QUALCOSA DI NUOVO

IMG_9824

Molto spesso la crescita personale deriva non tanto dal fare qualcosa di nuovo quanto dalla capacità di vedere la stessa cosa da un altro punto di vista. Tutti noi abbiamo delle mappe mentali del nostro mondo che in modo errato scambiamo per il territorio che ci circonda: con la cartina di Milano non posso visitare la città di Roma. Restare ancorati alle nostre vecchie abitudini non ci permette di vedere la reale configurazione del territorio sul quale ci stiamo muovendo: abbiamo bisogno di ridisegnare la mappa e cioè “cambiare” il modo basilare di vedere il mondo.
C’è una fase prima di ogni creazione che dev’essere sviluppata al fine di avere successo. Procedere “a braccio” non è sempre vincente. In materia di affari, per esempio, non è possibile procedere senza uno scopo nella speranza di fare soldi. Ogni prodotto o servizio deve essere progettato con chiarezza in fase di creazione. La maggior parte dei fallimenti aziendali deriva da una valutazione a braccio di persone e risorse, da una mancanza di ricerca di mercato o dal fatto di non avere un business plan. Lo stesso vale per la vita: il successo “improvviso” è generalmente il risultato finale di anni pianificati, dedizione e pratica, apprendimento e visualizzazione del risultato desiderato. E’ difficile conseguire un successo significativo e duraturo nel tempo in modo casuale. Avere un’idea di dove voglio arrivare mi permette di vivere in maniera più spontanea perché è chiara la destinazione che desidero raggiungere.
Se vuoi migliorare il mondo intorno a te non imporre mai le tue regole bensì impara a far emergere il meglio da ogni situazione. Le persone che incontri oggi sono un bene inestimabile per procedere verso il tuo obiettivo: ognuna di esse ha un messaggio importante che ti aiuta a comprendere la direzione in cui sta andando. Accorgiti e … prendi nota.

Annunci

TU SEI IL TUO MAESTRO

IMG_9435

Paura, indecisione, senso di colpa sono alcune delle strutture che appartengono da sempre all’essere umano e che ammalano la mente, il corpo e lo spirito. Tutte sono trattabili con un’unica medicina: l’Amore. Cosa significa? Che tutte queste creazioni da noi inconsciamente volute, hanno bisogno di essere amate, accettate, accolte anziché fare come la maggior parte di noi fa: escluderle facendo finta, a volte, che neppure esistono. Ecco, questo è il modo migliore per mantenerne viva l’essenza, permettendo a ognuna di esse di manifestarsi con ancora più forza per un unico scopo: essere osservate e trasformate in qualcosa di più accettabile e conveniente per noi.

Molti sono i modi per rendere accettabili e convenienti le emozioni , e, un primo passo può essere quello di strutturare una frase che si adatti allo scopo. Rivolgendo l’attenzione all’emozione, puoi pensare o dire: “Ti riconosco, ti accolgo e ti dico sì, anche tu sei benvenuta” . Un passaggio semplice, se prendi in considerazione quelle che etichetti come “emozioni leggere”. Nel caso di un’emozione con l’etichetta “pesante” puoi inserire un piccolo inciso: “Anche se in questo momento non avrei nessuna voglia di accoglierti, in ogni caso una parte di me accetta di riconoscerti, accoglierti e dirti sì, anche tu sei benvenuta”.

Non hai perduto nulla della tua capacità di essere felice: hai solo bisogno di ricordare. E lo puoi fare in miliardi di fantasiosi modi, tutti a tua disposizione nel mondo della percezione. Nessuno è migliore di un altro o contiene un segreto più segreto. Ciascuno di essi arriverà nel momento stesso in cui sei pronto a ricevere, e sarà sempre la cosa migliore che ti possa capitare. Utilizza la tecnica, falla tua e poi passa ad un’altra. In questo modo potrai scoprire che “positivo o negativo” sono una separazione che hai messo in atto per restare fedele all’infelicità. La vita non è “bella o brutta” ma un’esperienza da vivere in ogni suo attimo. Accorgiti!

CAMMINO QUOTIDIANO

IMG_9494

Cercare di fuggire alle prese del mondo è impossibile. E’ proprio nei tuoi cammini quotidiani che puoi coltivare l’amore e non lo fai rifiutando ciò che ti accade ma trasformandolo. Lo stato ideale consiste nell’alimentare la gioia che può essere generata solo da te stesso e che da te si esprime nel mondo intorno a te e ti ritorna per confermarti la riuscita di questa estensione. Estendere è la tua vera comunicazione e la sola modalità per conoscere te stesso. Sei circondato da difficoltà? E’ ciò che hai esteso e ti viene restituito. Sei circondato dalla pace? La pace ti sarà data a conoscenza di te stesso.

Affida la tua giornata allo Spirito e muoviti nel mondo come Lui si muoverebbe. Cosa farebbe di fronte a una difficoltà? Come reagirebbe con l’ingiustizia? Cercherebbe lo scontro o la pace? E di fronte a un problema, come reagirebbe: con paura o con fede? Offri agli altri ciò che vorresti ricevere. E’ in questo modo che diventi padrone della tua vita. Accorgiti!

PREZIOSITA’

IMG_9479

Quando è stata l’ultima volta che hai detto a chi è accanto a te “Sei prezioso per me –  Sei importante per me” Dare per scontato non è buona cosa: la vita non è per niente scontata. Insegna agli altri come trattarti: occupati di loro come vorresti che loro si occupassero di te. Ricorda sempre che estendere agli altri significa estendere a te stesso. Accorgiti!

A TUA DISPOSIZIONE

IMG_9010

Cos’è il denaro? E’ un simbolo esteriore di una produzione interiore. Tuttavia, se insegui il simbolo in sé, la produzione interiore si esaurisce.

Molte persone credono vero che il proprio lavoro, gli investimenti che hanno fatto o il coniuge siano l’unica fonte del loro denaro, dimenticando che concentrandosi su queste fonti “esterne” mettono da parte la vera fonte che ne è all’origine.

Il denaro non può darti sicurezza tanto quanto può dartene una profonda conoscenza di Dio (o come ti piace chiamarlo) e del potere dell’universo di provvedere. L’abilità è conciliare la parte spirituale con quella materiale, comprendendo e apprezzando le cause dell’abbondanza, in cui è contemplata la fede di poter ricevere tutto ciò di cui hai bisogno per vivere  nel modo in cui hai scelto.

Ognuno di noi può vivere nella certezza della continua produzione di Amore e cose materiali in perfetta unione.  Senza questa comunione associata a un solido atto di Fede, continuerai a credere di non avere mai abbastanza. Sono infiniti i testi che parlano di ricchezza e abbondanza e tutti, dai più antichi ai più moderni, sottolineano l’importanza di apprendere questa lezione.

Tutti noi arriviamo a un punto nella vita dove siamo spinti a credere che il denaro, in qualche modo, si troverà anche se non ne abbiamo la garanzia. E in quel momento dove le armi del controllo vengono abbassate e una parte di noi permette a una Volontà superiore di esprimersi, ecco che tutto si aggiusta. Tutt’altro che facile, ma sicuramente possibile, e le testimonianze non mancano. Meditare, visualizzare i tuoi desideri, essere grato, gioioso, amorevole e onesto sono elementi che diventano poli di attrazione per l’energia denaro. La pratica costante associata a pensieri e parole di adeguata abbondanza, pongono fine alle limitazioni che affliggono la tua vita.

E se a questo inizio aggiungi un A.I.C. (Alza Il Culo) costante, troverai certamente un universo pronto a mostrarti l’abbondanza. Se non hai soldi, è bene che trovi il modo. L’universo è pronto. E tu, sei pronto a co-creare con lui? Accorgiti!

LA LEZIONE DEL GIORNO

IMG_9029

Come pensiero del giorno, oggi voglio condividere con voi una parte della Lezione 253 di Un Corso in Miracoli, che non lascia spazio al dubbio di un solo esclusivo e piccolo pensiero che qualcun altro possa governare la nostra esistenza.

“E’ impossibile che possa accadermi qualcosa senza che io stesso l’abbia invocata. Persino in questo mondo, sono io che governo il mio destino. Ciò che accade è ciò che desidero. Ciò che non accade  è ciò che non voglio che accada. Devo accettare questo.  Poiché così  vengo guidato al di là di questo mondo alle mie creazioni, figlia della mia volontà, nel Cielo dove il mio santo Sé dimora con loro e con Colui Che mi ha creato.” (L-253.pII.1)

E’ forse questo che spaventa a tal punto da chiudere gli occhi e puntare il dito accusatore contro il mondo che ci circonda? Cosa c’è dietro una totale assunzione di responsabilità? Meditare sulla lezione e rispondere alle domande potrebbe aprire porte inaspettate. Accorgiti.

MI PRESENTO PICCOLE PARTI DI ME

IMG_9179

Fondamentalmente la consapevolezza ha lo scopo di presentarti piccole parti di te stesso affinché tu possa conoscerti. Quando scegli una mentalità dalle risorse limitate la tua condizione è simile a quella di un robot che risponde agli impulsi dei tuoi credo, delle convinzioni e dei condizionamenti personali e collettivi. Quando ti apri al nuovo considerando le differenti opportunità che la vita ti offre mettendo al primo posto la voglia di fare esperienza e di sperimentare, divieni capace di vedere le azioni quotidiane e gli accadimenti della vita da una prospettiva più grande. Il paragone è tra guardare un corteo dal piano terra di un palazzo o cambiare visuale salendo al decimo piano.
Anche la consapevolezza, come ogni cosa nella vita, va scelta e il primo passo è quello di nutrire la tua mente con parole e immagini orientate verso l’abbondanza e la gioia anziché la carenza.
Come spesso scrivo, il punto di partenza per fare in modo che la tua giornata sia più consapevole è al risveglio. Sii consapevole di come ti svegli e cosa fai. Forse pensi che sarà una giornata difficile? Puoi star certo che, presto o tardi, lo sarà. Oppure puoi fare una scelta diversa cominciando, per esempio, con un Grazie per esserti svegliato Grazie per aver dormito in un comodo letto Grazie per poter mettere in tavola una colazione Grazie per … continua tu e fallo per tutto il giorno osservando con attenzione cosa accade. Chissà come andrà la tua giornata? Accorgiti!