CHIACCHIERE DI SUCCESSO

Siate chiari su ciò che volete

Siate fiduciosi che si realizzerà

Oggi partiamo da questi due elementi e chiacchieriamo di successo e di come, a volte, arriva in punta di piedi. E voglio anche chiacchierare di come invidia risentimento fanno breccia nella nostra vita quando sono anni che lavoriamo con impegno al conseguimento di uno scopo senza risultati evidenti. Ti è mai successo? Sono certa di sì, a meno che tu non sia dotata di una particolare forza mentale.

C’è un legame tra il nostro atteggiamento e il nostro livello di felicità. Quando ci aspettiamo il meglio e siamo rilassati, stiamo usando l’atteggiamento migliore per conseguire il successo nella vita. A volte l’intensità di un desiderio, il pensiero fisso e costante può tenere lontane da noi le forme positive utili per raggiungere ciò che ci siamo prefissate, aumentando invece la paura di non riuscire. Come possiamo fare?

PREPARIAMOCI PER LE COSE BELLE

Se da una parte è positivo cambiare la nostra prospettiva così da aspettarci il meglio dalla vita, dall’altra parte è utile prepararci per quando arriverà. Che cosa significa? Te lo spiego subito. E’ certamente utile leggere libri che parlano di prosperità, pensare positivo, partecipare a corsi per rinnovare i nostri intenti, ma non è tutto e credere che lo sia è lasciare il discorso a metà. Agire in “senso prospero”, fare come se, muoversi nella direzione della prosperità bevendo un caffè nel bar più bello della mia città, essere grati ogni giorno per ciò che già possiedo è prepararmi per ricevere. Abbiamo bisogno di contenitori nel quale infilare il nostro obiettivo, come fosse un pentolone dove mettere gli ingredienti scelti con cura per preparare la nostra pietanza preferita.

E POI C’E’ L’INTUITO

Quanti di noi hanno ascoltato la vocina che diceva “è il tuo momento” realizzando ciò in cui credevano mentre altri hanno ascoltato la voce di mamma e papà che con tanto amore e protezione diceva loro: “Trovati un lavoro fisso, arriva alla pensione e poi goditi la vita”. Per un po’ ho seguito la voce di mia madre, per capire che stavo realizzando una sua aspettativa. Anni dopo ho seguito quella voce che diceva: “Sei pronta” ed ho virato bruscamente dando alla mia esistenza un’impronta decisamente più felice.

Molti grande imprese sono state guidate dall’intuito. Henry Ford, per esempio, non ha mai rinunciato a credere che un giorno l’automobile sarebbe stata alla portata di tutti, benché suo padre giudicasse l’idea una perdita di tempo. Di fronte a un bivio è utile seguire l’intuito, quella spinta che ti porta a virare a destra piuttosto che a sinistra o viceversa. C’è una Voce dentro di noi che corrisponde alla saggezza e spinge verso il meglio che possiamo immaginare. Lo capisci dal brivido che ti arriva lungo la schiena, dal vedere certamente con gli occhi chiusi il tuo orizzonte più luminoso, dal sentire una voce che ti incita e fa il tifo per te. Tutti noi possiamo imparare ad ascoltare ed è utile e conveniente farlo.

Non è possibile entrare nel regno dell’abbondanza lamentandosi della propria sorte

Sono d’accordo con questo pensiero espresso da non ricordo più chi. Riusciamo ad entrare nell’abbondanza quando diventiamo consapevoli della ricchezza che è già presente intorno a noi. Non c’è carenza se sappiamo come fare e non possiamo sentirci privati di nulla quando pensiamo alla nostra vita in termini di abbondanza. L’universo è sempre pronto a fornirci gli strumenti per progredire.

Molti di noi rinunciano a perseguire il loro scopo proprio quando sta per accadere qualcosa di grande. Il successo è un sistema dove coraggio e perseveranza sono elementi importanti. Crediamo di dover compiere gesti grandiosi per poter migliorare la nostra vita, ma in realtà bastano piccoli gesti, uno accanto all’altro, e tanta gratitudine per ciò che si manifesta intorno a noi.

A volte siamo talmente fossilizzati nei nostri pensieri triti e ritriti che cessiamo di essere coscienti delle infinite opportunità che si presentano: smettiamo di aspettarci il meglio. Oggi guida tu la tua vita e quando credi di essere nel buio più profondo pensa che c’è sempre un momento in cui le tenebre sembrano inghiottire tutto, ed è proprio un attimo prima dell’alba.

Oggi lasciati guidare alla fede e metti da parte la paura. Accorgiti!

La tua SpiritualCoach, Lucia Merico

VEDO PERCHE’ CI CREDO

I pensieri e le emozioni che hai in questo momento stanno sviluppando una relazione diretta con le basi per il tuo futuro. Un esempio:  più ti senti fiducioso nel presente, più riempi il tuo futuro di fiducia. Lo stesso vale per il timore di non farcela: più ne percepisci la vicinanza, più il futuro ti spaventerà.

Vuoi sapere come ci si sente ad essere fiduciosi o sicuri o sereni o quant’altro tu voglia essere? Comincia da ora e fino quando andrai a dormire comportati come se il tuo futuro fosse presente. Se desideri che il tuo futuro sia accompagnato da una pace interiore, agisci, cammina, parla come se tu fossi già in quello stato d’animo. Muoviti come si muove una persona dotata di pace interiore. Se vuoi essere una persona dinamica, fai ciò che fa chi è dinamico nella vita, pensando e muovendoti con dinamismo.

IMG_0866

E se ti accorgi di agire in modo diverso, fai del tuo meglio per tornare a interpretare il ruolo della persona che hai scelto di essere nel futuro. E’ adesso che crei le basi, in questo istante, mentre stai pensando che è difficile e complicato, che non hai voglia, che lo farai domani, che sono pazza o che sono tutte stupidate.

Trasforma il motto “Ci credo quando lo vedo” in “Lo vedo perché ci credo”. Per quanto possa sembrare strano e inverosimile, puoi iniziare proprio in questo istante ad avere un futuro meraviglioso. E, te lo assicuro, sarà proprio così. Accorgiti.

A proposito: oggi gioco a fare la persona che mangia sano e si nutre con intelligenza. E tu?

CALAMITANDO CON FEDE

vignette_29_ok (1)

Solitamente la nostra grande opportunità e il nostro grande successo si presentano quando meno ce lo aspettiamo. Occorre prendere le distanze quel che basta perché la grande legge di attrazione possa agire. Non vedrete mai una calamita preoccupata o ansiosa. Essa si drizza e non ha nessuna preoccupazione perché sa bene che gli aghi non possono evitare di esserne attratti. Le cose che desideriamo a ragion veduta, ci si presentano quando molliamo la presa. (La porta segreta del successo)

E sottolineo che questa considerazione vale anche per gli insuccessi: la calamita funziona ugualmente. Quando ti aspetti il meglio attrai a te le condizioni necessarie per vivere il meglio, esattamente come quando ti aspetti il peggio.

Se sono anni che lavori con impegno al conseguimento di uno scopo senza risultati evidenti – a meno che tu non sia dotato di una particolare forza mentale – il risentimento (anche lieve) e l’invidia (anche lieve) inizieranno a roderti. Questa è la visione che generalmente – e unita ad altre visioni similari – potrebbe sabotare il tuo risultato. C’è un legame tra l’atteggiamento e il tuo livello di felicità. Quando sei in una condizione di “aspettativa rilassata” ti trovi nella condizione mentale ottimale per conseguire il successo nella vita.
Il tocco magico che fa accadere tutto è la tua fede, la fiducia che ti permette di attrarre a te ciò che hai desiderato. E non parlo solo della fiducia in te stesso e nelle tue capacità: quelle potrebbero risultare limiate. Intendo la fede in qualcosa di ancor più grande, del potere superiore che ci ha creati, che ha reso possibile tutto: io lo chiamo Dio, tu chiamalo come più ti piace. Quando sei fortemente fiducioso, lanci il tuo intento e poi lasci che sia, che accada, forte del fatto che non devi darti pena per il domani: vivi il qui e ora benedicendo ciò che è intorno a te, ciò che già possiedi, generando così i presupporti per altre condizioni a cui dare la tua felice benedizione.

Preparati per le cose benne della vita, sii felice di accoglierle, divieni mentalmente prospero, agisci con prosperità, muoviti come se fossi già felice e accorgiti quando il dubbio e la preoccupazione arrivano a disturbare la tua beatitudine. A quel punto accoglile, dì loro “grazie” e lascia che vadano per la loro strada. Anch’esse sono parte di te e sono lì proprio per mettere alla prova la tua fede, per farti consolidare la tenacia, l’amore per te stesso ma soprattutto la conoscenza di te stesso.
Dissolvi le mura che circondano il tuo successo attraverso un’aspettativa potenziante, riponi la fede in Dio e lascia che la vita ti risposta con prosperità.
Accorgiti!

TIME FOR ACTION

Time for Action - Clock

Che ti piaccia oppure no, il valore che il mondo ti attribuisce corrisponde a quello che tu stesso ti attribuisci.
Il mondo risponde sempre a ciò che tu pensi di te stesso, nel bene e nel male.
Di fronte alle difficoltà il pensiero, tendenzialmente, si rimpicciolisce proprio quando, invece, sarebbe bene evitare una cosa simile.
I campioni nel mondo dello sport non si piegano quando stanno perdendo una gara: anziché prendersela con se stessi, si ricordano che sono dei campioni. Il talento in sé non è sufficiente: bisogna camminare, parlare e pensare da campione.
Le parole hanno un effetto sul nostro modo di concepire noi stessi. Usare un linguaggio propositivo e potenziante –sia interiore che esteriore- trasforma l’umore personale e la nostra intera vita, andando a migliorare anche la vita delle persone intorno a noi.
Quando sei in difficoltà, trova il modo per concentrarti sui tuoi punti di forza e come metterli in campo per modificare la situazione. Scegli di viaggiare in prima classe, scegli di ottenere il parere di persone competenti, trascorri del tempo con chi pensa in grande e che è generoso nell’amicizia. Ti potrai accorgere che, dopo un po’, il tuo livello di pensiero comincia a salire e, insieme ad esso, anche la tua vita migliora.
Non aspettare che le condizioni siano perfette per cominciare qualcosa di nuovo perché potrebbero non esserlo mai. Comincia subito con quello che hai. Fai piccoli passi, scegli il movimento anziché la staticità. Agisci ora.
Accorgiti!

I HAVE A DREAM

__i_have_a_dream___by_sweet_photographer-d477an0

Se un individuo procede con fiducia nella direzione dei propri sogni, e cerca di condurre l’esistenza che si è immaginato, lo aspetterà un successo inatteso nella vita di tutti i giorni. (Henry David Thoreau)

Il sognare sommato a un agire attivo porta all’essere ciò che vuoi diventare. Costruire castelli in aria è mettere in movimento la propria creatività: ma farlo senza l’azione è sterile. Devi costruire sotto di esso le fondamenta necessarie per sperimentarne l’essenza. Diversamente resterà solo la frustrazione di un pensiero, qualcosa da raccontare come un ricordo amaro ricco di “se” e di “ma”.
Quando hai un sogno trova sempre il modo di agirlo compiendo le azioni necessarie per renderlo reale. Certo, è molto più faticoso che rimanere sdraiati nell’erba a pensare a “come sarebbe bello se …”, ma la soddisfazione quando lo vedrai realizzato – credimi – è i n e s t i m a b i l e!
Accorgiti!

RIFLETTI PRIMA DI AGIRE

399046_2679343839616_1758345406_n

Si può riflettere prima di agire? Certo che sì! A volte non siamo così attenti e, proprio in quei momenti, nascono le migliori opportunità. Proprio come questa mattina mentre facevo alcune considerazioni con una cara amica, relativamente a una cucciolata bellissima di labrador: a lei piacerebbe tanto averne uno e mi ha chiesto di essere complice in questa operazione. I padroni sopprimeranno i cuccioli se non vengono adottati entro il 13 febbraio. Mi sono indignata quando l’ho letto e ho pensato peste e corna di questi proprietari inconsapevoli e crudeli di fronte alla vita, qualunque forma possa assumere.

Passato il momento di sfogo, mi sono domandata quale fosse lo scopo di provare tanta indignazione e la risposta è arrivata: sperimentare in modo inconsapevole il lamento con annesso senso di colpa: anziché concentrarmi sulla soluzione, ho preferito per un attimo rimanere nel problema. Inoltre, mi sono accorta del gesto “buonistico” che ho messo in atto nel proporre e condividere sulla mia pagina il link, uno spirito tutt’altro che amorevole poiché conteneva rabbia, indignazione, insulti nei confronti dei proprietari e molto altro ancora, il tutto condito da un’ottima dose di inconsapevolezza.

Chi sono io per giudicare le scelte altrui quando ho difficoltà, a volte, perfino ad occuparmi delle mie scelte personali? Sono sfumature e qualcuno di voi potrebbe pensare a un picco di esagerazione. Credetemi: sono riflessioni che, a parer mio, fanno la differenza. Compiere un’azione in consapevolezza ha sicuramente un risultato differente rispetto a quando la si compie senza.

L’estensione della rabbia produce rabbia. L’estensione dell’amore produce amore. A volte la trama è così spessa da non far passare il messaggio, ma se si è attenti e ci si pone la domanda per eccellenza “Qual’è lo scopo?” ecco che la risposta arriva sempre, presto o tardi.

Inizia bene la mia giornata, con un monito da parte della vita a rimanere attenta e consapevole: oggi me lo ricordo sicuramente … e quando cadrò nel lamento, voglio ricordare a me stessa “Qual’è lo scopo?”

Buona giornata a tutti!

———–IMPORTANTE———— Per adottare i cuccioli della foto potete contattate: cristina@graphicworld.it

START

IMG_7400

Regalati un anno di successi e sogni realizzati, obiettivi raggiunti, nuove consapevoli visioni cominciando da subito. I buoni propositi che ti sei prefissato per il 2014 aspettano di essere agiti e lo puoi fare partendo da subito! Buon Splendido Inizio. (LM SpiritualCoach)