APPREZZAMENTO

Reflection_by_G_Crew

Gli uomini sono turbati non dalle cose che accadono, ma dall’opinione che danno alle cose che accadono. (Epitteto)

Apprezza il mondo così com’è e non come vorresti che fosse. Questa è una delle chiavi per aprire la porta della vera felicità. Accorgiti!

IL MARE IN BURRASCA

496430_more_shtorm_mayak_pejzazh_4540x2687

E’ la paura stessa che ci fornisce la possibilità di diventare straordinariamente felici. In essa trovi la forza. La tenacia, la capacità di rialzarti: è la vera sfida. All’inizio potrebbe essere vissuta come una “sfida” per poi diventare, pian piano, la via verso la fede che qualcosa di buono accade sempre. Ogni cosa che accade è perfetta per crescere, comprendere, evolvere: ogni singola cosa.

Non è una sfida tra bene e male, una lotta. A parer mio è un’onda che si alza e si abbassa, come le maree, come la luce che lascia posto al buio e viceversa. E’ una comprensione di ruolo dove ognuno ha il suo scopo preciso che viene attivato dalla tua propria volontà. A volte senti di dover fare esperienza della paura, e così sia, e in essa trovi la chiave per aprire la porta di un’altra felicità. A volta è un mare in burrasca mentre altre è la calma piatta. Cosa c’è di brutto in un mare in burrasca o nell’essere piatto? Nulla, se lasci che sia. Ogni condizione è perfetta, sempre. La disarmonia della paura è solo una tua percezione. In sé essa è perfetta per farvi vivere ciò che hai chiesto, inconsapevolmente a volte, altre l’hai vista arrivare ma non hai cambiato direzione. Sei rimasto sulla sua traiettoria, consapevole a un qualche livello, della sua imponenza.

INCONTRI SACRI

reflection

Negli altri c’è sempre il riflessione di ciò che siamo, in ogni senso. Riconoscere ciò è riconoscere l’unità che abbraccia il singolo con il Tutto. Certo, è più facile vederci riflessi nella bellezza che ci circonda. Molto meno semplice è riconoscere parte del nostro essere nella distruzione e nella devastazione.

Siamo anche quello: nel nostro piccolo mondo siamo capaci di distruggere, magari a piccole dosi, quelle dosi che non ci fanno pensare a quanto male ti stai facendo: quando rinunci ai tuoi valori, ogni volta che dici “si” per paura di perdere, quando ti arrocchi sul tuo orgoglio laddove basterebbe lasciarti andare ad un abbraccio.

La capacità di distruggere è insita in ogni essere umano, dalla più lieve alla più devastante. Sono i piccoli malesseri, uno vicino all’altro, che portano ad un malessere più grande. E lo stesso vale per le piccole gioie, una vicina all’altra, che forgiano la volontà di scegliere di essere felice.

Accorgiti, oggi, ogni volta che hai la tentazione di giudicare. Poniti una semplice domanda: Qual è il fastidio che percepisco? Cosa può pensare una persona per comportarsi in quel modo? In passato, magari in una forma differente, ho avuto anch’io un pensiero simile? Se sì, in quale occasione?

Conoscere se stessi è la vera sfida e lo possiamo fare solo ed esclusivamente guardando il mondo che ci circonda. Con questi occhi, ogni essere diventa maestro di vita, nella comprensione che ogni incontro è davvero sacro.

Accorgiti!

PASSO DOPO PASSO

Being-Different-Difference-520

Il cammino è importante. Compiere passi è importante. L’essere per intero si riflette nella pianta dei piedi. Ci sono metafore che indicano il primo passo come quello più importante per compiere grandezze. Le persone care, i cani, i gatti ci riconoscono dai nostri passi. Eppure c’è gente che vive chiusa totalmente nella propria mente e non si cura dei propri passi, come se la terra potesse in qualche modo macchiarli. Ho conosciuto una donna che, dopo aver compiuto il suo primo passo in mezzo al bosco, in un paio di scarpe da passeggio, ha imparato a trasformare la sua vita. Le sue scarpe, alla fine del percorso, erano sporche di fango: mai visione fu così bella per lei, a tal punto che le fotografò.

Quando compiamo qualcosa nei confronti degli altri, il nostro passo dev’essere leggero, come se il terreno fosse il nostro. Quando vogliamo arrivare prima, una piccola corsa va bene. Per riflettere  è ottimo compiere dei passi, uno dopo l’altro, così come per arrivare dove vogliamo: un passo dopo l’altro. Anche se piove, anche se nevica … un passo dopo l’altro e la vita cammina con te.

Accorgiti!

AUTUNNO

10712848_10203018658974534_2578732305057694528_n

Ogniqualvolta mi capita di ascoltare un episodio in cui un bambino, un anziano, un malato, un animale o comunque un essere che ci appare fragile, innocente ed indifeso, è stato abbandonato, mi sento toccata nel profondo. E così nasce indignazione, biasimo o rabbia verso chi agisce in quel modo. L’abbandono suscita in molti di noi emozioni intense legate al concetto di perdita e negazione dell’amore. Abbandonare ed essere abbandonati sono così intrinsecamente legati ad emozioni di paura che generano attaccamento alle cose materiali o ai sentimenti: ansia e preoccupazioni iniziano a farsi strada con un risultato di perdita e una sensazione di essere lasciati in balia di noi stessi.

Così mi sono chiesta: come mai accade tutto ciò?

Questa è stata la risposta: mi sento  toccata e coinvolta  perché la paura dell’abbandono è una sofferenza che vive dentro di me e in ogni essere vivente, anche se a volte non ne siamo consapevoli, anche se nessuno (a memoria) si è comportato così nei nostri confronti. E’ una paura che ferisce tutto il genere umano e  nasce nel momento in cui veniamo al mondo: nell’attimo in cui la nostra anima si separa dal suo mondo di luce e si incarna in una coscienza di dualità, c’è un’apparente separazione dalla totalità dell’amore, che vive nella virtualità, oltre questa dimensione. Ognuno di noi ne porta il ricordo, nascosto dentro di sé, nella mente: ecco perché l’abbandono suscita tali reazioni e non serve resistergli o reagire con idee, atteggiamenti ed azioni che la vogliono negare o esorcizzare.

Quante volte, mossi da una inconsapevole reazione al timore di non essere considerati – con la paura dell’abbandono nel cuore –  abbiamo agito allo scopo di sentirci più apprezzati nel rapporto di coppia, con la nostra famiglia, con i figli e persino con i semplici conoscenti occasionali? Il senso del possesso e dell’attaccamento sia alle cose materiali che affettive, sono reazioni alla paura di essere lasciati soli, senza l’amore di cui ognuno di noi ha bisogno per vivere.

Ma in ogni situazione vissuta c’è sempre il rovescio della medaglia. E allora proviamo a pensare all’abbandono come a “movimento, crescita, arricchimento”.

La natura, come sempre, viene in aiuto per facilitare la comprensione: quando finisce la stagione della fioritura le foglie si preparano a cadere assumendo i colori vivi della rossa forza vitale e dell’arancio e giallo, la gioia e l’intelligenza iniziando un nuovo ciclo di coscienza. Con i colori la natura si prepara ad assumere una forma diversa, senza perdere la vita. Non c’è morte bensì trasformazione. Possiamo imparare dalla natura e lasciare, quando è il momento giusto per noi, che le “foglie” delle nostre false idee, dei cerchi oramai chiusi che continuiamo con sforzo a tenere aperti, cadano leggere una ad una:  non c’è dolore in questo ma dolcezza e sentimento.

Possiamo immaginare la nostra mente con un grande albero secolare e i nostri pensieri disturbanti come a foglie che si preparano a staccarsi leggere, dall’albero della mente: lo fanno con gratitudine lasciando spazio a una nuova consapevolezza. Questa immagine amorevole, che va al di là dello spazio e del tempo, può essere un valido aiuto per imparare e comprendere che l’abbandono è impossibile: l’albero della mente è tutto ciò che siamo e fluire in lui permettendo alla vita di fare il suo corso significa rendere grazie all’amore e alla felicità.

Questo è uno dei modi per aprirci a una nuova visione: così incontriamo Dio che dimora in ognuno di noi riconciliandoci con Lui e con la parte più profonda di noi stessi e dare così un nuovo significato alla Vita.

Oggi mi accorgo.

IO COSA VOGLIO?

img_7208
Esiste sempre un posto preciso dove vuoi andare. Un fatto è dire a se stessi “Vorrei tanto poter fare, avere …” “Sarebbe bello se avessi, potessi…” e l’altro è domandarsi “Io cosa voglio?”. Le prime affermazioni ti tengono appeso in una condizione di speranza inattiva: sono dichiarazioni che fermano volontà e azione innescando il lamento. La seconda affermazione prevede che tu prenda carta e penna e cominci a scrivere dettagliando, nero su bianco, ciò che vuoi veramente: rimarrai sorpreso dal risultato.

E’ dimostrato: le persone che scrivono i loro obiettivi, tendono – la maggior parte delle volte – a raggiungerli mentre chi non lo fa va alla deriva. Oltre a elencare precisamente cosa ti occorre e cosa desideri, scrivi anche le doti personali che vuoi sviluppare, chi vorresti avere accanto e in quanto tempo desideri arrivare al traguardo. E poi applica il metodo LIFE© – leggere, immaginare, formarti, agire –
A quel punto difficilmente penserai, guardando una persona di successo, che ha avuto particolare fortuna perché avrai compreso che “fortuna” e “fato” non hanno a che fare con successo e fallimento. Ciò che chiami “fortuna” è in realtà una conseguenza diretta della corretta applicazione di leggi presenti in natura – quando riconosciute – in modo efficace.

Il condizionamento mentale è il fondamento della ricchezza e tu ne sei l’unico responsabile.
Accorgiti!

DIVENTI SEMPRE QUELLO CHE HAI IN MENTE

gli_altri-3-2-2

Un poco, ogni volta, ho scoperto che esiste una connessione sottile e invisibile che unisce tutti gli insegnamenti che ho ricevuto: nessuno è staccato dall’altro. Ogni insegnante, ogni persona che ho incrociato sul mio cammino è stata un Maestro di Vita dal quale ho attinto ciò che mi era utile in quel momento. A volte con piacere ho accolto subito l’offerta, altre volte ho dovuto elaborare l’insegnamento.

Quando accetti il fatto che ogni persona che incontri riflette un piccolo pezzettino di te, inizi a credere che nulla è davvero separato e che la separazione è solo un punto di vista, che puoi ristrutturare, se ne hai la fede e la volontà.

E’questo elemento, l’unione, che mi ha portata a vedere un mondo differente, dove poter davvero raggiungere il successo nel suo significato più ampio: la capacità di far succedere ogni cosa che la mia mente è in grado di immaginare. Perché, che mi piaccia o no, divento sempre quello che ho in mente. Ogni cosa, grande o piccola che sia, ha inizio con un pensiero e trova l’impeto della realizzazione nel fatto stesso di credere. Oggi questo è il mio promemoria che, forse, potrà esserti utile.