Sapete, al mondo non importa nulla dei semplici pensieri se non sono seguiti da azioni concrete.  Osservare la vita dal punto di vista dei risultati può sembrare duro. Ma che ci piaccia oppure no, il mondo ha le sue regole – pensiero + A.I.C. = risultato. E non gliene importa nulla se preferiamo vivere secondo le nostre regole personali.

Vivere nell’ottica dei risultati richiede determinazione, cambiamenti e rischi con il grande vantaggio di sapere che siamo noi a tenere in mano le redini della nostra vita. La differenza tra chi vince e chi perde sta nel fatto che chi vince è disposto a fare cose che chi perde non vuole fare.  Potrebbe risuonarti come una frase fatta, ma occorre davvero compiere il necessario per ottenere ciò che si desidera, in ogni ambito della nostra vita: diversamente continueremo ad essere dei “passeggeri” che seguono direzioni di altri.

Se vogliamo mantenere viva la nostra relazione di coppia, è necessario impegnarsi ogni sacrosanto giorno. Se vogliamo raggiungere il nostro sogno professionale, dobbiamo impegnarci ogni giorno con forza e dedizione.

Per guarire la nostra vita dobbiamo imparare a gestirla con competenza e preziosità, valutando cosa è meglio per noi e cosa non lo è più: questo potrebbe risultare complicato e doloroso. A volte tutto filerà liscio: evviva! Altre volte non sarà così: bene, ricalcola e riparti. Ma lo devi avere uno stralcio di sogno da guardare dritto negli occhi!

Smettila di dire che gli altri ti trattano male e insegna loro come trattarti. Sai cosa vuoi da una relazione, da una collaborazione, da un’amicizia? Se io per prima non hai le idee chiare, come posso chiedere agli altri in che modo trattarmi?

sii-realisticanei-tuoi-confrontie-astutanei-confronti-del-mondo-nessuno-puo-farloal-posto-tuo

“Il perdono è potere” come ti risuona questa frase? Sei in grado di portarla concretamente nella tua vita, applicandola ad ogni situazione? Neppure immagini – o forse si – la grandiosità che può sprigionare un atto di perdono applicato e agito: il senso di liberazione e l’energia che si rinnova, la consapevolezza che aumenta insieme alla gioia del rinnovamento.

Da ora crea tu stesso la tua esperienza. Anche se è duro crederlo, anche se sembra che non sia vero e aggiungi tu tutte le scuse che ti vengono in mente, ciascuno di noi èi responsabile della propria vita. Se hai un lavoro che non ti piace, è tua responsabilità. Se non riesci ad avere delle relazioni soddisfacenti con gli altri, dipende da te. Se non ti fidi degli uomini o delle donne, sei tu che devi imparare a sviluppare questa fiducia. Interrompi il lamento e inizia subito ad assumerti la responsabilità dei risultati e delle situazioni: chiama le cose con il loro nome e non come vorresti che fossero.

Non attenersi, sia pur minimamente, a queste indicazioni ti impedirà di formulare una diagnosi chiara della situazione e cambiare – nella maniera giusta per te-  la tua vita.  Accorgiti!

SOLO PER INTENDITORI

IMG_9716

L’Anno si sta per concludere ed è conveniente iniziare già da ora a posare nuovi mattoni per costruire un solido 2016. Oggi voglio dare il mio piccolo contributo, chiacchierando di scarsità, e cioè il fasullo credere che di ogni cosa vi sia una disponibilità limitata. E non parlo solamente di denaro ma anche dei beni materiali, del tempo, del riposo, del movimento, delle idee, del potere personale e dell’amore.  Questa è un’idea che affligge tanto i ricchi di denaro quanto i poveri. Porta alla competizione, all’invidia, fa diventare sospettosi ed è causa di sintomi svariati, compresa l’idea che il miglior modo di vivere sia divenire conquistatori seriali.

Il fatto è che questo modo di pensare diventa come un cane che si morde la coda e impedisce di apprezzare ciò che già possediamo. La propensione è valutare sé stessi e gli altri basandoci sui fattori esterni piuttosto che sulle qualità interiori. La scarsità è una menzogna efficace per tenere sedate le capacità personali, il talento e le infinite possibilità che ciascuno di noi possiede per generare abbondanza in ogni senso e direzione. E’ un sistema fatto di menzogne, opinioni, ipotesi e convinzioni, sulla base delle quali giudicare il mondo  come un luogo dove essere in costante pericolo di non riuscire a soddisfare le nostre esigenze.  

La dimostrazione è che questo sistema di pensiero generalizzato sta contribuendo a manifestare realmente la scarsità in ogni direzione, o almeno questo è ciò che molti di noi credono. Fermo restando che il solo modo per cambiare il mondo è trasformare il nostro personale modo di pensare, ogni scarsità così come l’abbondanza, è una questione personale.

Queste sono alcune convinzioni in cui credo:

  • La vita è semplice
  • Quello che credo determina ciò che ho e che sono: nel bene e nel male
  • L’amore, il servire e il dare, sono lo scopo della mia vita
  • Il denaro e qualunque altra forma di abbondanza arriva a me come risultato del mio metterti al servizio degli altri. La  professione è il modo che ho scelto per mettere in moto lo spirito di servizio
  • Vivo la vita che scelgo di vivere
  • Le parole hanno potere e danno forma alle esperienze
  • I pensieri e le emozioni sono il modo che ho per capire la direzione in cui sto andando
  • Lamentarsi, puntare il dito contro gli altri e rifiutare responsabilità al 100% della propria vita distrugge la possibilità di avere successo. Io sono responsabile al 100% della mia esistenza
  • I risultati non mentono mai
  • Raggiungo gli obiettivi con fede e tanti A.I.C. – Alzando Il Culo
  • Nulla migliora finché io non scelgo e decido di migliorare
  • Amo ciò che faccio diventando eccellente e sono ricompensata
  • La vita è una scuola continua. Rifiutare di imparare le sue lezioni significa ripeterle
  • Nessuno potrà mai darmi più amore di quanto io possa darne a me stessa
  • Dio è la mia Guida: con Lui sono sempre al sicuro

Ora puoi creare la tua lista personale di credenze. Dopo averla scritta, rileggila e nota come ciò in cui credi abbia influenzato i tuoi risultati. Osserva la tua vita e se non sei felice dei risultati, cambia le tue convinzioni.

Accorgiti e compila la lista. Stai pensando di farlo dopo, più tardi, domani, il primo dell’anno? In fondo cosa vuoi che sia qualche ora o giorno in più … Credimi, e parlo per esperienza personale: lo faccio dopo è la scelta più fallimentare che puoi fare. A buon intenditore …

CREDO CHE:

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

REALIZZAZIONE

IMG_9780

Sminuire gli altri per sentirsi migliori è ciò che accade a chi percepisce la mancanza di realizzazione in qualche area della vita.

Nella mia esperienza di coaching ricordo un uomo che soffriva un senso di ingiustizia. Il padre gli aveva detto che non avrebbe mai combinato nulla nella vita e, nonostante si fosse diplomato a pieni voti, un’ottima posizione professionale, credeva ancora che fosse così. Era arrabbiato, deluso e non sapeva come risolvere la questione.  Gli dissi di prendere in considerazione un aspetto importante: le persone parlano sempre a sé stesse.  Se qualcuno dice qualcosa che ci ferisce, che sembra ingiusta o addirittura falso, è bene ricordare che sta parlando a un aspetto di sé.

Questa riflessione gli fece comprendere che da bambino aveva sentito suo padre usare parole di amarezza nei confronti di sé stesso per non aver mai realizzato il suo potenziale. Con questo nuovo punto di vista  la rabbia e il risentimento svanirono per lasciare spazio alla compassione.

Non è mai troppo tardi per superare i sentimenti che ci affliggono sin dall’infanzia. In tutti quei momenti in cui ti senti schiacciare dalle circostanze, fermati per un attimo e disegna un nuovo finale alla tua vita passata.

Se le cose non sono andate come volevi non è detto che debba essere sempre così: puoi scegliere diversamente.  Sta a te decidere di reinterpretare le parole mettendoti in una posizione in cui puoi solo vincere, e le prospettive vincenti hanno il sapore della serenità. Accorgiti.

IMMAGINA, PREGA E A.I.C. (Alza Il Culo)

IMG_9179

Dipendere unicamente da se stessi promuove solo una parte di noi. Essendo per lo più creature paurose, tendiamo ad aspettarci il peggio piuttosto che il meglio. Per disfare questa visione, dobbiamo credere possibile che ce ne sia un’altra, di uguale portata ma dal risultato totalmente differente. Per questo è corretto formulare pensieri e frasi positive, costanza nella ripetizione, sostenute da una dose massiccia di fede e fiducia e disponibilità nel ricevere. Puoi formulare una preghiera tutta tua, rivolta al tuo Dio o a come lo vuoi chiamare, usando le parole che più ti sono affini in qualsiasi lingua tu voglia, che comincia con un “Grazie per ciò che ho, Grazie per ciò che avrò” e finisce mettendo nelle Sue mani la tua richiesta e immaginando che dalle Sue mani ti viene data. E poi trova un’azione da compiere per accelerare fortemente il processo del ricevere. Immagina, Prega e A.I.C. (Alza il Culo). Rimarrai sorpreso dai risultati. Accorgiti!