STORIE DI DONNE SELVAGGE

IMG_9353

Da lungo tempo abbiamo un mondo di scienza e sapere scientifico senza sapientia — saggezza dell’anima. Immaginate adesso una nuova era, in cui fosse possibile avere una «scienza dotata d’anima», una scienza che attingesse a un mistico «philosophorum» — un modo di vedere, pensare ed essere non determinato dalla routine, o dalla politica, o dall’utilitarismo, o dall’opportunismo, o dal mero freddo realismo, ma passato al vaglio dell’anima.

Immaginate: l’anima informata dalla scienza, la scienza informata nelle proprie applicazioni dall‘anima.

Immaginate se potessimo offrire al mondo un modo di vedere che vada «oltre» — oltre il velo delle apparenze — e sveli come da impercettibili segnali di insufficienza di risorse del pianeta, via via sempre più drammatici, nascano le visibili, atroci guerre che lo insanguinano.

Immaginate di parlare di scienze sociali, bioscienze, scienze politiche — il tutto entro l’ambito delle misure dell’anima, con i anima come abile pensatore e agente. Parlare a più livelli interconnessi contemporaneamente è parlare da profeti nel senso più visionario del termine. Alcuni forse obietteranno che profeta è una parola troppo grande per noi «gente qualunque». Ma che cos’è un profeta se non una persona che vede l’incandescente forza vitale, immanente o perduta, laddove altri passano indifferenti, senza vedere — e, in base a ciò che vede, agisce e parla?

Immaginate di insegnare ai giovani che la tutela di ogni essere umano e la costruzione della pace nel mondo iniziano con la tutela di quelle cose in mancanza delle quali gli esseri umani muoiono, e per le quali giungono a uccidersi: disponibilità in quantità adeguate di acqua, aria, terra non inquinate; raccolti e medicinali; un ecosistema che non privi gli esseri umani del loro habitat, ma li nutra e li ristori, li rilassi e li alimenti, e ricordi loro quotidianamente quella «Fonte che non ha altra fonte», senza bisogno di spiegazioni, o di pagare un biglietto per entrare. Perché si è già là: si è già «a Casa».

(Storie di Donne Selvagge)

Annunci

ALBERI

IMG_8782

Amo la natura e in particolare gli alberi: in primavera quando rinascono a nuova vita così come in autunno, prima di addormentarsi. In estate quando puoi rinfrescarti sotto i loro grandi cappelli e in inverno carichi di neve e cristallizzati dal ghiaccio.

Come ogni altro essere vivente, anche gli alberi hanno i loro Angeli: sono i  Deva, la coscienza Divina delle piante, lo Spirito dell’albero, che abita la loro parte sottile. Alberi come ossigeno di vita, come amici dell’uomo ai quali forniscono nutrimento con i loro frutti, legno per le case, per il fuoco, per i mobili: alberi che contengono il terreno durante le inondazioni, che fanno da rifugio per le piccole creature della foresta, alberi per la bellezza della nostra Terra.

Ci può essere scambio tra esseri umani e alberi? Io credo di si. Uno scambio discreto e sottile, spesso impercettibile. Una volta stabilita la connessione, gli alberi sono in grado di trasmettere e comunicare in maniera discreta per non provocare timore a chi ancora non e’ pronto alla loro presenza.

Si narra che lo Spirito, il Deva degli alberi si manifesti come principio femminile, a volte assumendo perfino un aspetto del tutto umano, in forma di bellissime fanciulle: per questo motivo molti alberi sono oggetti di culto e venerazione.

Favole, fantasie? Poco importa per chi conserva lo spirito bambino di chi osserva curioso e gioca con la vita. E con questo spirito che si è in grado di interagire con loro, ascoltarne i racconti di terre lontane e talvolta storie personali, affascinanti e coinvolgenti che possono aiutare nei momenti meno rosei.

Quando hai bisogno di lasciar andare la confusione, quando vuoi risposte alle tue domande o vuoi più armonia nella tua giornata, trova un momento per camminare nella natura, guardandoti intorno. Scegli un albero e siedi con la schiena appoggiata al suo tronco: rimani lì, semplicemente, ponendo le domande e attendendo le risposte. Ti stupirai di come la natura sia un valido sostegno in particolari momenti della vita: e quando hai terminato ringrazialo e lascia qualche briciola di pane sulle sue radici.

ACCORGITI!

IMG_9636

Si cresce sempre e sempre si impara, in ogni occasione e situazione, soprattutto nei momenti di difficoltà. Quando sto bene, ringrazio e imparo a celebrare e godere del momento: apprendo una lezione che porta valore alla mia vita. Quando sto male, anche in quel caso ringrazio poiché sto imparando una lezione che porta altrettanto valore alla mia vita. Le cose non accadono a me ma per me. Accorgiti!

RISVEGLIA LA LUCE CHE E’ IN TE E ILLUMINA IL TUO CAMMINO

IMG_9205

Ci vuole una buona dose di coraggio a godersi la vita, presi come siete ad occuparvi di attività frenetiche della vita quotidiana e al groviglio interiore dei pensieri, dei giudizi e delle valutazioni. Oggi limitati ad “essere”, senza fare nulla. Potrebbe essere la cosa più complicata che tu abbia mai fatto. In questo giorno prenditi almeno un’ora per restare con te stesso e scopri cosa significa accorgersi di se stessi. Buona domenica e buona rivelazione.

COSA ACCADREBBE SE NON AVESSI PIÙ SCUSE?

IMG_9463

Quanto costa un cambiamento? Tutto il tempo che hai impiegato a mettere in atto l’abitudine che vuoi cambiare. Per questo motivo é complicato, a volte difficile compiere azioni adeguate che ti portano a ricapitolare il tuo passato. E anche quando la vita, sotto tua specifica richiesta cambia le carte in tavola, fai di tutto perché la situazione possa tornare com’era. Un modo di essere, bello o brutto che sia, é il tuo modo di essere. Lo hai voluto fortemente, lo hai nutrito e cullato nella tua mente fino a farlo diventare parte di te. Desiderare che cessi di esistere equivale al desiderio di amputare una parte d éel tuo corpo: ti amputeresti a mani basse un braccio? Ecco perché il cambiamento é accattivante da un lato mentre dall’altro é estremamente complicato.

Se vuoi davvero cambiare, il primo passo é essere trasparente con te stesso smettendo di raccontartela e di accontentarti. Scegli ciò che ti fa stare bene. Scegli il meglio. E poi agisci. Nulla é più straordinario di un’azione compiuta con amore verso te stesso e in totale coscienza. Sicuramente molto meglio che muoverti sotto l’anestesia di credenze che limitano il tuo potere personale. Accorgiti!

SCEGLI E DECIDI

IMG_9080

Ovunque tu volga lo sguardo, anche in questi tempi di incertezza economica, un crescente numero di persone sta festeggiando al banchetto della prosperità mentre gli altri si accontentano delle briciole che cadono dalla tavola. Il viaggio verso la ricchezza e la libertà finanziaria comincia nell’istante esatto in cui decidi che il tuo destino è la prosperità e l’abbondanza, non la povertà e la carenza. Basta un istante per decidere. Decidi ora. E questo sarà il punto di partenza. Accorgiti!

IO SONO RESPONSABILE DEL MIO BENESSERE

IMG_9526 (2)

E’ forse scontato essere positivi? Tutt’altro! La maggior parte del genere umano sviluppa con il tempo una straordinaria attitudine alla catastrofe. Ne sono un esempio i media, dal cartaceo ai social, dove si possono trovare le forme più acute e fantasiose. Ti sei fermato un attimo a riflettere e osservare i tuoi pensieri di fronte a una notizia, a un’immagine spaventosa e violenta? Ti invito a farlo, scrivendo ciò che pensi senza filtro. E’ utile comprendere se stessi e riconoscere i pensieri con cui ci nutriamo. Potrebbe aiutarti nel far luce su alcuni aspetti della tua vita che ancora sembrano essere scadenti o inesistenti.
Immagina per un attimo come sarebbe la vita sulla Terra se tutti gli esseri umani riuscissero a utilizzare i momenti di difficoltà come stimolo al miglioramento, anziché piangersi addosso. Cosa pensi accadrebbe?
Stare bene è una personale responsabilità ed è l’unica condizione per generare una vita soddisfacente. Accorgiti!