COSA SEI DISPOSTO A PERDERE?

La vita è difficile! E’ vero, per me lo è stato finché non ho scoperto il perché: non avevo ancora incontrato la mia anima.

Collegarsi all’anima è naturale come respirare. Se domandate a un gruppo di persone: “Tu credi di avere un’anima?” la maggior parte risponderà di sì. Il fatto è che pochissime fanno esperienza della propria anima: tutte le altre credono di dover sviluppare “poteri” particolari o credono di poter avvicinare la propria anima solo in alcuni momenti e attraverso rituali specifici.  Evitano il sentiero spirituale perché pensano che sia legato a dogmi religiosi, che sia troppo difficile, arduo e che richieda rinunce e sacrifici: ma non è forse la vita di tutti i giorni ad avere queste caratteristiche?

In realtà essere collegati alla propria anima è molto semplice: lo sforzo è (semmai) per tenerla a distanza, e  lo facciamo con le lotte quotidiane, con la rabbia e la paura, con il rimorso e l’ansia di non riuscire. Quando smettiamo di combatterla, la strada che conduce all’anima si manifesta naturalmente.

Quando incontriamo gli ostacoli nella quotidianità è perché prima abbiamo creato degli ostacoli interiori che bloccano il flusso della vita che scorre dall’anima alla mente e al corpo. Se il flusso non fosse bloccato, porterebbe con sé tutto ciò che l’anima ha da offrire. Se impariamo a lasciar libera questa comunicazione, ogni cosa ci viene rivelata: la verità appare e i problemi trovano la loro soluzione.

Tutti noi abbiamo accettato che “la vita è difficile” e lo possiamo verificare ogni giorno semplicemente guardandoci intorno.  Invertire il flusso del pensiero collettivo richiede una volontà incisiva e determinata che spesso ritroviamo solo quando la vita ci sbatte la porta in faccia. Io credo sia possibile fare qualcosa di diverso come, per esempio, accettare il fatto che c’è sempre un altro modo per guardare una situazione.

Ti svelo il mio modo, quello che utilizzo nei momenti difficili:

  • Accettare la situazione: imporsi con il lamento è il modo migliore per soffrire. Accettare invece la situazione permette al flusso dell’energia vitale di scorrere e far emergere una visione più felice. “Riconosco questo momento difficile e lo accolgo come parte di me” è una delle frasi che utilizzo per integrare la difficoltà.
  • Ci deve essere un altro modo! Immagina di avere solo due possibilità: una è il problema e l’altra la soluzione. Se persisti nel restare agganciato al problema lamentandoti e arrabbiandoti lascerai intatta la catena che lega i problemi uno all’altro. Per spezzare l’incantesimo, puoi scegliere di dare un tempo alle emozioni negative (1 minuti – 1 ora – 1 giorno etc…) e al termine pensare al modo migliore per risolvere la questione.

Adottare queste due strategie relativamente semplici o altre che potere imparare, richiede un unico sforzo: ricordarsi di farlo. Possiamo cambiare migliorando la nostra esistenza in ogni istante se lo vogliamo e il mondo ci offre un’infinità di modi.

Alla domanda: “Vuoi cambiare?” la maggior parte risponde di sì. “Cosa sei disposto a fare per cambiare?” quasi tutti rispondono: “Qualunque cosa!”

“Sei disponibile a lasciar andare la tua vecchia vita e accettarne una completamente nuova?” ………..  Accorgiti!

Annunci

STESSA STRADA STESSA PORTA

Ogni viaggio che compiamo all’interno di noi stessi è altamente trasformante.

Quando leggiamo un libro che espande la  nostra conoscenza, quando partecipiamo a un corso di crescita personale, quando incontriamo qualcuno che ci mostra nuovi punti di vista rispetto al mondo: ogni volta, in ogni viaggio dentro di noi avviene un cambiamento piccolo o grande, consapevole o inconsapevole.

Ogni viaggio che compiamo all’interno di noi stessi è per conoscere le parti negate, quelle che racchiudono le risorse più grandi, le talentuosità, la magia del cambiamento, il potere della scelta. Scoprire che la fragilità è un punto di forza o che la paura può diventare il motore per andare avanti significa togliere il velo che noi stessi abbiamo appoggiato – dimenticando di averlo fatto – e che ci ha fatto credere di essere lontani da noi stessi.

Ogni viaggio che compiamo all’interno di noi stessi trasforma il mondo intorno, a volte in maniera quasi impercettibile altre volte più consistente. La vecchia immagine di noi viene lasciata a terra, come la pelle di un serpente quando si rinnova. Qualcosa, dentro, si è acceso e la luce ha illuminato quella parte che credevamo non potesse esistere.

Imparare ad accogliere le sfumature è un viaggio meraviglioso, come quando percorri per molto tempo la stessa strada e ti accorgi di un particolare che c’è sempre stato, ma del quale non avevi accolto la forma, o sentire che la strada “diversa” come se la stessi percorrendo per la prima volta.

La strada è sempre la stessa. E’  il modo in cui la guardiamo che è cambiato. Ci siamo accorti.

(nella fotografia: Paola Calligaro)

LA VERA RIVOLUZIONE FEMMINILE E’ LA CONOSCENZA

Un articolo che nasce dall’ennesimo racconto di un gesto violento consumato tra le mura domestiche. Inizia con la splendida visione di Michela Murgia, autrice del libro Ave Mary, e termina con la mia visione personale.

“Nel 2007  è stato pubblicato il primo studio italiano sulla violenza alle donne. Lo ha realizzato l’Istat su un campione di venticinquemila donne tra i sedici e i settant’anni in tutto il territorio, e i risultati impressionano anche i più ottimisti. In Italia sono 6,7 milioni le donne che subiscono ogni anno violenza fisica o sessuale (quasi quattro donne su dieci nel campione considerato), nel 69,7 per cento dei casi commessa dal partner, attuale o ex. Ma il dato più significativo è che solo il 18 per cento delle vittime ritiene che le violenze tra le mura domestiche siano reato: infatti il 93 per cento delle volte non le denuncia alle autorità. Quarantacinque donne su cento non ne parlano neanche con le amiche o con altri familiari, come se in fondo considerassero quelle violenze il rischio implicito e calcolato della vita con un uomo. Sono dati che turbano, ma non sorprendono. Personalmente posso dire che si avvicinano per difetto a quella che è la statistica delle condizioni di convivenza – matrimoniale o no – tra le donne che conosco.

A lungo mi sono chiesta come fosse possibile che persone intelligenti, il più delle volte colte, spesso autonome economicamente, accettassero di essere oggetto di violenza all’interno della propria relazione. Adesso so che contano l’educazione femminile, frutto di secoli di addestramento alla subordinazione, e anche la parallela formazione maschile, imbevuta di proiezioni dominanti e possessive. Contano i modelli sociali patriarcali, e conta moltissimo la sensibilità popolare educata all’idea che uno schiaffo sia solo una carezza veloce, nella convinzione diffusa che l’amore sia tale anche quando procura occhi pesti, zigomi lividi e sospette cadute dalle scale. Conta persino che ogni titolo di quotidiano insista nel definire “delitto passionale” l’omicidio di una donna per mano del suo uomo, come se la morte fosse amore portato alle sue estreme conseguenze. Conta che il diritto italiano abbia considerato la violenza sessuale come reato contro la morale (e non contro la persona) fino al 1996, data fino a cui non era affatto scontato che potesse trattarsi di reato se la vittima di un pestaggio era la moglie dell’aggressore. Dentro queste dinamiche, però, è impossibile che non abbia avuto alcun peso l’idea di copia trasmessa dall’insegnamento religioso tradizionale.

La domanda doverosa e la risposta è di grandissima importanza per la condizione delle donne, di tutte le donne, non solo di quelle credenti e sposate: è ipotizzabile che esista un legame concreto tra il quadro desolante della prassi violenta nelle famiglie e il modello relazionale al quale secondo la Chiesa cattolica deve conformarsi la coppia per potersi definire cristiana?

La teologa Virginia Ramey Mollenkott, nel suo saggio del 1991 Dio femminile, in riferimento alla raffigurazione di Dio come essere maschile, notava che “il tipo di relazione che viene suggerita quando solo un partner è come Dio è una relazione di dominio/sottomissione. Il tipo di relazione dove entrambi i partner sono come Dio è la reciprocità”.  E’ fuori dubbio che la relazione su cui si fonda il matrimonio cattolico appartenga al primo tipo, ed è quindi tutt’altro che illogico supporre che le sue conseguenze siano quelle che deriverebbero da qualunque rapporto impostato su dominio e sottomissione.  La narrazione univoca della donna funzionale – sposa e madre – impone alle donne di muoversi entro ruoli rigidi e le condanna a essere considerate sovversive e marginali ogni qualvolta provino a immaginarsi in modo alternativo. Per contro, la medesima narrazione impone ai mariti il ruolo dominante e le frustrazioni che ne derivano qualora si tenti una relazione più equa. Se è vero che le parole generano realtà – e quelle liturgiche sono per antonomasia le più potenti – deve esserci un collegamento tra la narrazione suggerita all’uomo e alla donna come marito e moglie e i modi in cui quella narrazione viene tradotta.

Non è stato il cattolicesimo a inventare la prassi della subalternità della donna nel matrimonio, né la concezione di inferiorità che la fonda; è anzi evidente che quell’idea esisteva da secoli. Tuttavia i padri della Chiesa potevano scegliere di utilizzare il potenziale destabilizzante e innovativo dell’annuncio cristiano della figura di Maria per modificare alla radice le situazioni di ingiustizia e svalutazione della persona che quel sistema imponeva e continua a imporre. In forza del sacrificio di Cristo – e San Paolo l’aveva capito tanto bene da metterlo per iscritto nella lettera ai Galati – non esisteva più la gerarchia morale tra giudeo e greco, tra schiavo e padrone e tra uomo e donna; il cristianesimo rifondava l’ordine stesso del cosmo. Se la Chiesa non si è inventata la subordinazione tra i sessi, ha scelto di legittimarla spiritualmente. Attraverso la proposta dell’archetipo Cristo/Chiesa ha reso liturgia e dottrina le struttura patriarcale della famiglia, rallentandone di fatto anche l’evoluzione culturale. Poi la riflessione femminista e il progresso dei diritti civili hanno costretto lo Stato italiano a riformare il diritto di famiglia e i confini del matrimonio per adattarsi alle nuove sensibilità sociali, la Chiesa ha invece continuato a celebrare il modello nuziale che sancisce di fatto un rapporto disparita rio, dentro al quale uno dei due coniugi è autorizzato a considerare l’altro al suo servizio.

Le ragioni dell’iniziale scelta maschilista e patriarcale, benché del tutto storicizzabili, sono nel frattempo diventate dottrina, rendendo difficoltosa la loro modifica nel magistero successivo. Che questa lettura possa venire abrogata è auspicabile, ma altamente improbabile. E’ purtroppo vero quello che scrive Gustavo Sagrebelsky in Scambiarsi la veste, il suo saggio sul rapporto tra Stato e Chiesa: “Nulla è mai stato abrogato dalla dottrina della Chiesa; sul piano dottrinale infatti il concetto stesso di abrogazione è un non senso, poiché ogni nuova affermazione è concepita come uno sviluppo che contiene tutto ciò che precede senza contraddirlo”.

Da cristiana non abbandono la speranza che la teologia faccia i conti con le conseguenze dell’attuale dottrina matrimoniale: lo deve alla fedeltà della Parola di Dio, ma soprattutto lo deve alle donne e alla sofferenza che questa lettura ha imposto con la minaccia dell’esclusione dal piano della salvezza e con legittimazione culturale di un sistema violento. Gli abusi e la sopraffazione che le donne hanno subito nei secoli in nome del vincolo sacramentale del matrimonio non sono stati ancora compresi né valutati per intero. Il passo non potrà mai essere compiuto se la riflessione sul matrimonio come sacramento resterà affidata a uomini celibi, sacerdoti e vescovi che del matrimonio conoscono solo gli aspetti deformi che arrivano loro in eco dal confessionale, un luogo dove alle donne si chiede da secoli di rassegnazione e sottomissione in nome di Dio. (Finché morte non vi separi – dal libro di Michela Murgia Ave Mary E la Chiesa inventò la donna Ed. Einaudi)”

E aggiungo il mio pensiero veloce.

Non vanno sottolineate e condannate unicamente le “botte” fisiche. Ci sono violenze più sottili fatte con le parole. “Quando lui parla mi uccide – Le sue parole mi bloccano – A parole ammazza una persona …” Sembrano essere solo modi di dire, ma non lo sono.

Le parole diventano coltelli invisibili capaci di tagliare silenziosamente l’anima di una persona. E in tutto questo dire e scrivere, c’è un aspetto fondamentale che voglio mettere in evidenza, ed è la nostra responsabilità come Donne di aver accettato che tutto questo potesse accadere.

La ribellione femminista che urlava  “l’utero è mio e me lo gestisco io” ha grattato solo la superficie della corazza patriarcale che abbiamo accettato di indossare. La vera rivoluzione della Donna sta nella conoscenza di sé stessa, della sua storia antica e del suo potere personale come diritto di nascita. Siamo stati fatti a immagine e somiglianza di Dio, e Lui non si è scordato di aver esteso tutte le Sue caratteristiche luminose e pacifiche ai Suoi Figli.  Noi lo abbiamo fatto, come Donne, accettando la storia che ci è stata raccontata e che ci vede nel mondo grazie alla costola di Adamo. Subordinate a un uomo –e a nessuno piace esserlo – ci siamo vendicate facendogli mangiare la mela proibita. Irriverenti, vendicatrici e peccatori entrambi siamo stati cacciati dal Paradiso Terrestre e costretti in un modo di torture. Puoi addolcire la storia a piacimento, ma questo è ciò che crediamo sia accaduto. E anche se pensi “ma dai, io non credo a tutto questo” mille altre informazioni si sono accavallate. E la maniera migliore per rendere solida una verità è di renderla leggenda o favola, affinché tutti la possano raccontare.

Con tutte le carte della conoscenza consapevole in regola, ogni Donna e ogni Uomo potrà scegliere se restare nel cunicolo dove entrambi si sono rifugiati secoli fa, o uscire  allo scoperto e mediare la pace scrivendo una storia diversa da ogni storia conosciuta, dove etichette come Patriarcato e Matriarcato ingialliscono, permettendo alla Luce che entrambi incarnano di risplendere, per sé stessi e per tutte le Donne e gli Uomini che sceglieranno di comprendere.  Accorgiti!

OGNI COSA HA IL SUO SCOPO

Tutto ciò che accade ha il suo preciso scopo. Ieri ho avuto una conversazione con due care amiche con le quali ho brevemente condiviso un punto di vista rispetto alla malattia. Stamane sono ispirata a leggere un libro dove al suo interno c’è un capitolo che si intitola “Energia e salute” che sottolinea l’importanza di considerare l’aspetto energetico come parte della nostra esistenza e, in questo caso, della salute fisica.

L’energia ha una funzione fondamentale: mantenere il corpo in salute. Per fare ciò dobbiamo far scorrere energia salutare nel nostro corpo, un po’ come dire: se voglio ripulire un bicchiere d’acqua sporco di fango, devo far scorrere al suo interno acqua di fonte limpida e pulita. Questo concetto si spinge oltre i canoni convenzionali della medicina ufficiale.

“Un secolo fa i germi erano le star della medicina: tutto era incentrato sulla scoperta di nuovi batteri e virus, capire quali malattie causavano e ucciderli prima che potessero fare danni all’organismo. Poi le star sono diventati i geni e nuovamente si ripete la storia: la massima concentrazione è scoprire nuovi geni, associarli a precise malattie e quindi cercare di manipolarli o disattivarli prima che possano danneggiare l’organismo.  L’energia in tutto questo ricercare non viene mai presa in considerazione, è invece dovrebbe essere la star primaria, perché germi e geni sono riconducibili all’energia e quindi qualunque danno per l’organismo è riconducibile a questa forza fondamentale”.

Nonostante ciò la medicina ufficiale si guarda bene dall’imparare di più. Spesso preferisce attaccare e ridicolizzare anziché prendersi il tempo per indagare a fondo e comprendere come poter migliorare e mettere insieme ogni aspetto. E’ un terreno delicato dove entra in gioco il lato oscuro del denaro e del potere: ma voglio andare avanti ancora un po’ per fare chiarezza.

“L’energia è dinamica, si muove, cambia, lascia scarse tracce dietro di sé e il motivo della sua miriade di cambiamenti è poco conosciuto. Al contrario le sostanze chimiche sono concrete, prevedibili e in quantità piccole e precise. Trasformate in farmaci, è possibile darle ai pazienti in dosi misurabili. Eppure tutto questo non cancella la verità implicita che anche le medicine sono mucchietti di energia e che gli effetti che producono sull’organismo (compresi gli effetti collaterali) non sono altro che modelli energetici che si comportano in un modo anziché in un altro. |…| La causa di un ampio, complesso e imprevedibile ventaglio di effetti collaterali è che l’energia è molto complessa: il corpo rimescola energia in infiniti modelli e, se gettate in questa miscela un farmaco ad ampio spettro, tutto il vostro stato energetico ne viene coinvolto.”

I farmaci sono potenti e possono creare problemi, così come qualunque azione quotidiana può alterare profondamente il corpo. Quando entriamo in contatto con un luogo o con persone e abbiamo pensieri buoni o cattivi, spesso non pensiamo a quanto possa influire il nostro pensiero sull’ambiente e sulle persone: ma è quello che accade. Se avete pensieri distruttivi e prendete in braccio un bambino piccolo, avvertirà il vostro disagio iniziando a infastidirsi, muovendosi o piangendo, così come la calma che avrà un potere rilassante.

“Causare felicità o tristezza a un’altra persona è molto più che provocare un cambiamento d’umore: il corpo ne è direttamente influenzato perché le molecole messaggere scorrono nel flusso sanguigno, portando a trilioni di cellule l’effetto energetico di quello che il cervello pensa e sente. (Non a caso diciamo: “Quella brutta notizia mi ha fatto star male”. Il cervello riceve l’informazione, la trasforma in messaggi chimici e fa sapere a tutto il corpo che nel mondo c’è qualcosa che non va. Metabolizziamo letteralmente le notizie e soffriamo a causa delle tossine che contengono).”

A una donna fu diagnosticato un cancro osseo e pochi mesi di vita. Scelse di far luce su alcuni aspetti che potevano essere la causa scatenante della malattia, tutto questo tra chemioterapie, un intervento di mastectomia e una dose giornaliera di farmaci. Il marito era morto una decina di anni prima di un tumore al cervello e questo episodio aveva lasciato dentro di lei un rancore profondo che l’aveva letteralmente consumata. Decise di affiancare alla medicina tradizionale anche alcune tecniche energetiche e, soprattutto, una consapevolezza più ampia di ciò che accadeva nella quotidianità.

Un giorno mi disse che c’era ancora una cosa che voleva vedere “prima di chiudere gli occhi”: sua figlia che viveva insieme al marito in una bella casa. E così fu.  Quattro anni e mezzo dopo passò i suoi ultimi tempi aiutando la figlia a sistemare casa. La ricordo mentre dorme sul divano nuovo, soddisfatta e orgogliosa.  Morì serena e soprattutto in tutto questo divenire non ci fu sofferenza fisica. Tutto era stato d’aiuto: la medicina ufficiale che, secondo lei, aiutava a rallentare il tumore e quella non convenzionale che l’aiutava a comprendere e vivere più serenamente.  Ma ciò che le ha permesso di vivere più a lungo è stato il pensiero di vedere sua figlia “sistemata”. Era mia sorella.

Io credo che ogni cosa, se usata in piena consapevolezza, possa essere utile per vivere in serenità e armonia. Non ci sono farmaci che possano far crescere il seme della consapevolezza e credo che mai ce ne saranno poiché essa appartiene a quella parte di noi che corrisponde all’anima. In ogni caso, nessun farmaco o tecnica energetica può svincolare l’essere umano dal lasciare fisicamente questo mondo, presto o tardi.

La differenza è come scegliamo di vivere le nostre giornate: come pecore che si adeguano al gregge o come esseri senzienti che indagano, cercano, sperimentano e usano tutto ciò che hanno a disposizione per migliorare la loro esistenza e quella delle persone intorno a loro.  Io sento che sta crescendo quest’ultima volontà: lo sento fortemente.

E come quella donna voleva vedere sua figlia sistemata prima di chiudere gli occhi, anch’io ho il mio obiettivo finale che perseguo ogni giorno attraverso la mia missione: sostenere nella trasformazione chiunque desideri rendere la propria vita un capolavoro. Ci vediamo presto. Accorgiti!

(Libro dal quale ho preso ispirazione: “Reinventare il corpo, risvegliare l’anima” di Deepak Chopra – Ed. Macro)

SE CI CREDI DIVENTA VERO PER TE

La percezione di completezza che abbiamo in alcuni momenti è dovuta all’allineamento tra mente, corpo e anima.  L’unione di queste tre identità presenti in ogni essere ci svincola dalla lotta contro noi stessi e, di conseguenza, le scelte che facciamo sono più positive sotto ogni aspetto.

E’ una relazione che va curata e alimentata costantemente attraverso la comprensione, la consapevolezza e tenendo alta l’attenzione, poiché sono infiniti i modi che l’ego – la parte della nostra mente che utilizziamo per smantellare l’unità – trova per far intendere che l’anima sia qualcosa di separato da tutto il resto e che va ricercata chissà dove e con chissà quale metodo.

C’è tanta confusione ancora, ai nostri giorni, quando si parla di “Spiritualità, Anima, Dio, Universo, Fonte Universale, Amore Universale”: come SpiritualCoach conosco bene di cosa si tratta. Fa parte del gioco della separazione e personalmente, vinto il primo momento di emozioni contrastanti, lo trovo estremamente utile per rinnovare la possibilità di vedere le cose da un altro punto di vista. D’altronde, che ci si creda oppure no, se vogliamo vedere e interpretare il cambiamento intorno a noi, dobbiamo intervenire sul nostro sistema di pensiero. E’ una regola fissa: niente discussioni. La sola variante sarà il modo, lo strumento o la tecnica che utilizzeremo per trasformare il nostro punto di vista.

E’ relativamente semplice seguire uno stile di vita che abbraccia la serena felicità, e per spiegarlo al meglio mi ispiro ad alcuni passi di un autore per me straordinario: Deepak Chopra.

  • Dedicate voi stessi ad una più profonda consapevolezza
  • Nutrite il vostro “corpo di luce”
  • Siate generosi di spirito
  • Focalizzatevi sulle relazioni piuttosto che sul consumo
  • Aprire un “dialogo” con il vostro corpo
  • Accogliete ogni giorno come se fosse un mondo nuovo
  • “Ascoltate” il mondo invece che cercare di comprenderlo
  • Inseguite il vostro stesso mistero

Chiudo questo articolo con una storiella: “C’era un discepolo confuso che va dal suo Maestro. “Maestro, come si diventa una brava persona?”. Il guru risponde: “E’ quasi impossibile. Se rifletti a fondo, ci sono migliaia di motivi per raccogliere una puntina da disegno caduta per terra e migliaia di motivi per non farlo”. Il discepolo era sempre più confuso. “E allora, che cosa posso fare?”. “Trova Dio” rispose sorridendo il guru.  “Ma trovare Dio è ancora più difficile!”, obiettò il discepolo. Il guru scosse la testa: “Trovare Dio è cento volte più facile che cercare di essere buono. Dio è una parte di te e, una volta trovata questa parte, il bene ne deriva naturalmente”.

Se vogliamo che il cammino spirituale ci conduca verso i nostro obiettivi, dobbiamo imparare a fare delle promesse che possiamo mantenere. Seguire nuove visioni non richiede un grosso impegno ma certamente aiuta a espandere la consapevolezza, mostrando ogni volta un mondo nuovo, un modo nuovo. Tutto ciò che dobbiamo fare è permettere al nuovo di raggiungerci, predisponendo al meglio la nostra mente per accoglierlo.

La spiritualità è un dono che è dato a tutti di aprire: alcuni lo fanno pubblicamente, altri si nascondono perché ancora se ne vergognano, altri ancora guardano il dono e immaginano al suo interno chissà quale misterioso inganno. Tutte e tre le cose sono vere. Come sempre, a te la scelta. Accorgiti.

QUATTRO ASPETTI DELL’ESSERE SPIRITUALI

IMG_9673

Ci sono quattro aspetti fondamentali dell’essere spirituali.

Il primo aspetto è accorgersi che le persone che incontri sono sempre giuste per te. Nessuno mai entra nella nostra vita per caso. Ogni persona che incontriamo rappresenta un motivo preciso di insegnamento e progresso per la nostra esistenza.

Il secondo aspetto è considerare che tutto quello che succede è la sola cosa che sarebbe potuta accadere: nulla di ciò che accade nella nostra vita avrebbe potuto essere altrimenti, neppure il più piccolo dettaglio. Se eliminiamo i “se” e i “ma” dal nostro vocabolario, comprendiamo che la situazione può solo procedere in avanti, alla ricerca di una soluzione. I “se” portano indietro, bloccano, impediscono il processo di apprendimento e chiudono nella frustrazione e nel rancore. Ogni situazione presente nella vita di ciascuno è funzionale per comprendere noi stessi e la nostra evoluzione.

Il terzo è vivere nel presente, l’unico istante perfetto. Ogni cosa inizia e si esprime nel momento giusto, mai un attimo prima, mai un attimo dopo. In quell’attimo di tempo presente c’è la sola libertà garantita: la libertà di scegliere e decidere.

Il quarto e ultimo aspetto è imparare a chiudere i cerchi considerando che la fine di una situazione rappresenta sempre un nuovo inizio. Quando il cerchio si chiude, è bene ringraziare e procedere in una nuova direzione. Diversamente, sperimentiamo la sofferenza.

Questa è la parte teorica, quella che viene compresa con relativa facilità. C’è poi la pratica che, come dice il proverbio, vale più della grammatica. E qui cadono molte teste. L’intellettualizzazione riempie la bocca: fare A.I.C. riempie la vita di esperienza attiva sul campo. Chi vuole può iniziare l’allenamento in questo modo:

  • Acquistare un piccolo quaderno che diventa “Il quaderno della consapevolezza
  • Durante la giornata, ogni volta che ti accorgi di essere consapevole di una situazione, la scrivi

Al termine dei tre mesi di esercitazione, accorgerti sarà per te una passeggiata: ne sono certa.

Dimenticavo: se stai leggendo non è sicuramente “per caso”: ne sei consapevole?

A PIENE MANI

IMG_9864

Se ciò che fai oggi aiuta anche solo una persona, hai già al tuo attivo qualcosa di meraviglioso per cui essere felice.  Metterti al servizio degli altri aumenta fortemente la tua energia in ogni direzione, ed è questo il modo per procedere sulla strada dell’abbondanza. Perché dare agli altri, in qualunque termine tu decida di farlo, è dare a te stesso. Tutto ritorna, a volte amplificato. Solo aprendo le mani puoi raccogliere ciò che la vita di offre. Accorgiti!