E COSI’ SIA

IMG_9405

Ti sei mai domandato come mai alcune richieste espresse sottoforma di preghiera non vanno a buon fine? E, forse, sono proprio quelle più importanti, alle quali tieni di più? In modo tradizionale, la preghiera consiste in una serie di richieste a Dio (o come più ti piace chiamarlo) che terminano con l’espressione “così sia”. Il più delle volte sono formulate nel dubbio e, quindi, nella mancanza di fede. La fede è una questione semplice: è la conoscenza che qualcosa di buono si sta prendendo cura di te e della tua vita, e sta accadendo proprio adesso. Quando le preghiere -anziché essere suppliche rivolte solo nei momenti di disperazione- diventano delle occasioni per ringraziare, sono la manifestazione del processo di co-creazione con Dio e non più la mera speranza che Lui si possa accorgere di te.
Quando fede e azione si mescolano diventando tutt’uno, scopri la magia della manifestazione.

Come in Cielo (nella mente Una) Così in Terra (nel tuo corpo, nel tuo ambiente, nella tua vita terrena). E così sia. Grazie Grazie Grazie.


Accorgiti!

Annunci

E’ FELICE CHI SCEGLIE DI ESSERLO

Image

La felicità va sviluppata con il passare del tempo ed occorre scegliere di applicare lo stesso sforzo e la stessa determinazione che usiamo per sviluppare il successo mondano e il raggiungimento degli obiettivi materiali. Potrebbe essere una delle scelte più importanti della vita, se la si vuole come costante e non come un’apparizione una tantum. Gli aspiranti alla felicità sperimenteranno inevitabilmente alti e bassi, ma l’allenamento ad essa permetterà di riconquistare molto rapidamente uno stato positivo portando la propria condizione mentale a un livello significativamente maggiore. Dunque, la felicità è una scelta. Accorgiti!

RISVEGLIA LA LUCE CHE E’ IN TE E ILLUMINA IL TUO CAMMINO

IMG_9205

Ci vuole una buona dose di coraggio a godersi la vita, presi come siete ad occuparvi di attività frenetiche della vita quotidiana e al groviglio interiore dei pensieri, dei giudizi e delle valutazioni. Oggi limitati ad “essere”, senza fare nulla. Potrebbe essere la cosa più complicata che tu abbia mai fatto. In questo giorno prenditi almeno un’ora per restare con te stesso e scopri cosa significa accorgersi di se stessi. Buona domenica e buona rivelazione.

NO CHAINS

IMG_9179

Cosa imprigiona la tua energia? L’essere lamentoso, orgoglioso, insoddisfatto, arrogante nel presumere di conoscere e sapere tutto.
Cosa espande la tua energia? Conoscere te stesso attraverso le emozioni, esercitare gratitudine per ogni cosa che hai, farti domande come “Cosa mi sta dicendo la vita? – Come e cosa posso fare per …? Qual è lo scopo di tutto questo?” e risponderti, scrivere le risposte e mettere in pratica utilizzando una tecnica infallibile: A.I.C. – Alza il Culo.
Puoi sbarazzarti del tuo passato solo prendendolo in considerazione, accettando ciò che è stato, ringraziando per come è stato: così il tuo futuro è migliore. L’anima vola solo se le togli le pesanti catene che tu stesso hai costruito e indossato.
Accorgiti!

MEDITATIONTIME

IMG_9145

La vera pace si raggiunge andando oltre le paure e uno dei modi per farlo è sviluppare i tuoi “muscoli spirituali”. L’idea arriva da un libro intitolato “Il filo del rasoio” di Maugham dove l’autore scrive: “E’ difficile passare oltre il filo del rasoio; per questo i saggi dicono che la strada verso la salvezza è dura”.

Siamo equilibristi che camminano sul filo della vita, dove da un lato c’è un’esistenza fatta di ricerca della sicurezza, conformismo e riconoscimento a livello sociale. La maggior parte delle persone ricerca più stabilità economica, una vita professionale e sociale di successo, una relazione di coppia felice. Direi che va benissimo, se si è disposti a vedere anche il rovescio della medaglia. Perché, dall’altra parte c’è il perdersi all’interno di una ricerca più ampia che vuol trovare il senso della vita. E quest’ultima scelta – generalmente – non viene fatta volontariamente. Ricercare lo scopo della vita, molto spesso, è uno stimolo che proviene da “agenti esterni” come per esempio un malessere, qualcosa che non funziona, uno stordimento momentaneo che porta a riflettere su come stai vivendo in quel momento.
Per il momento l’abitudine alla meditazione non è un argomento scolastico: meditare in modo consapevole significa portare l’attenzione a ciò che accade intorno facendo silenziare la mente. Eppure sempre più persone che dedicano la loro vita al successo personale, professionale o sociale conoscono l’importanza di dedicare momenti al silenzio per avere nuove idee, risolvere vecchie idee, vivere nella consapevolezza del proprio scopo.
Non è necessario perseguire il proprio scopo di vita rinchiudendosi in un monastero in cima alla montagna: lo puoi fare facendo ciò che fai, proprio in questo momento, vivendo nel mondo, essendo grato per ogni cosa e amandolo per come si presenta.
Ti lancio una sfida: da subito puoi cominciare ad allenare i tuoi muscoli spirituali dedicando ogni mattina 15 minuti del tuo tempo alla meditazione. E’ facile: ti basta stare seduto con la colonna vertebrale eretta, chiudere gli occhi e portare l’attenzione al tuo respiro. Poi affronta normalmente la tua giornata prendendo nota di ciò che accade, di come reagisci agli stimoli quotidiani, come affronti i piccoli o grandi problemi personali e professionali.
Fai questo per 21 giorni, accorgendoti di ciò che succede. Stai pensando che 15 minuti sono troppi, che non hai tempo, che la mattina è “difficile” perché hai i minuti contati? Fai una riflessione: i muscoli spirituali, esattamente come i muscoli del corpo fisico, hanno bisogno di essere allenati per restare in forma.
Essere felici ha un prezzo da pagare, come ogni cosa nella vita. Io credo ne valga la pena. Inoltre è scientificamente provato che meditare venti minuti al giorno può allungare la vita di 10 anni. Un piccolo impegno quotidiano per una vita migliore. A te la scelta.
Accorgiti!

2014-01-02 14.56.40

Questa mattina poniti una domanda: “Preferisco adeguarmi alla vita che ho anche se non mi piace o scegliere di rischiare per la vita che voglio?”. Buona Giornata e …. Accorgiti!

CHOICE

IMG_9551

Sii libero. Rifiuta un punto di vista collettivo e crea una spiritualità che sia esclusivamente tua. Solo tu puoi conoscere te stesso e lo fai sempre e solo attraverso gli altri. A volte ti piacerà ciò che vedi, altre volte un po’ meno.
Se ti piace, rinforzalo con pensieri di gratitudine. Se non ti piace, sii grato ugualmente poiché hai trovato una parte di te da poter migliorare, scegliendo diversamente. Puoi fare in questo modo: quando non sei felice è perché stai scegliendo di non esserlo: guardi l’altro o la situazione come un nemico da sconfiggere anziché come un’opportunità da cogliere. Se scegli di cogliere l’opportunità, offri alla persona o alla situazione ogni cosa bella che vuoi ottenere in quel momento: pace, serenità, amore, abbondanza, felicità, gioia, equilibrio … Se “dare è ricevere”, donare amore è ricevere amore così come donare paura è ricevere paura. A te la scelta.
Oggi scelgo di offrire abbondanza e ricchezza a ognuno di voi affinché io possa imparare.
Accorgiti!