MEGLIO UN NO CHE LIBERA O UN SI CHE IMPRIGIONA?

Ci sono cose, luoghi o persone ai quali permetti di indebolire la tua energia portando ai minimi termini la tua forza vitale.

Spesso c’è così tanta abitudine a convivere con questi “estintori di energia vitale” da non accorgerti dell’effetto che esercitano su di te. Come sempre, l’attenzione consapevole aiuterà a diminuirne in potere e a liberare la tua energia personale

 

MEGLIO UN NOCHE LIBERAA UN SìCHE IMPRIGIONA (1).png

Oggi presta attenzione agli estintori di energia e scrivili su un foglio. Ti elenco quelli che erano in passato i miei personali:

  • Dire sì quando volevo dire no
  • Cercare di piacere e accontentare tutti
  • Reprimere le mie emozioni (a volte ancora utilizzato)
  • Tenermi costantemente occupata anche quando le attività scelte non mi piacevano

Ora scrivi quali sono le attività che aumentano e potenziano la tua energia. Potrebbe essere parlare con un amico, passeggiare, fare yoga, andare in bicicletta, fare giardinaggio, leggere, scrivere, andare a cena con gli amici.

Ora puoi scegliere di dire “no, grazie” se un’attività non ti piace e trovare un modo gentile per fare altro, oppure rispondere “si” esattamente come prima, con una differenza fondamentale: ora sei consapevole di cosa accade rispondendo in un modo o nell’altro.

Avere la padronanza della propria vita divenendo consapevoli di cosa potenzia o indebolisce l’energia personale, è un buon modo per essere felici e liberi. Accorgiti.

Annunci

ATTENZIONE: PERICOLO!

Accoglienza è quando riceviamo l’altro nello spazio del nostro cuore. Perché il nostro cuore è grande e ricco di Amore Infinito e infinitamente può amare senza prosciugarsi.

Quando accogliamo offriamo all’ospite quanto di meglio abbiamo in casa, perché l’ospite e l’ospitato sono parte di un Uno: per questo un tempo l’ospite veniva considerato sacro. L’essere sacro in noi ci fa aprire le braccia all’essere sacro nel cuore dell’altro, perché ogni ospite ha Dio nel cuore.

Se la capacità di accogliere è chiusa, non serve a nulla mettere a disposizione la nostra casa, le stoviglie, il cibo o i letti. Solo quando il cuore comprende l’accoglienza possiamo ricevere chiunque incontriamo, perché la nostra vera casa, quella nella quale ospitiamo gli altri, la portiamo sempre con noi ovunque andiamo. E, credetemi, non è un aspetto “romantico” o “buonistico” ma una vero e proprio movimento energetico di espansione della coscienza. Quando accogliamo ci rendiamo disponibili a vedere l’altro per ciò che è, senza la falsità dei veli che lo nascondono, e questo ci rende disponibili a vedere noi stessi, a far luce sui nostri limiti e carenze.

Lasciare l’altro fuori dalla nostra vita per qualunque motivo – nessuno escluso- ci preclude la possibilità di risolvere una situazione, mantenendola intatta nel suo legame: e a nessuno piace essere legato. Per cui continueremo a palleggiare il problema dall’altro a noi senza interruzione, aumentandone ogni volta l’intensità. Quello che riteniamo vantaggioso e cioè porre l’attenzione sull’altro, diventa a tutti gli effetti una prigione per noi, per la nostra vita e per la nostra energia.

Proviamo a pensare, per un attimo, a una relazione finita perché uno dei due ha tradito o si è innamorato di un’altra. Trattenere il risentimento concentrando l’attenzione sul fatto che c’è un unico responsabile della situazione – il traditore – e che sia il solo sul quale porre l’attenzione, è un inganno davvero pericoloso, che ci offende nel profondo mostrandoci la nostra incapacità di gestire la vita.

Il ruolo della vittima, anche se molto appetitoso per l’ego, in realtà è una gabbia dalle sbarre molto resistenti. Ed è anche uno dei modi per ricevere attenzione, condannare l’altro e liberarci di un peso che non riuscivamo a toglierci di dosso. Detto così può sembrare persino crudele, è vero. Ma nella realtà dei fatti, ciascuno usa ciò che conosce per sistemare la propria vita e pochi di noi ricevono sin dall’inizio le istruzioni di come si conduce il gioco.

Accogliere, in queste circostanze, richiede un lavoro di comprensione delle dinamiche che parte dall’unico e solo principio su cui si basa l’esistenza: l’assunzione di responsabilità.  Ciascuno di noi desidera essere accolto dall’Amore in ogni sua forma. Fatto è che a volte capita proprio l’esatto contrario, di essere rifiutati.  Da quel momento il nostro cuore conosce la piaga del rifiuto, ciò che temiamo e che si nasconde nella nostra anima fin dalla notte dei tempi.

chi-e-abituatoa-stare-in-gabbiacrede-che-la-libertasia-spaventosa-1

Il timore di non essere accolti riapre il dolore del rifiuto, e nel rifiuto ci sentiamo soli, privi d’amore, l’unica risorsa vitale. In quel caso alcuni di noi si allontanano mentre altri ricercano spasmodicamente “qualcosa o qualcuno” senza mai trovare davvero nulla che li possa soddisfare. La vera e l’unica soluzione se si vuole davvero risolvere la questione è  l’accogliere proprio quel momento di dolore. In quegli attimi l’Amore diventa tutto ciò che abbiamo a disposizione per rinnovare la nostra energia. Avvicinarci a Lui, accoglierLo e affidandoGli la nostra sofferenza avrà l’effetto di un balsamo che ci trasporterà oltre la paura, oltre la ribellione o il rifiuto che temiamo, oltre la solitudine, in un oceano dorato di accoglienza.

Oggi voglio condividere con voi la sintesi della lezione trentadue di Un Corso in Miracoli, ricordandovi di leggerla ogni volta che avete la tentazione di “gettare la colpa” su gli altri.

Comincia con questa affermazione: “Io non sono la vittima del mondo che vedo” e prosegue:  “Come posso essere la vittima di un mondo che, se lo scelgo, può essere completamente disfatto? Le mie catene si sono sciolte. Posso lasciarle cadere semplicemente desiderando di farlo. La porta della prigione è aperta. Posso lasciarla, semplicemente uscendone. Nulla mi trattiene in questo mondo. Soltanto il mio desiderio di starci mi tiene prigioniero. Voglio abbandonare i miei folli desideri e camminare finalmente nella luce del sole.”

Oggi portala con te. Accorgiti.

NASCITA E RINASCITA

Oggi voglio proporti un piccolo passaggio del mio corso NASCITA E RINASCITA che si terrà il prossimo 22-23 ottobre 2016, con la speranza che possa aiutarti a far luce su alcuni schemi comportamentali che metti in atto nella tua vita. Per questo ti chiedo di munirti di carta e penna: avrai capito – se mi leggi da un po’ –  che sono gli strumenti di consapevolezza che preferisco. Sei pronto/a?.

lasciatelo-stare-lasciatelo-fare-lasciategli-il-tempo-il-sole-si-alza-forse-di-colpo-tra-il-giorno-e-la-notte-non-indugia-forse-lalba-incerta-e-la-lenta-maestosa-gloria-dellaurora-lasciate-alla-n

Immagina di aver totalmente compreso e fatto esperienza di essere responsabile della tua vita al 100%: ogni cosa che accade è per te e non a te. Dunque puoi immaginare di aver scelto i genitori, il luogo, la famiglia alla quale appartenere per fare esperienza in questo mondo. E proprio i genitori hanno contribuito – al meglio delle loro possibilità e conoscenze in quel momento –  a plasmare ciò che sei. Anche se non sono più in vita: continui ad avere un rapporto con loro. Anche se sei stato/a adottato/a, potresti avere un rapporto sia con i genitori biologici sia con quelli adottivi.

A prescindere da quanto sia stata felice o traumatica la tua infanzia, il padre e la madre così come gli eventi dei primi anni di vita, hanno avuto un effetto – senza dubbio – su quello che sei ora, ed è bene capire quale sia. Per andare alla scoperta della tua parte più autentica, è importante prima riconoscere che le convinzioni sulla vita sono spesso un riflesso (o una reazione)  degli schemi genitoriali.

Se esistono schemi invalidanti che si tramandano da generazioni nella tua famiglia, è arrivato il momento di infrangerli al fine di interrompere la catena di trasmissione, diventando adulti consapevoli e lasciando che sia l’Intelligenza che alberga in ciascuno di noi a guidare insieme a te la tua vita, e non più i condizionamenti ai quali hai risposto fino ad ora.

Un primo passo può essere il rispondere ad alcune domande che ti aiutano a comprendere qual è  la tua verità. Rispondi ad esse il più onestamente possibile tenendo bene a mente che anche i tuoi genitori sono stati bambini e, a loro volta, hanno ricevuto istruzioni dai loro genitori.

  • Se è vero che scegliamo i nostri genitori, come mai avrei scelto i miei? Cosa ho guadagnato o imparato appartenendo proprio a quella famiglia?
  • Cosa veramente provo per loro?
  • Qual è la mia percezione di ciò che provano loro per me?
  • C’è amore tra me e i miei genitori? Se non c’è né, sento l’esigenza di sanare il rapporto con loro? Se sì, di cosa avrei bisogno affinché questo possa avvenire?
  • Quali convinzioni sulla vita, le relazioni, il denaro, l’abbondanza, il lavoro etc … ho attinto da loro? Quali convinzioni sono il riflesso delle mie stesse verità?

Questo è solo un assaggio di ciò che potrai scoprire partecipando al corso e l’esperienza in grotta – accompagnati da speleologi professionisti – sarà un dolce cammino verso una vita nuova, che appoggia le basi su nuove convinzioni.

Insomma, una vera e  propria rinascita  dove sarai tu e solo tu a crearne tutti i presupposti. Accorgiti.

ZITTO E NUOTA, NUOTA E NUOTA…

Ci sono momenti in cui la vita ci “frulla” a suo piacere e sembra divertirsi parecchio nel farlo! Come possiamo fare per fermare il vortice e trovare così un po’ di pace? Eccovi alcuni suggerimenti:

e-nel-bicchiere-dacqua-dove-credeva-di-essersi-persa-ritrovo-se-stessa-e-comincio-a-nuotare

  • Alzati un po’ prima la mattina per meditare, pregare o riflettere sulla tua giornata con calma e raccoglimento
  • Durante il giorno, trova un momento per rilassare la mente. Una mentalità frenetica e in costante agitazione abbassa notevolmente la tua energia
  • Impara a vivere l’attimo: è in quell’istante di tempo presente che puoi trovare più di una soluzione al tuo problema
  • Quando sei preoccupato, domandati: “Quale importanza avrà questa situazione tra un anno?” 
  • Concediti di essere annoiato: non temere di avere del tempo libero. Sei un essere umano non una macchina. Dopo il primo attimo di disagio ti potresti anche divertire
  • Sii aperto a considerare che la vita è un susseguirsi di esperienze più o meno piacevoli e che ognuna può essere utilizzata come opportunità o disagio: a te la scelta
  • E soprattutto  R E S P I R A! Ogni cosa viene meglio se ti ricordi di respirare

Non perderti in un “bicchiere d’acqua” a tal punto da smarrire il contatto con la magia e la bellezza della vita. Se dovesse accadere, ricorda che c’è sempre un altro modo. Accorgiti!

LUMINOSO PRESENTE

Ci sono venti impetuosi da affrontare e montagne alte da scalare.  E poi il freddo dell’incomprensione e il caldo torrido della rabbia.

E’ tortuosa, a volte, la strada per tornare verso casa. Ma in quel viaggio che sembra non finire mai, c’è un’oasi di quiete dove rigenerarti, nutrire la tua anima per poi ricominciare. Tutto questo per un unico scopo: conoscere te stessa!

Ne vale la pena, te lo posso garantire. Perché quando camminare in direzione della tua anima diventa un’abitudine, il passato è un amico prezioso.

E tu, ferma nel tuo luminoso presente, puoi accoglierlo, dargli nuovo lustro per un futuro che sa di libertà.

Accorgiti.i-accept-the-great-adventure-of-being-me

LA VERA RIVOLUZIONE FEMMINILE E’ LA CONOSCENZA

Un articolo che nasce dall’ennesimo racconto di un gesto violento consumato tra le mura domestiche. Inizia con la splendida visione di Michela Murgia, autrice del libro Ave Mary, e termina con la mia visione personale.

“Nel 2007  è stato pubblicato il primo studio italiano sulla violenza alle donne. Lo ha realizzato l’Istat su un campione di venticinquemila donne tra i sedici e i settant’anni in tutto il territorio, e i risultati impressionano anche i più ottimisti. In Italia sono 6,7 milioni le donne che subiscono ogni anno violenza fisica o sessuale (quasi quattro donne su dieci nel campione considerato), nel 69,7 per cento dei casi commessa dal partner, attuale o ex. Ma il dato più significativo è che solo il 18 per cento delle vittime ritiene che le violenze tra le mura domestiche siano reato: infatti il 93 per cento delle volte non le denuncia alle autorità. Quarantacinque donne su cento non ne parlano neanche con le amiche o con altri familiari, come se in fondo considerassero quelle violenze il rischio implicito e calcolato della vita con un uomo. Sono dati che turbano, ma non sorprendono. Personalmente posso dire che si avvicinano per difetto a quella che è la statistica delle condizioni di convivenza – matrimoniale o no – tra le donne che conosco.

A lungo mi sono chiesta come fosse possibile che persone intelligenti, il più delle volte colte, spesso autonome economicamente, accettassero di essere oggetto di violenza all’interno della propria relazione. Adesso so che contano l’educazione femminile, frutto di secoli di addestramento alla subordinazione, e anche la parallela formazione maschile, imbevuta di proiezioni dominanti e possessive. Contano i modelli sociali patriarcali, e conta moltissimo la sensibilità popolare educata all’idea che uno schiaffo sia solo una carezza veloce, nella convinzione diffusa che l’amore sia tale anche quando procura occhi pesti, zigomi lividi e sospette cadute dalle scale. Conta persino che ogni titolo di quotidiano insista nel definire “delitto passionale” l’omicidio di una donna per mano del suo uomo, come se la morte fosse amore portato alle sue estreme conseguenze. Conta che il diritto italiano abbia considerato la violenza sessuale come reato contro la morale (e non contro la persona) fino al 1996, data fino a cui non era affatto scontato che potesse trattarsi di reato se la vittima di un pestaggio era la moglie dell’aggressore. Dentro queste dinamiche, però, è impossibile che non abbia avuto alcun peso l’idea di copia trasmessa dall’insegnamento religioso tradizionale.

La domanda doverosa e la risposta è di grandissima importanza per la condizione delle donne, di tutte le donne, non solo di quelle credenti e sposate: è ipotizzabile che esista un legame concreto tra il quadro desolante della prassi violenta nelle famiglie e il modello relazionale al quale secondo la Chiesa cattolica deve conformarsi la coppia per potersi definire cristiana?

La teologa Virginia Ramey Mollenkott, nel suo saggio del 1991 Dio femminile, in riferimento alla raffigurazione di Dio come essere maschile, notava che “il tipo di relazione che viene suggerita quando solo un partner è come Dio è una relazione di dominio/sottomissione. Il tipo di relazione dove entrambi i partner sono come Dio è la reciprocità”.  E’ fuori dubbio che la relazione su cui si fonda il matrimonio cattolico appartenga al primo tipo, ed è quindi tutt’altro che illogico supporre che le sue conseguenze siano quelle che deriverebbero da qualunque rapporto impostato su dominio e sottomissione.  La narrazione univoca della donna funzionale – sposa e madre – impone alle donne di muoversi entro ruoli rigidi e le condanna a essere considerate sovversive e marginali ogni qualvolta provino a immaginarsi in modo alternativo. Per contro, la medesima narrazione impone ai mariti il ruolo dominante e le frustrazioni che ne derivano qualora si tenti una relazione più equa. Se è vero che le parole generano realtà – e quelle liturgiche sono per antonomasia le più potenti – deve esserci un collegamento tra la narrazione suggerita all’uomo e alla donna come marito e moglie e i modi in cui quella narrazione viene tradotta.

Non è stato il cattolicesimo a inventare la prassi della subalternità della donna nel matrimonio, né la concezione di inferiorità che la fonda; è anzi evidente che quell’idea esisteva da secoli. Tuttavia i padri della Chiesa potevano scegliere di utilizzare il potenziale destabilizzante e innovativo dell’annuncio cristiano della figura di Maria per modificare alla radice le situazioni di ingiustizia e svalutazione della persona che quel sistema imponeva e continua a imporre. In forza del sacrificio di Cristo – e San Paolo l’aveva capito tanto bene da metterlo per iscritto nella lettera ai Galati – non esisteva più la gerarchia morale tra giudeo e greco, tra schiavo e padrone e tra uomo e donna; il cristianesimo rifondava l’ordine stesso del cosmo. Se la Chiesa non si è inventata la subordinazione tra i sessi, ha scelto di legittimarla spiritualmente. Attraverso la proposta dell’archetipo Cristo/Chiesa ha reso liturgia e dottrina le struttura patriarcale della famiglia, rallentandone di fatto anche l’evoluzione culturale. Poi la riflessione femminista e il progresso dei diritti civili hanno costretto lo Stato italiano a riformare il diritto di famiglia e i confini del matrimonio per adattarsi alle nuove sensibilità sociali, la Chiesa ha invece continuato a celebrare il modello nuziale che sancisce di fatto un rapporto disparita rio, dentro al quale uno dei due coniugi è autorizzato a considerare l’altro al suo servizio.

Le ragioni dell’iniziale scelta maschilista e patriarcale, benché del tutto storicizzabili, sono nel frattempo diventate dottrina, rendendo difficoltosa la loro modifica nel magistero successivo. Che questa lettura possa venire abrogata è auspicabile, ma altamente improbabile. E’ purtroppo vero quello che scrive Gustavo Sagrebelsky in Scambiarsi la veste, il suo saggio sul rapporto tra Stato e Chiesa: “Nulla è mai stato abrogato dalla dottrina della Chiesa; sul piano dottrinale infatti il concetto stesso di abrogazione è un non senso, poiché ogni nuova affermazione è concepita come uno sviluppo che contiene tutto ciò che precede senza contraddirlo”.

Da cristiana non abbandono la speranza che la teologia faccia i conti con le conseguenze dell’attuale dottrina matrimoniale: lo deve alla fedeltà della Parola di Dio, ma soprattutto lo deve alle donne e alla sofferenza che questa lettura ha imposto con la minaccia dell’esclusione dal piano della salvezza e con legittimazione culturale di un sistema violento. Gli abusi e la sopraffazione che le donne hanno subito nei secoli in nome del vincolo sacramentale del matrimonio non sono stati ancora compresi né valutati per intero. Il passo non potrà mai essere compiuto se la riflessione sul matrimonio come sacramento resterà affidata a uomini celibi, sacerdoti e vescovi che del matrimonio conoscono solo gli aspetti deformi che arrivano loro in eco dal confessionale, un luogo dove alle donne si chiede da secoli di rassegnazione e sottomissione in nome di Dio. (Finché morte non vi separi – dal libro di Michela Murgia Ave Mary E la Chiesa inventò la donna Ed. Einaudi)”

E aggiungo il mio pensiero veloce.

Non vanno sottolineate e condannate unicamente le “botte” fisiche. Ci sono violenze più sottili fatte con le parole. “Quando lui parla mi uccide – Le sue parole mi bloccano – A parole ammazza una persona …” Sembrano essere solo modi di dire, ma non lo sono.

Le parole diventano coltelli invisibili capaci di tagliare silenziosamente l’anima di una persona. E in tutto questo dire e scrivere, c’è un aspetto fondamentale che voglio mettere in evidenza, ed è la nostra responsabilità come Donne di aver accettato che tutto questo potesse accadere.

La ribellione femminista che urlava  “l’utero è mio e me lo gestisco io” ha grattato solo la superficie della corazza patriarcale che abbiamo accettato di indossare. La vera rivoluzione della Donna sta nella conoscenza di sé stessa, della sua storia antica e del suo potere personale come diritto di nascita. Siamo stati fatti a immagine e somiglianza di Dio, e Lui non si è scordato di aver esteso tutte le Sue caratteristiche luminose e pacifiche ai Suoi Figli.  Noi lo abbiamo fatto, come Donne, accettando la storia che ci è stata raccontata e che ci vede nel mondo grazie alla costola di Adamo. Subordinate a un uomo –e a nessuno piace esserlo – ci siamo vendicate facendogli mangiare la mela proibita. Irriverenti, vendicatrici e peccatori entrambi siamo stati cacciati dal Paradiso Terrestre e costretti in un modo di torture. Puoi addolcire la storia a piacimento, ma questo è ciò che crediamo sia accaduto. E anche se pensi “ma dai, io non credo a tutto questo” mille altre informazioni si sono accavallate. E la maniera migliore per rendere solida una verità è di renderla leggenda o favola, affinché tutti la possano raccontare.

Con tutte le carte della conoscenza consapevole in regola, ogni Donna e ogni Uomo potrà scegliere se restare nel cunicolo dove entrambi si sono rifugiati secoli fa, o uscire  allo scoperto e mediare la pace scrivendo una storia diversa da ogni storia conosciuta, dove etichette come Patriarcato e Matriarcato ingialliscono, permettendo alla Luce che entrambi incarnano di risplendere, per sé stessi e per tutte le Donne e gli Uomini che sceglieranno di comprendere.  Accorgiti!

DONNE IN RINASCITA

Alle donne che in ogni momento scelgono di mollare la presa a causa dell’età, a te che credi al passare del tempo come a un nemico da sconfiggere voglio regalare l’ultimo capitolo del mio libro PROFESSIONE SPIRITUALCOACH Gesù è più felice quando viaggia in Porsche. E chissà che la luce in te possa cominciare a brillare. Accorgiti!

«Più delle albe, più del sole, una donna in rinascita è la più grande meraviglia. Per chi la incontra e per se stessa. È la primavera a novembre. Quando meno te l’aspetti.» (Jack Folla – Donne in rinascita)

Capitolo 29 – NON È MAI TROPPO TARDI

«Più delle albe, più del sole, una donna in rinascita è la più grande meraviglia. Per chi la incontra e per se stessa. È la primavera a novembre. Quando meno te l’aspetti.»    (Jack Folla – Donne in rinascita)

Ho superato i 50 anni, ed eccomi qui a realizzare un altro sogno, preso dal cassetto per restituirlo al mondo.

Sono la dimostrazione vivente che non esiste un’età specifica per fare le cose e sono pronta a realizzare altri sogni, e altri ancora fino alla fine dei miei giorni. Sto imparando che ogni giorno è una benedizione di Dio e che esiste un solo modo per fare le cose: buttarsi dentro a capofitto con passione e determinazione.

Walt Disney ha detto «Se puoi sognarlo, puoi farlo» ed è proprio così. Scrivere un libro è un sogno che coltivo da bambina e non importa quanto tempo ho impiegato a realizzarlo: la cosa importante è non smettere mai di sognare, di fare, di agire perché quando il sogno si realizza in quel preciso istante il tempo si annulla e non ricordi più quanto è passato, quanti anni hai e cosa hai fatto per arrivare fino a lì.

Semplicemente ti godi il profumo della realizzazione che ti inebria con il suo carico di positività, di energia, di fantasia. Per me è come volare nel cielo con un tappeto magico: e da lassù la vista è davvero straordinaria!

Durante i miei corsi al femminile ho notato che spesso le donne mortificano se stesse e il loro splendore con pensieri legati all’età.

«Sono troppo vecchia per fare questo», «Non ho più l’età per fare quello»: le donne sono una fonte inesauribile di energia e lo dimostriamo portando avanti i mille impegni di ogni giorno.

Siamo mogli, madri, amiche, amanti, colf, infermiere, manager, tutto racchiuso in una grande sfida che si perpetua ogni singolo istante della nostra vita.

Attraversiamo i ponti delle difficoltà con forza ed energia portando con noi tutti coloro che amiamo. Siamo nutrici e portatrici di quel valore che tanto ama la pace e l’armonia: il femminino che è presente in ognuna di noi.

Abbiamo zittito per molto tempo la Voce che ci unisce all’infinito e alla conoscenza, ed è ora di risvegliarla, partendo dalle piccole possibilità quotidiane.

La donna contemporanea ha bisogno di ritrovare quel tesoro nascosto che porta dentro di sé e ritornare ad apprezzare ogni fase della sua esistenza.

Non ci sono momenti migliori o peggiori per una donna consapevole. Dall’adolescenza alla tarda maturità, queste fasi vengono sperimentate ogni mese e la donna che ha imparato ad ascoltare ciò che accade dentro di lei ne trae il massimo vantaggio.

Per non parlare poi della maternità, il momento dove l’energia femminile esprime la sua massima potenza. Il cambiamento che avviene in una donna che diventa madre porta con sé una forza interiore mai sperimentata prima.

La nascita di un bambino segna un forte cambiamento nella percezione della vita: si passa dalla concentrazione sulla libertà personale alla dedizione e alla responsabilità verso un nuovo essere umano, e per una donna è il momento dove il suo nutrimento interiore, sempre presente e disponibile, diventa manifesto.

Ogni età è bella per chi sa vivere a fondo, senza risparmio, senza riserve, trovando in ogni attimo quel “particolare” che lo rende unico e irripetibile. È bello essere consapevoli di ciò che si è e di dove si sta andando. Possiamo essere il miglior esempio per noi stesse e per chi amiamo raccogliendo i frutti antichi del ricordo di chi siamo.

Le donne hanno bisogno di ritrovare se stesse. A ognuna di noi è dato di sognare e realizzare il proprio sogno, di godere del successo, della ricchezza e dell’abbondanza a qualunque età, e io ne sono un esempio.

Mentre scrivo la parte finale di questo mio primo libro, penso a quanta strada ancora voglio percorrere sulla via della consapevolezza. Dove mi porterà? Ci saranno altre strade oltre a questa? Cosa sarà della mia Vita? Tutte domande che hanno un’unica risposta: «Inizia a camminare, un passo dopo l’altro»

Le parole scritte a commento di un post, si sommano alle emozioni nel rileggere questo libro, col pensiero stupito di poter esserne l’autrice: «Sogno, intenzione, decisione, azione… ora so che sei pronta a cogliere il risultato».

Termino questa avventura, la prima di una lunga serie, con una frase a me cara, che mi accompagna sin dal primo incontro «al Femminile». La voglio condividere con tutti voi, Amiche e Amici, nella speranza che un giorno possa diventare la più rosea delle nostre realtà:

«Secondo un’antica profezia andina

giungerà il giorno  in cui  lo spirito femminile della Dea

si risveglierà dal lungo letargo

e si adopererà per cancellare  odio e distruzione

e dare infine origine  a un mondo di Pace e di Armonia

(Anonimo)

Lucia Merico |SpiritualCoach|LifeCoach|AlFemminile

http://www.spiritualcoach.it