APPREZZAMENTO

Reflection_by_G_Crew

Gli uomini sono turbati non dalle cose che accadono, ma dall’opinione che danno alle cose che accadono. (Epitteto)

Apprezza il mondo così com’è e non come vorresti che fosse. Questa è una delle chiavi per aprire la porta della vera felicità. Accorgiti!

IL MARE IN BURRASCA

496430_more_shtorm_mayak_pejzazh_4540x2687

E’ la paura stessa che ci fornisce la possibilità di diventare straordinariamente felici. In essa trovi la forza. La tenacia, la capacità di rialzarti: è la vera sfida. All’inizio potrebbe essere vissuta come una “sfida” per poi diventare, pian piano, la via verso la fede che qualcosa di buono accade sempre. Ogni cosa che accade è perfetta per crescere, comprendere, evolvere: ogni singola cosa.

Non è una sfida tra bene e male, una lotta. A parer mio è un’onda che si alza e si abbassa, come le maree, come la luce che lascia posto al buio e viceversa. E’ una comprensione di ruolo dove ognuno ha il suo scopo preciso che viene attivato dalla tua propria volontà. A volte senti di dover fare esperienza della paura, e così sia, e in essa trovi la chiave per aprire la porta di un’altra felicità. A volta è un mare in burrasca mentre altre è la calma piatta. Cosa c’è di brutto in un mare in burrasca o nell’essere piatto? Nulla, se lasci che sia. Ogni condizione è perfetta, sempre. La disarmonia della paura è solo una tua percezione. In sé essa è perfetta per farvi vivere ciò che hai chiesto, inconsapevolmente a volte, altre l’hai vista arrivare ma non hai cambiato direzione. Sei rimasto sulla sua traiettoria, consapevole a un qualche livello, della sua imponenza.

PASSO DOPO PASSO

Being-Different-Difference-520

Il cammino è importante. Compiere passi è importante. L’essere per intero si riflette nella pianta dei piedi. Ci sono metafore che indicano il primo passo come quello più importante per compiere grandezze. Le persone care, i cani, i gatti ci riconoscono dai nostri passi. Eppure c’è gente che vive chiusa totalmente nella propria mente e non si cura dei propri passi, come se la terra potesse in qualche modo macchiarli. Ho conosciuto una donna che, dopo aver compiuto il suo primo passo in mezzo al bosco, in un paio di scarpe da passeggio, ha imparato a trasformare la sua vita. Le sue scarpe, alla fine del percorso, erano sporche di fango: mai visione fu così bella per lei, a tal punto che le fotografò.

Quando compiamo qualcosa nei confronti degli altri, il nostro passo dev’essere leggero, come se il terreno fosse il nostro. Quando vogliamo arrivare prima, una piccola corsa va bene. Per riflettere  è ottimo compiere dei passi, uno dopo l’altro, così come per arrivare dove vogliamo: un passo dopo l’altro. Anche se piove, anche se nevica … un passo dopo l’altro e la vita cammina con te.

Accorgiti!

LA STRADA NON PERSA

IMG_5963

Due strade divergevano in un bosco d’autunno
e spiacente di non poterle percorrere entrambe,
essendo uno solo, mi fermai a lungo
e guardai, per quanto possibile, in fondo alla prima,
verso dove svoltava, in mezzo agli arbusti.
Poi presi l’altra, anch’essa discreta,
forse con pretese migliori, perché era erbosa e meno segnata
sebbene in realtà le tracce fossero uguali in entrambe le strade.
Ed entrambe quella mattina erano ricoperte di foglie
che nessun passo aveva annerito.
Tenni la prima per un altro giorno,
anche se, sapendo che una strada porta verso un’altra strada,
dubitai di poter mai tornare indietro.
Racconterò questo con un sospiro
Tra anni e anni:
due strade divergevano in un bosco e io,
io presi la meno battuta.
Questo ha fatto la differenza.

Robert Frost – La Strada non persa

INCONTRI SACRI

Il concetto che tutto ciò che osservi è illusione, all’inizio, è solo un concetto.

Da quando l’ho sentita per la prima volta, mi è sempre piaciuta la definizione di libertà che descrive Castaneda: «I Guerrieri che raggiungono la Consapevolezza Totale sono uno spettacolo incomparabile: ardono di un fuoco interno che li consuma e, in piena consapevolezza, si fondono con le emanazioni dell’Aquila e scivolano nell’eternità. I Guerrieri della Libertà Totale sono così padroni della Percezione, dell’Agguato e dell’Intento, che la morte non li prende come il resto degli esseri umani. I Guerrieri della Libertà Totale scelgono il momento e il modo della propria dipartita dal mondo. nel momento prescelto si consumano in un Fuoco dal Profondo e scompaiono dalla faccia della terra, liberi, come se non fossero mai esistiti.» (Il fuoco dal profondo).

Oppure posso prendere a prestito una qualunque delle metafore che Gesù utilizzava per spiegare l’illusorietà del mondo. La mia preferita: “Chiedi e ti sarà dato”. Entrambe le strade, di tradizione differente, si congiungono in un un’unica via: quella della consapevolezza. Entrambe le strade si basano su esperienze vissute, diventando così esempio per chi vuole comprendere. Entrambe le filosofie prevedono un’unica domanda: Io chi sono?. Entrambe ti chiedono un unico obiettivo: Conosci te stesso!

Scegli una strada che ha un cuore e che ti porta nella concretezza del mondo, poiché è in esso che puoi trovare davvero chi sei. Stare nel qui e ora, per me, significa vivere ogni attimo in comunione con il tutto, compresa la separazione. Anch’essa, nella sua infinita sofferenza, è l’unico modo che puoi utilizzare per comprendere che non c’è nulla di separato da te. Il mondo offre tutto ciò di cui hai bisogno per conoscere te stesso. Immergiti in esso, nella sua illusoria perfezione, per scoprire che non esiste nulla che sia degno di poterti insegnare come il mondo stesso fa attraverso le persone che incontri. E imparando cominci a unire i puntini del gioco che chiami vita. Nulla sarà più separato. Tutto diviene esperienza.

Grazie a chi ho incontrato, a chi incontro e a chi incontrerò.

http://dotsub.com/view/15f0467f-d351-4224-acf5-df3f2ba9d5a0#.T1zfgMuRFkm.gmail

LEADERSHIP

579551_531649430209883_841889370_n

Per progredire da principiante a maestro, in qualsiasi ruolo o competenza, chi apprende ha bisogno di qualcuno che lo guidi lungo il percorso e che gli dia ciò di cui ha bisogno per avanzare attraverso il processo di apprendimento

(“Leader come Gesù – Ken Blanchard)

TIME AFTER TIME

Noi siamo sempre liberi!
Se occorresse tempo per fare le cose questo significherebbe che nel tempo presente non siamo liberi e se consideriamo che non siamo liberi nel tempo presente, perché mai lo dovremmo essere nel futuro, dal momento che il futuro è un tempo che non esiste?
Le abitudini sono ciò che il tempo ha fatto per te. Hai bisogno di tempo per abituarti a qualcuno o qualcosa e, una volta che ti sei abituato, credi sia tutto ciò che hai. Pensa, per esempio, a un oggetto a te particolarmente caro: con il tempo hai dato valore all’oggetto impregnandolo della tua energia fatta di sentimenti e quant’altro possa essere stato aggiunto per legarti all’oggetto stesso. Se lo perdi potresti disperarti! E così succede quando vivi in una relazione: il tempo ti fa credere di non poter cambiare nulla o, addirittura, di non poter più avere nessun altro che quella persona accettando, a volte, compromessi davvero sgradevoli per te e per le persone intorno a te.

Ora, per un attimo, pensa a come sarebbe la tua vita se vivessi costantemente nel tempo presente. Partendo dal presupposto che attrai ciò che pensi e portando la tua attenzione al quieora, puoi individuare cosa in questo preciso momento ti sta impedendo di essere felice e cambiarlo. Per vivere un costante e continuo tempo presente devi necessariamente individuare cosa c’è che non va del tuo passato e liberare le catene che tu stesso hai contribuito a generare e che credi ti tengono ancora legato. D’altronde, quale pensi che sia lo scopo collettivo del genere umano se non quello di riscoprire il nostro vero e unico valore, quello che Dio, la Fonte Universale o come ti piace chiamarlo, ci ha donato?

Sei ancora troppo abituato al fatto che per far bollire l’acqua della pasta occorrono tot minuti e che per andare dall’altra parte del mondo occorrano tot ore di aereo e ancora che per imparare qualcosa occorra del tempo. Se rimani incastrato nel mondo della percezione puoi considerare tutto questo relativamente vero, ma lo Spirito Sacro che dimora nella tua mente sa come fare per abbattere le barriere del tempo poiché la tua Vera Essenza è senza tempo.

La sacralità é parte di te e spazia in ogni direzione, compresa quella temporale, senza attribuire al tempo nessuna forma: semplicemente lo usa per disfare il tempo stesso. Non esiste nessun ostacolo se non quello che poni tu: il fatto è che molto spesso ti dimentichi e credi che sia stato qualcun altro a farlo.

Se almeno una volta nella vita hai percepito una sensazione di libertà e leggerezza, significa che l’hai sperimentata e che, quindi, la puoi sperimentare di nuovo. Ma, come spesso accade, non te lo ricordi e così credi che la libertà sia un evento straordinario destinato per lo più agli altri. La mente impaurita é molto fantasiosa e straordinariamente capace di farci credere tutto ciò in cui decidiamo di credere. Ci vuole davvero una grande fantasia ad aver inventato la non-libertà: e da allora cerchi la libertà come se fosse qualcosa di disperso. Il tempo ha fatto tutto questo e tu gli hai creduto.

Smetti di cercare la libertà dove non c’è. Ora é il momento perfetto per scoprire che il tempo non esiste! Sii libero ora, nella mente, lasciando che il tempo diventi tuo amico, scoprendo il passato come opportunità da usare nel presente: solo così puoi liberare il tuo futuro.
il mondo é tuo, il tempo é tuo: fanne un buon uso.

20130312-071331.jpg