COSA SEI DISPOSTA A PERDERE PER AVERE SUCCESSO?

 

lucia-merico-spiritualcoach-successo

Siamo nel 1937 e un signore di nome Napoleon Hill scrive il libro “Think and Grow Rich”, tradotto in italiano “Pensa e arricchisci te stesso”. Un libro molto famoso, tutt’ora attuale, che porta al suo interno un valore fondamentale: il successo non è dominio della fortuna o del proprio ambiente, o degli dei o di qualunque altra condizione esterna. Il successo è basato interamente sulle capacità del singolo.

Hill ha avuto il privilegio di seguire da vicino per diversi anni due personaggi famosi: Edison e Ford. Afferma di non aver trovato nessuna qualità particolare che potesse garantire il loro successo, ad eccezione della perseveranza: entrambi ne avevano da vendere ed è da lì che risalgono i loro risultati straordinari.

Molti di noi hanno imparato il concetto che tutte le ricchezze guadagnate e la realizzazione personale derivino dalla mente. All’interno del libro, Hill racconta la storia di Edwin C. Barnes, il quale un giorno si presentò a Thomas Edison per annunciare che stava per diventare il suo socio in affari. Gli venne assegnato un incarico di secondo piano, ma lui decise di non considerarsi una delle tante rotelle dell’ingranaggio dell’attività di Edison, e immaginò di essere il socio silenzioso dell’inventore. Cosa che alla fine divenne veramente.

Per avere successo nella vita, qualunque sia la nostra attività, dobbiamo tagliare col passato, che vuol dire cominciare a fare cose diverse da quelle che abbiamo sempre fatto. Certo è che – almeno all’inizio – potremmo essere considerati pazzi, dei folli che non sanno dove stanno andando: ma non è proprio così. Chi segue il suo sogno lo sa bene. Guglielmo Marconi, inventore della radio, fu portato in un ospedale psichiatrico dai suoi amici quando disse loro che era in grado di inviare “messaggi attraverso l’aria”.

SE LO PUOI CREDERE, LO PUOI REALIZZARE

Il trucco più semplice e veloce – e anche il più complicato – è mirare alto nella vita smettendo di accettare un’esistenza di infelicità e privazioni.

Ho svolto lavori umili per imparare, con sgomento, che qualsiasi ricompensa avessi chiesto alla Vita, la Vita sarebbe stata disposta a pagarla (Napoleon Hill)

Ogni nostro pensiero tende a trovare una corrispondenza sul piano materiale attraverso l’esperienza. Siamo noi con le nostre scelte a creare le condizioni per manifestare i desideri, di qualunque natura essi siano. L’Intelligenza Infinita nella quale siamo immersi è in grado di portare a noi ogni nostro desiderio stupendo o terrificante. Per questo motivo è fondamentale accorgersi di come sta andando la nostra vita e considerare la possibilità di poterla cambiare.

E’ un lavoro impegnativo quello del successo e della libertà ed è questo il motivo per cui molti di noi rinunciano creando situazioni così intricate da poter dire: “Non ce la farò mai!”. Ma credetemi: non c’è preghiera che resti senza risposta, se ci rendiamo disponibili a pregare con cuore aperto e sincero e a compiere azioni concrete.

Alcuni personaggi di successo sono restii ad attribuire la propria ricchezza a capacità spirituali come appunto la preghiera, il pensiero positivo o una mente orientata verso la fede, sentendo a tratti un vuoto che cercano di colmare con la materia. Chi invece ha saputo guardare oltre, si è reso certamente conto di come ogni azione concreta finalizzata a raggiungere un sogno sia sostenuta dalle potenti ali della fiducia.

La ricchezza materiale è l’espressione di una ricchezza interiore che si è consolidata trasformando i pensieri di carenza in pensieri di abbondanza. E c’è una domanda che puoi farti cercando di rispondere quanto più sinceramente possibile:

Per il mio sogno, per essere me stessa, cosa sono disposta a rischiare, a lasciar andare?

Qui sta la chiave del tuo successo.

 

Conoscere e saper indirizzare le proprie energie verso la direzione del nostro sogno è un potere personale immenso. A questo proposito, ti propongo Lovehealing Corso Base, un corso dove apprendere facili tecniche da applicazione nella quotidianità per trasformare la tua vita in un capolavoro. Se ti va, clicca sul questo link per conoscere di cosa si tratta ➡➡➡http://bit.ly/2ivD1zh 

IO CHI SONO VERAMENTE?

lucia-merico-spiritualcoach-io-chi-sono-veramente

Sappiamo così tante cose sul fare e così poche, pochissime sull’essere e pensiamo che vada bene così, ma non è lo stesso per il nostro mondo interiore che invece necessita di risposte. Per lui non è tanto importante ciò che facciamo, quanto se stiamo esprimendo ciò che siamo, e per farlo abbiamo bisogno di capire chi siamo.

Io chi sono veramente?” non è una domanda semplice alla quale rispondere: ogni cosa è complicata quando non la conosciamo. Per semplificare – se così si può dire – la domanda, domandati: “La mia vita rispecchia ciò che sono o vorrei qualcosa di diverso?”

Molti di noi aspettano di avere più tempo  per poter vivere la vita che desiderano anziché cominciare sin da ora a fare della vita stessa il loro personale capolavoro. Si accaniscono cercando di avere successo in situazioni che non le rappresentano, rinchiudendo in piccoli spazi la loro grande passione. Il successo lo raggiungiamo ogni volta che esprimiamo la nostra attitudine ed è in quel momento che possiamo sentire il nostro cuore battere forte per l’entusiasmo, sia che abbiamo un pubblico di fronte che esprime il suo consenso oppure qualcosa dentro di noi che ci fa danzare di felicità.

E’  questa unica vita che stiamo vivendo ora a contenere ogni possibile espressione di felicità. Non domani o dopodomani: possiamo cominciare adesso se lo vogliamo

Facciamo in modo che, quando arriverà il momento di andarcene da questo mondo, sapremo di non aver vissuto invano. E’ stato osservato che muore bene chi ha vissuto intensamente nel rispetto dei propri desideri più profondi. Tradire un nostro desiderio profondo è tradire noi stessi.  Chi non ama la propria vita, non la comprende e non la vorrà lasciare. Mentre chi avrà vissuto pienamente, sarà lieto di aver lasciato la sua impronta nel mondo.

Ora prendi carta e penna e rispondi alla domanda: “La mia vita rispecchia ciò che sono?”  e rispondi sinceramente. E se vorrai approfondire e comprendere come e cosa fare per rendere la tua vita un capolavoro, clicca su questo link ➡➡➡http://spiritualcoach.it/appuntamento/lovehealingcorsobase/

IL RITORNO DELLA DEA

lucia-merico-spiritualcoach-dea

Care Amiche, la Dea sta tornando. Di fatto non se n’è mai andata, ma abbiamo creduto per un po’ che fosse così. Ha aperto un varco nel mondo e coloro che hanno occhi per vedere se ne sono già accorti. Non sono gli occhi fisici di cui sto parlando, ma gli occhi dell’anima. Sempre più Donne stanno riconoscendo il cammino di altre Donne intorno a loro e ne comprendono il carico di energia che trasportano con sé, mettendolo a disposizione di altre che – come loro – hanno sentito forte il bisogno di trasformazione.

Quando un sistema viene inondato di idee nuove e radicali, sembra implodere, prima di compiere un enorme balzo e trasformarsi in qualcosa di diverso (Marianne Williamson)

E’ vero, un cambiamento non sempre avviene con la fluidità che ci aspettiamo. A volte il rimescolio delle energie fa salire prepotentemente i nostri lati oscuri, quelle sfumature che abbiamo considerato superflue e nascosto così bene dentro la nostra mente. Amiche mie, quanto sono importanti i nostri lati oscuri? Tanto quando quelli luminosi. Se non possiamo vedere ogni angolo nascosto, non possiamo ripulire a fondo la nostra meravigliosa stanza mentale.

Diamo spazio al disagio, alla depressione, alla frustrazione, alle sconfitte e con coraggio affrontiamo il buio, passo dopo passo, fino a conoscere le nostre origini. Una regina deve poter camminare eretta per portare in testa la sua corona.

E’ faticoso il viaggio: a volte lo è andare alla ricerca del nostro valore. E per renderlo più leggero, chiediamo benedizione per noi stesse e per gli altri. Chiediamo che il nostro essere donna benedica la comunità in cui viviamo, le nostre famiglie, i nostri amici. Chiediamo saggezza e una guida per raggiungere la più alta vibrazione umana di cui siamo capaci. Rivolgiamo a Dio il nostro pensiero, ai molti altri Maestri da Lui mandati e consultiamo la Dea nelle sue numerose forme. Stiamo diventando sempre più ogni giorno e non c’è preghiera più alta del riconoscere il nostro potere ed essere grate.

La gioia è la sola meta alla quale ambire. Non conosciamo noi stesse se non nella gioia e al suo cospetto possiamo ottenere la saggezza necessaria per vibrare con la Vita. Una donna che riconosce la gioia come sua eredità naturale, è in grado di dire tutto senza parlare.

Il mondo teme le donne gioiose, ma tu opponi resistenza e diventa una di noi.

(Ispirata da Il valore di una donna)

 

Chissà se ti potrà interessare il Laboratorio di CREA LEGGI AMA ispirato a Donne che corrono coi lupi, un evento GRATUITO dove apprendere attraverso le favole e le esperienze di vita, nuovi punti di vista. Se vuoi saperne di più clicca su questo link http://bit.ly/crealeggiama

ABBI FEDE

lucia-merico-spiritualcoach-abbi-fede.png

Ogni forma di ogni cosa pensata a livello virtuale, può essere nostra: la fantasia è il mezzo con cui possiamo immaginare di essere, fare e avere qualunque cosa desideriamo. L’altro mezzo con il quale trasportiamo in questo mondo ciò che abbiamo immaginato è la fede, il credere che ciò che pensiamo sia vero per noi e che si potrà realizzare.

I pensieri si muovono nell’aria influenzando gli avvenimenti. Un pensiero forte e chiaro di scarsità produce condizioni, sensazioni, emozioni, esperienze e incontri di scarsità così come un pensiero forte e chiaro di abbondanza è in grado di generarla intorno a noi. Chi nutre una forte convinzione è in grado di emanare vibrazioni che ricercano il suo pari sottoforma di materia, fino a ottenere ciò che abbiamo fortemente desiderato. Tutto ciò a cui diamo un valore importante si manifesta sempre nella nostra vita sottoforma di esperienza.

PENSIERI PAROLE AZIONI

Pensa questo: come può un oggetto, un amuleto, un talismano o un portafortuna di qualunque tipo, funzionare? Di per sé è un manufatto, un oggetto inanimato. La potenza sta nell’essere convinti della sua efficacia, la stessa potenza che troviamo in qualunque rituale. Per quale motivo le persone intonano cantilene, ripetono affermazioni positive, battono sui tamburi o fanno scorrere dei grani? Perché la ripetizione è uno dei tanti modi conosciuti di radicare una suggestione nella nostra mente, una sorta di magia bianca che ci permette di trasformare un desiderio in un’aspettativa. Ritualizzandola gli si fornisce una struttura solida, sostenuta da una forte convinzione che si trasforma in esperienza.

Vi siete mai chieste come mai, per esempio, alcune pubblicità riescono a penetrare così fortemente da indurre all’acquisto? La forza straordinaria della ripetizione di un pensiero, prima supera la razionalità agendo sulle nostre emozioni e poi penetra nel subconscio dove, in un breve lasso di tempo, il pensiero viene rappresentato: vedo un oggetto, mi piace, lo desidero e comincio a sognare di possederlo.

Tanto più o tanto meno ho fede e fiducia, tanto più o tanto meno ottengo un risultato

Un altro esempio al femminile? Quando una donna è in attesa di un bambino e i primi mesi continua a incontrare altre donne col pancione. E un esempio al maschile è quando un uomo decide di acquistare un’auto di una marca specifica e inizia a vederla posteggiata ovunque.  Ciascuno di noi deve comprendere che l’intelligenza della convinzione è un atto creativo della propria esistenza e ne abbiamo conferma ogni istante. Imparare ad attingere dal potere del nostro subconscio costruendo, superando e manifestando nel mondo cose che prima erano solo nella nostra immaginazione, non solo è possibile ma necessario per comprendere di quale potere straordinario siamo dotati.

Laddove riponiamo la nostra fede dimora il nostro potere: diventiamo sempre ciò che abbiamo in mente di essere. Quando abbiamo compreso come funziona il nostro sistema di pensiero, l’allenamento sarà quello di accorgerci poiché ogni cosa grande o piccola che si manifesta nella nostra vita non arriva dal caso, dal destino o dalla fortuna, ma da un pensiero che trova l’impeto della realizzazione nel fatto stesso di crederci.

Quando siamo padroni dei nostri pensieri, siamo in grado di dirigere la nostra vita

 

Ho ideato e conduco un corso al cui interno ci sono tecniche facili da imparare e applicabili nel quotidiano, che ti potranno sostenere ogniqualvolta desideri trasformare la tua vita. Se sei interessata, puoi cliccare sul link di seguito ➡➡➡ http://spiritualcoach.it/appuntamento/lovehealingcorsobase/

IO CHI SONO VERAMENTE?

lucia-merico-spiritualcoach-io-chi-sono-veramente

Sappiamo così tante cose sul fare e così poche, pochissime sull’essere e pensiamo che vada bene così, ma non è lo stesso per il nostro mondo interiore che invece necessita di risposte. Per lui non è tanto importante ciò che facciamo, quanto se stiamo esprimendo ciò che siamo, e per farlo abbiamo bisogno di capire chi siamo.

Io chi sono veramente?” non è una domanda semplice alla quale rispondere: ogni cosa è complicata quando non la conosciamo. Per semplificare – se così si può dire – la domanda, domandati: “La mia vita rispecchia ciò che sono o vorrei qualcosa di diverso?”

Molti di noi aspettano di avere più tempo  per poter vivere la vita che desiderano anziché cominciare sin da ora a fare della vita stessa il loro personale capolavoro. Si accaniscono cercando di avere successo in situazioni che non le rappresentano, rinchiudendo in piccoli spazi la loro grande passione. Il successo lo raggiungiamo ogni volta che esprimiamo la nostra attitudine ed è in quel momento che possiamo sentire il nostro cuore battere forte per l’entusiasmo, sia che abbiamo un pubblico di fronte che esprime il suo consenso oppure qualcosa dentro di noi che ci fa danzare di felicità.

E’  questa unica vita che stiamo vivendo ora a contenere ogni possibile espressione di felicità. Non domani o dopodomani: possiamo cominciare adesso se lo vogliamo

Facciamo in modo che, quando arriverà il momento di andarcene da questo mondo, sapremo di non aver vissuto invano. E’ stato osservato che muore bene chi ha vissuto intensamente nel rispetto dei propri desideri più profondi. Tradire un nostro desiderio profondo è tradire noi stessi.  Chi non ama la propria vita, non la comprende e non la vorrà lasciare. Mentre chi avrà vissuto pienamente, sarà lieto di aver lasciato la sua impronta nel mondo.

Ora prendi carta e penna e rispondi alla domanda: “La mia vita rispecchia ciò che sono?”  e rispondi sinceramente. E se vorrai approfondire e comprendere come e cosa fare per rendere la tua vita un capolavoro, clicca su questo link ➡➡➡http://spiritualcoach.it/appuntamento/lovehealingcorsobase/

RICORDARE LA BELLEZZA

lucia-merico-spiritualcoach-nuvole-nere.png

E’ un risultato facile quello di dimenticare la bellezza e il mistero che il mondo ogni giorno ci mostra: le nuvole che si rincorrono, la pioggia che schizza sui vetri, il verde del piccolo giardino di casa, le risate con le amiche e la musica mentre scriviamo o riposiamo. Chi conduce una vita consapevole conosce l’importanza della gratitudine e dell’apprezzamento, caratteristiche che la maggior parte delle persone si dimentica di celebrare: preferisce lasciare il posto alle piccole e grandi battaglie quotidiane. 

Comprare il gettone per salire sulla giostra del successo rende smemorati rispetto alle infinite opportunità di ringraziare per bellezza che ogni giorno ci offre la vita, senza bisogno di spostarci troppo da dove siamo. La creatività, la spontaneità, l’essere in armonia con la natura sono solo alcune delle infinite possibilità che abbiamo di sintonizzarci con l’anima, quella piccola parte di noi che viene facilmente dimenticata, per dare spazio alla corsa verso il successo e la visibilità. Nulla di male nel correre: ogni tanto fa bene.  Tuttavia far entrare forzatamente nella nostra vita piani e programmi ai quali viene data un’importanza totale, sopprime inconsapevolmente il potenziale della gioia e anziché dar retta ai nostri sensi, alla sensibilità e all’intuito, finiamo per vivere un’esistenza fatta di automatismi che neppure ci accorgiamo di utilizzare. 

Vi suggerisco la lettura di un libro che ho trovato interessante, Anam Cara (Amico di Anima) di John O’Donohue, che descrive come l’accogliere il tutto nella propria vita porta a rinfrescare la memoria rispetto alle piccole cose, anziché concentrarsi sui macrorisultati quotidiani. E’ un libro che parla di “cerchi e spirali” tipici della tradizione celtica che si basa sul movimento circolare della vita secondo il ritmo delle stagioni, un’antica sensibilità femminile contraria alla nostra idea moderna di un progresso maschile, lineare e costante.

La tradizione celtica non distingue in maniera drastica la mente dallo spirito, non è sistematica o dualistica e non fa distinzione tra tempo ed eternità. Contempla la vita in un unico tempo fisico e spirituale senza distinzioni: anime in forma d’argilla.

SIAMO ANIME IN FORMA D’ARGILLA

C’è un paradosso che possiamo utilizzare per comprendere meglio la nostra natura, ed è proprio quando ci immergiamo nei nostri sensi per riscoprire le cose più semplici. Attraverso questa strada del tutto fisica, possiamo arrivare a un profondo apprezzamento spirituale della vita. Il tatto, l’olfatto e il gusto in particolare ci forniscono una saggezza che va ben oltre le parole o i pensieri. La vista che recuperiamo attraverso gli occhi chiusi, riordina i pensieri e permette alla mente di viaggiare e di portare nel presente una memoria antica.

Siamo anime in forma d’argilla: la nostra strada spirituale passa attraverso quella terrena

Dipendere totalmente da ciò che è esterno dà alla nostra parte interiore la facoltà di tormentarci perché anch’essa vuol essere riconosciuta, e lo fa stimolando quella sensazione di vuoto, di bisogno e insoddisfazione che spesso sperimentiamo quando la connessione tra materia e spiritualità viene meno. L’intimità che spesso ricerchiamo negli altri e nei corpi attraverso le relazioni, spesso confonde la direzione in cui andare. Cercare nell’altro la soluzione è investire nell’ignoto. La ricerca è prima di tutto verso noi stesse e per farlo c’è un solo modo: conoscere chi siamo.

L’avvento della tecnologia e i mass media hanno contribuito a rendere la separazione ancor più evidente. Quell’intimità necessaria per scoprire i nostri valori di nascita è stata sostituita dalla frenesia quotidiana che chiude anziché aprire i sensi. La nostra ossessione per le relazioni è un segno del fatto che non ne abbiamo di abbastanza buone. Quella parola vaga che usiamo spesso per salutare gli altri, “ciao”, in gaelico non esiste. Esiste invece un modo di salutare che privilegia il riconoscimento della scintilla divina presente in ciascuno di noi: Dia huit “Che Dio sia con te”.

Non è fare cose stressanti la causa dello stress, ma l’interrompere la comunicazione con la parte silenziosa di noi, è il non prendersi un tempo dedicato a conoscere sé stessi affinché la mente possa rigenerarsi. Vivere una vita proiettata all’esterno senza tempo per noi stesse – prima o poi – presenterà un conto molto salato da pagare.

Oggi integra ciò che consideri negativo accogliendolo dentro di te, prenditi del tempo per ricordare una semplice frase che può davvero cambiare la tua visione: “Ti riconosco e ti accolgo con un si” e posala come un’etichetta sulle paure, le ansie, i problemi, i pensieri negativi e quant’altro ti sembra buio e oscuro. Mettere da parte qualcosa che ci appartiene è dividere. Integrare è unire. Accogli tutto nella vita con spirito d’unione e comincerai ad accorgerti di quanta felicità possa dare un cielo carico di nuvole.

… e le nuvole nere non sempre portano pioggia

 

Se vuoi riprendere il contatto con te stessa e recuperare il tuo potere personale per una vita migliore sotto ogni aspetto, puoi iscriverti a LoveHealing Corso Base . Clicca su questo link se ne vuoi sapere di più ➡➡➡ http://spiritualcoach.it/appuntamento/lovehealingcorsobase/

IL RISVEGLIO ALLA FELICITA’

lucia-merico-spiritualcoach-ogni-cosa-comincia-da-me (2).png

 

Sia che seguiamo o che non seguiamo la nostra strada felice, paghiamo un prezzo perché c’è sempre un prezzo da pagare. Incontreremo difficoltà in qualsiasi cosa faremo: a quel punto è molto meglio avere problemi che hanno un senso in quanto sono parte di ciò che stiamo cercando nella vita. 

Chi sceglie di vivere una vita piena, ricca e gioiosa ha una responsabilità ben più grande di chi, al contrario, si adegua al pari di una pecorella ben inserita nel gregge. Conosco la sensazione: da una parte la voglia di essere diversa e dall’altra la paura di esserlo. Puoi tirare un elastico fin che vuoi, ma se non lo tagli tornerà sempre verso il suo punto di partenza.

La scorribanda mentale è sempre tra il certo e l’incerto, laddove la scelta del ”certo” è simile a una prigione nella quale entriamo la mattina e usciamo la sera, giorno dopo giorno tolti un mese circa all’anno dove ci è concesso di prendere una boccata d’aria. Un modo di vivere che dovrebbe garantire una felice sicurezza ma che invece, il più delle volte, garantisce solo mal di stomaco, ansia e frustrazione. 

Ti sei mai chiesta quale sia il motivo per cui sei arrivata proprio in questo mondo? Cosa pensi sia la vita? Qual è l’emozione che ti fa svegliare ogni mattina? Cosa fa battere davvero il tuo cuore riempiendolo d’amore? E non parlo dell’amore romantico: c’è una strada che ciascuno di noi può seguire in modo indipendente dalle altre persone. Sto parlando di ciò che faremmo o che saremmo anche se avessimo tutto l’amore e il denaro che desideriamo e che possiamo trovare solo nel nostro sogno personale, nella nostra aspirazione di vita.

Mi ricordo che durante una WalkingCoaching ho sostenuto una giovane donna nel far luce sulla meravigliosa opportunità di avere accanto un uomo che la sostiene nel raggiungimento del proprio sogno, così come lei lo sta sostenendo nel viaggio che ha intrapreso per raggiungere il suo. Troppo spesso attribuiamo al rapporto d’amore con un’altra persona il solo significato e senso della nostra vita, limitando in questo modo ciò che davvero può fare l’Amore per noi.

L’ossessione di un amore romantico molto spesso preclude totalmente la possibilità di vivere una vita maggiormente connessa con il resto del mondo. A quel tipo di amore diamo la responsabilità di garantirci la sicurezza che desideriamo e un grado di amore sempre a nostra disposizione e sempre uguale: se l’intensità cala, scatta il campanello d’allarme e la messa in gioco di tutte le strategie per riportarlo al livello di partenza. 

Sembra una considerazione assurda, ma la voglio ugualmente condividere con te: se hai il coraggio di seguire il tuo sogno troverai anche la tua felicità. E’ impossibile essere totalmente infelici o sentirsi soli o inadeguati o stanchi, spossati e senza voglia di vivere quando respiri insieme all’Amore. A quel punto incontrerai sul tuo cammino l’Amore reale, quello che è sempre dalla tua parte, che non giudica e ti lascia o lascerai per cercare qualcosa di meglio.

Guardare nella direzione dell’Amore è complicato tanto quanto essere risvegliati da una luce accecante mentre stai dormendo: il primo gesto sarà quello di coprire gli occhi. Ma se avrai la volontà e la costanza di tenerli aperti, troverai il modo per guardare quella luce permettendole di avvolgerti. Molti di noi rinunciano troppo spesso ai loro sogni: eppure l’Universo è sempre pronto ad aiutarci a realizzarli. Val la pena di riflettere e chissà, magari potresti accorgerti che  …

Quando hai a che fare con l’Amore, aspettati sempre e solo il meglio e preparati a riceverlo in ogni ambito della vita

 

C’è un modo per migliorare la tua vita acquisendo strumenti utili da poter utilizzare in ogni momento e situazione. E’ Lovehealing una tecnica di risveglio interiore che nasce da anni di ricerche e sperimentazioni da parte dell’autrice nel campo della crescita personale e spirituale. Se vuoi saperne di più, clicca su questo link http://spiritualcoach.it/appuntamento/lovehealingcorsobase/