MEDITACTION

zen-meditation

Una mente che medita conosce se stessa e fluisce nel cambiamento: non lo teme perché comprende che è l’unica via verso la conoscenza. Nella quiete della meditazione è in grado di trovare la sua unicità. Ogni momento meditato nella quiete ha la sua conseguenza. Così come ogni momento meditato nella confusione ha la sua conseguenza. Una mente consapevole sa che può scegliere.

“Ti ho dato parole di visione e saggezza più segrete dei misteri celati. Ponderale nel silenzio della tua anima, e poi nella libertà compi la tua volontà.” (Dio e Arjuna)

Cerca la pace dentro di te, svolgi il compito che ti appartiene e resterai stupito di fronte ai misteri dell’Universo.

Accorgiti!

INSIEME E’ PIU’ FACILE

meditazione 2

La mente che medita è capace di scegliere la strada da seguire al di fuori dei sentieri già tracciati da altre menti. Di per sé, non segue un desiderio o la vana gloria, ma il suo posto accanto alla felicità. Sa che volte è il combattimento a dover essere intrapreso, altre volte può lasciarsi andare alla quiete: in entrambe i casi è consapevole di ciò che sta accadendo. Sa di essere in un mondo dove entrambe le condizioni sono necessarie e le dosa a seconda di ciò che ha scelto di intraprendere.
Una mente che non ama ciò che fa è infelice e l’esperienza nel mondo è a tonalità scure. Quando ama ciò che fa é consapevole del fatto che può cambiare in un istante di tempo presente: è nella luce che illumina il suo cammino. La conseguenza sarà libertà dalla paura e dalla preoccupazione ansiosa per i risultati. Ogni essere saggio ha sempre un esito o un risultato in mente, ma non si identifica mai con il risultato stesso. Lancia la sua freccia e poi si stacca dal risultato, perché sa con assoluta certezza che andrà dritta al centro del bersaglio.
Una mente che medita conosce se stessa e fluisce nel cambiamento: non lo teme perché comprende che è l’unica via verso la conoscenza. Nella quiete della meditazione è in grado di trovare la sua unicità. Ogni momento meditato nella quiete ha la sua conseguenza. Così come ogni momento meditato nella confusione ha la sua conseguenza. Una mente consapevole sa che può scegliere.

“Ti ho dato parole di visione e saggezza più segrete dei misteri celati. Ponderale nel silenzio della tua anima, e poi nella libertà compi la tua volontà.” (Dio e Arjuna)

Cerca la pace dentro di te, svolgi il compito che ti appartiene e resterai stupito di fronte ai misteri dell’Universo.
Accorgiti!

PAURA DI …

IMG_6292

Paura di essere felice
Paura di conoscere la propria luce
Paura di guarire dalla malattia più grande: l’ignoranza
Paura di conoscere se stessi
Inseguire la felicità, inseguire un sogno, inseguire l’amore o la ricchezza. E’ forse l’inseguire che va modificato? Fermati per un attimo e riconosci che hai già tutto ciò di cui necessiti. Forse, in prima battuta, potrai non credere a questa affermazione guardando la tua vita per come la vedi ora. C’è un altro modo di vedere che non include gli occhi fisici, almeno in prima battuta.
Chiudi gli occhi, per un attimo e ascolta il susseguirsi del tuo respiro: non esiste nulla di più perfetto del tuo respiro. Senza di esso non potresti vivere. Sei vivo. Stai pensando. Questo è sufficiente per essere felice. E l’atto di essere felice si estende attraverso il tuo respiro: porti dentro la paura di essere felice, e fai uscire la felicità. Inspiri la paura della carenza e fai uscire l’abbondanza. Il mondo ti offre il modo per trasformare ciò che abbassa l’asticella della tua energia in carburante per una vita nuova.
Fallo ora, dopo aver letto questo piccolo passaggio e senti come ci si sente a essere padroni indiscussi della propria esistenza.
E’ semplice … quante volte ti ricorderai di farlo oggi e nei giorni a venire?
Accorgiti! (LM SpiritualCoach)

LA RICCHEZZA E’ NELLA DIVERSITA’

Prenditi il tempo di conoscere prima di generalizzare.
Prenditi il tempo di viaggiare e confrontarti con altre culture.
Se credi di non poterlo fare, leggi, naviga in rete, informati.
Concediti il lusso di conoscere un mondo che esce dal tuo schema convenzionale.

IMG_6008

Fermati un attimo a pensare che sono le differenze ad arricchire la mente.
(LM SpiritualCoach)

INCONTRI SACRI

Il concetto che tutto ciò che osservi è illusione, all’inizio, è solo un concetto.

Da quando l’ho sentita per la prima volta, mi è sempre piaciuta la definizione di libertà che descrive Castaneda: «I Guerrieri che raggiungono la Consapevolezza Totale sono uno spettacolo incomparabile: ardono di un fuoco interno che li consuma e, in piena consapevolezza, si fondono con le emanazioni dell’Aquila e scivolano nell’eternità. I Guerrieri della Libertà Totale sono così padroni della Percezione, dell’Agguato e dell’Intento, che la morte non li prende come il resto degli esseri umani. I Guerrieri della Libertà Totale scelgono il momento e il modo della propria dipartita dal mondo. nel momento prescelto si consumano in un Fuoco dal Profondo e scompaiono dalla faccia della terra, liberi, come se non fossero mai esistiti.» (Il fuoco dal profondo).

Oppure posso prendere a prestito una qualunque delle metafore che Gesù utilizzava per spiegare l’illusorietà del mondo. La mia preferita: “Chiedi e ti sarà dato”. Entrambe le strade, di tradizione differente, si congiungono in un un’unica via: quella della consapevolezza. Entrambe le strade si basano su esperienze vissute, diventando così esempio per chi vuole comprendere. Entrambe le filosofie prevedono un’unica domanda: Io chi sono?. Entrambe ti chiedono un unico obiettivo: Conosci te stesso!

Scegli una strada che ha un cuore e che ti porta nella concretezza del mondo, poiché è in esso che puoi trovare davvero chi sei. Stare nel qui e ora, per me, significa vivere ogni attimo in comunione con il tutto, compresa la separazione. Anch’essa, nella sua infinita sofferenza, è l’unico modo che puoi utilizzare per comprendere che non c’è nulla di separato da te. Il mondo offre tutto ciò di cui hai bisogno per conoscere te stesso. Immergiti in esso, nella sua illusoria perfezione, per scoprire che non esiste nulla che sia degno di poterti insegnare come il mondo stesso fa attraverso le persone che incontri. E imparando cominci a unire i puntini del gioco che chiami vita. Nulla sarà più separato. Tutto diviene esperienza.

Grazie a chi ho incontrato, a chi incontro e a chi incontrerò.

http://dotsub.com/view/15f0467f-d351-4224-acf5-df3f2ba9d5a0#.T1zfgMuRFkm.gmail

IL BERSAGLIO PREFERITO

Uno dei desideri che anima la mente delle donne è quello di essere più femminili e seducenti, dando un significato molto limitato a queste due parole. Si crede che la seduzione femminile sia una qualità che appartiene all’apparire piuttosto che all’essere, credenza limitante e fuorviante a sicuro vantaggio degli uomini e depotenziante per le donne. La società moderna preferisce non spiegare quali siano le caratteristiche profonde e fondamentali per esprimere femminilità: o, forse, solo una piccola parte di questa società conosce un altro modo di essere femminili e seducenti.

In ogni caso i modelli sociali, le TV, i giornali, reality ecc… molto spesso prendono di mira le donne sfruttandone la mancanza di autostima, per indurle ad acquistare determinati prodotti. Il messaggio implicito di alcuni annunci pubblicitari di cosmetici è Tu non vali abbastanza e puoi diventare migliore (più bella) solo se compri il nostro prodotto: il bersaglio preferito dai pubblicitari sembra essere proprio il nostro corpo.

Ora, è buona cosa utilizzare tutto ciò che ci fa sentire più belle e a nostro agio: personalmente adoro le beauty farm, i bei vestiti e le scarpe, andare dal parrucchiere, fare shopping. Ugualmente, in passato, mi sono accorta che l’esteriorità appagava solo una piccolissima parte di quel vuoto che sentivo e che facevo tacere per un attimo quando acquistavo: sentivo fortemente che c’era qualcosa in più che ancora non conoscevo e che avrei scoperto di lì a poco, partecipando al mio primo corso al femminile. Sono passati molti anni e ancora ringrazio Dio di averlo fatto!

E proprio durante quel corso ho compreso quanta responsabilità abbiamo noi Donne accettando di interpretare un ruolo che, a volte, sminuisce la nostra vera natura femminile. Come dice Simone de Beauvoir “Donne non si nasce, si diventa”: quante volte ho letto questa frase senza comprenderne il significato.

C’è un modo per essere femminili e seducenti senza compromettere la nostra reale natura: iniziare ad esserlo anche interiormente e cioè nutrendo quella parte di noi ancora selvaggia e sconosciuta che attende di emergere. C’è un’anima femminile che abita in ogni essere vivente e le Donne ne sono portatrici privilegiate poiché il principio femminile si esprime in modo più evidente dentro di loro.

Come possiamo fare per iniziare a vederlo? Facciamolo insieme: il primo passaggio fondamentale è cominciare a pensare che Femminilità è riconoscere il proprio potere personale ed esprimerlo.

Il secondo passaggio è iniziare a nutrire la nostra mente con pensieri potenti come:

Ora sono disponibile a riconoscere la meravigliosa Donna che c’è in me

Scelgo ora di lasciar andare ogni idea di me stessa che mi impedisca di vedere la meravigliosa Donna che io sono

Più cresco spiritualmente, più cresce la mia sicurezza, mi sento soddisfatta ed amata

Sono una benedizione per me stessa, per le altre donne e per il pianeta intero e il mio futuro è luminoso e bellissimo

Divenire consapevoli del proprio potere personale significa dirigere lo sguardo  a quella parte di noi stesse che abbiamo dimenticato di avere. Generalmente la donna contemporanea si preoccupa di essere alla moda, con vestiti firmati o l’ultimo accessorio sul mercato, chiamando tutto questo femminilità e seduzione. Continuiamo pure ad abbellire il nostro corpo e, contemporaneamente, nutriamo anche la nostra mente: potreste scoprire di aver bisogno solo di voi stesse per sentirvi a posto in ogni momento, indipendentemente dall’abito che indossate e soprattutto ricordati di indossare i tuoi pensieri più belli e propositivi …

… lasciandoti andare al fluire della Vita …

IL LIBERO ARBITRIO

Questa legge prevede che  ogni essere vivere è responsabile della sua vita al 100%.

Libero arbitrio significa che ogni persona è libera di compiere le proprie scelte.  Nessuno è responsabile di ciò che accade a qualcun altro: esiste per ciascun individuo il libero arbitrio che comporta la responsabilità personale di compiere delle scelte. Ciò significa che ognuno sceglie la propria esperienza: ognuno coltiva il proprio orto e mangia i propri frutti.

Questa legge è complicata da accettare nella sua totalità poiché l’essere umano ha ben radicato il bisogno di controllo. Cambiare questa percezione è un punto di partenza importante per iniziare a prendere coscienza e superare emozioni come paura, rabbia e senso di colpa.

La vita di ogni essere è determinata da scelte personali e questo inizia sin dal primo attimo che iniziamo a respirare in questo mondo. Ognuno di noi ha la sua precisa mappa mentale che si è creato – inconsapevolmente –  durante la nascita e nei primi 4/5 anni di vita.

Prova a pensare a genitori che hanno cresciuto due figli utilizzando gli stessi metodi e dando loro le stesse informazioni: uno cresce con una visione positiva della vita mentre l’altro ha una visione pessimista. Come può accadere questo: genitori uguali, stessi insegnamenti con figli così diversi tra loro! Semplicemente uno ha introiettato gli insegnamenti con un atteggiamento positivo e l’altro ha fatto l’esatto contrario. Hanno messo in atto il libero arbitrio.

Ogni essere vivente è dotato di libero arbitrio sin dal suo primo attimo di vita. Un bambino appena nato non è ancora in grado di esprimere a parole ciò che desidera e lo fa attraverso il pianto o la risata ma la sua mente è attiva ed è già in grado di scegliere e decidere quale tipo di esperienza fare.

E’ limitante pensare che una mente possa apprendere la differenza tra giusto e sbagliato solo quando è in un corpo adulto! La mente fa esperienza sempre e usa il corpo per imparare sin dal primo respiro … e anche prima.

E quando siamo adulti le basi su cui appoggiare la vita sono già state ampiamente costruite: a quel punto abbiamo bisogno di comprendere, ricordare e scegliere di lasciar andare le vecchie convinzioni limitanti per fare spazio alle nuove, più gratificanti e felici. Diventare abili osservatori della propria vita equivale a rendere ogni momento un risveglio consapevole diventando così fluidi come l’acqua, abbandonando la resistenza e permettendo alla mente di fare esperienza.

Anche in questo caso, lasciati andare al fluire della Vita …