in sé, la produzione interiore si esaurisce.

Molte persone credono vero che il proprio lavoro, gli investimenti che hanno fatto o il coniuge siano l’unica fonte del loro denaro, dimenticando che concentrandosi su queste fonti “esterne” mettono da parte la vera fonte che ne è all’origine.

Il denaro non può darti sicurezza tanto quanto può dartene una profonda conoscenza di Dio (o come ti piace chiamarlo) e del potere dell’universo di provvedere. L’abilità è conciliare la parte spirituale con quella materiale, comprendendo e apprezzando le cause dell’abbondanza, in cui è contemplata la fede di poter ricevere tutto ciò di cui hai bisogno per vivere  nel modo in cui hai scelto.

Ognuno di noi può vivere nella certezza della continua produzione di Amore e cose materiali in perfetta unione.  Senza questa comunione associata a un solido atto di Fede, continuerai a credere di non avere mai abbastanza. Sono infiniti i testi che parlano di ricchezza e abbondanza e tutti, dai più antichi ai più moderni, sottolineano l’importanza di apprendere questa lezione.

Tutti noi arriviamo a un punto nella vita dove siamo spinti a credere che il denaro, in qualche modo, si troverà anche se non ne abbiamo la garanzia. E in quel momento dove le armi del controllo vengono abbassate e una parte di noi permette a una Volontà superiore di esprimersi, ecco che tutto si aggiusta. Tutt’altro che facile, ma sicuramente possibile, e le testimonianze non mancano. Meditare, visualizzare i tuoi desideri, essere grato, gioioso, amorevole e onesto sono elementi che diventano poli di attrazione per l’energia denaro. La pratica costante associata a pensieri e parole di adeguata abbondanza, pongono fine alle limitazioni che affliggono la tua vita.

E se a questo inizio aggiungi un A.I.C. (Alza Il Culo) costante, troverai certamente un universo pronto a mostrarti l’abbondanza. Se non hai soldi, è bene che trovi il modo. L’universo è pronto. E tu, sei pronto a co-creare con lui? Accorgiti!

KOSMOS

I Greci avevano una parola bellissima per definire il Tutto organizzato di ogni cosa esistente, compresi il regno fisico, emotivo, mentale e spirituale: kosmos. L’era moderna ha semplificato questa definizione riducendo tutto ciò a niente altro che materia e dichiarando che tutto ciò che non può essere scientificamente provato, non esiste.

Si parla spesso degli ultimi progressi della fisica che si cono avvicinati ancora di un passo verso la comprensione del nostro universo. Ma queste teorie mettono totalmente da parte aspetti importanti dell’universo stesso, come la mente, l’anima, lo spirito che effettivamente danno un senso alla materia. C’è dunque un altro modo che prende in considerazione il significato di kosmos e che completa la visione dell’universo. Più che una teoria, è la consapevolezza del fatto che le esperienze interiori e quelle esteriori della vita vibravano sulla stessa lunghezza d’onda e, per questo, non possono essere separate.

Non ci stiamo inventando nulla di nuovo. Stiamo solo recuperando una conoscenza che era già presente e della quale filosofi del passato avevano scritto: “Come dentro..così fuori…Ciò che respingi,persiste!Quando l’accetti come parte di te,si dissolve…” Il grosso del lavoro è già stato fatto. Sta a noi tornare alla raffinatezza che solo una mente aperta alle infinite possibilità può sperimentare. E’ un lavoro di nicchia, per ora, al quale ogni individuo presente sul Pianeta può accedere, se sceglie di farlo. Accorgiti!