IL PENSIERO IN OGNI COSA

IMG_8959

A livello virtuale, qualsiasi cosa può essere tua. E tu puoi essere tutto ciò che vuoi, se sei i grado di sviluppare una fiducia incrollabile, totalmente priva di dubbio. Il principale fattore che ti lega al successo é la capacità di nutrire convinzioni sul tuo conto e sul tuo posto nel mondo. Cosa pensi di te, delle persone intorno a te, della vita, del mondo, con forza e fiducia si realizza, sempre.
Accorgiti!

CIO’ CHE CERCHI PUO’ ESSERE TROVATO IN UNA SOLA ROSA O IN UN PO’ D’ACQUA …

ilpp

«La verità è che il seme che porta con sé ogni bambino alla nascita rimane sepolto sotto uno spesso strato di asfalto imposto dalla società. Da questo momento in poi, si entra nella seconda tappa del processo di costruzione della nostra personalità: l’ignoranza, che comincia durante la pubertà, dopo che si è modellato il nostro sistema di credenze. Cominciando a vivere secondo la programmazione con cui siamo stati condizionati, ci sentiamo profondamente insicuri e confusi, e da qui si scatenano le crisi adolescenziali. E non solo. Più pensiamo e funzioniamo secondo questo sistema di valori altrui, più il condizionamento si consolida nella nostra mente, andando a formare la cosiddetta personalità. Ripetendoci di continuo le norme sentite nell’infanzia su come dobbiamo essere, cosa dobbiamo fare e avere per farci accettare come individui ‘normali’ dalla nostra società, alla fine diventeremo ciò che crediamo di essere. Ma in realtà, per quanto possa far male riconoscerlo, c’è chi rimane ancorato a questa fase per il resto della vita. Alla paura del cambiamento, molti preferiscono il malessere, il vuoto, la tristezza e la rabbia causati dal non voler diventare chi sono davvero. Ecco perché c’è chi coltiva cinquemila rose nello stesso giardino… e non trova quello che cerca. E tuttavia quello che cerca potrebbe essere trovato in una sola rosa o in un po’ d’acqua. Ma come sapete, gli occhi sono ciechi. Bisogna cercare col cuore», spiegò Pablo Principe, mostrando il suo lato più poetico, ispirato ad Antoine de Saint-Exupéry.
(Il Piccolo Principe si mette la cravatta)

Un regalo di Grace …