COME E’ NATO NASCITA E RINASCITA

Faccio una premessa. Quando il mio amico Sergio mi invitò a fare l’esperienza della grotta, accettai perché nella mia testa d’era l’idea delle grotte che avevo visitato in precedenza, come la Cuevas del Drach a Palma di Maiorca: grande, spaziosa e illuminata, con i camminamenti in legno e il suggestivo lago.

Quando arrivai davanti alla Miniera dei Quattro Ossi a Grignaghe, arrivò anche un tuffo al cuore. Non riuscivo a immaginarmi di entrare in quel passaggio tutt’altro che confortevole. Avevo paura! Del buio, di cosa mi aspettava, di non riuscire a respirare. Guardando Sergio negli occhi affermai con determinazione: «Io lì non ci entrerò mai!» E lui, rispondendo con calma: «Va bene. Stai dietro a me»

Non riuscii a capire cosa accadde, ma quelle parole mi caricarono di fiducia, e forse pensandoci adesso anche un po’ di curiosità. E così entrai.

Durante le tre otre di perlustrazione in grotta si accavallarono molte emozioni, di cui ebbi consapevolezza solo dopo essere uscita e aver scaricato l’adrenalina. Mi resi conto che era stato come entrare nel grembo materno: il passaggio iniziale, il percorso per arrivare alla grotta centrale così grande e accogliente, il rumore delle gocce d’acqua sulla pietra, la luce che arrivava solo dalla lanterna accesa sul caschetto. E soprattutto la presenza rassicurante e professionale di Sergio.

Cominciai ad approfondire l’argomento della nascita, recuperando le esperienze fatte in passato ed aggiungendone di nuove. Assorbii informazioni per quasi sette anni e tornai altre volte in grotta per capire quale fosse il percorso più adatto, le esperienze da fare prima di entrare, durante la permanenza e all’uscita dalla grotta. E quando gli elementi di base furono pronti, arrivarono i primi partecipanti e il primo corso di Nascita e Rinascita.

Ad oggi resta per me uno dei corsi più emozionanti e ogni volta che mi preparo per l’aula e il giorno dopo in grotta, mi sento come un bruco che sta per trasformarsi in farfalla.

Conoscendo la profondità del corso, accolgo in aula solo 10 nuovi partecipanti ai quali dedico tutta la mia attenzione. Per l’esperienza in grotta mi affianca Sergio, il mio SpiritualSpeleo insieme a Franco o al altri speleo del Gruppo Speleo Montorfano, che ci garantiscono sicurezza e professionalità.

Per l’evento del 30 e 31 Marzo 2019 ci sono ancora 3 posti liberi e siamo al completo! Leggi con attenzione cliccando su questo link di cosa si tratta ➡➡➡ http://spiritualcoach.it/appuntamento/nascita-rinascita/ e poi scegli cosa fare. E se decidi di partecipare, preparati senza dubbio a trasformarti da bruco in farfalla.

http://www.spiritualcoach.it

Annunci

SINCERITA’


(Foto di Perchek Industrie su Unsplash)

La sincerità offre un dono speciale: interrompere la catena delle scuse. Quando facciamo il punto della situazione guardando i fatti, possiamo anche scegliere di migliorare.

Se vediamo le nostre ombre, possiamo conoscere anche la Luce che le proietta

L’animo umano è pieno di segreti nascosti dalle parole, dalle convinzioni. Le vere intenzioni si celano dietro un’infinità di maschere costruite per proteggere la nostra reale espressione. Abbiamo forse paura di scoprire chi siamo e di esprimere i nostri talenti? Pare proprio che sia così e per questo usiamo la menzogna protettiva dietro la quale ci nascondiamo, fatta di «non posso – non fa per me – non ci riesco – lo faccio dopo».

Siamo sinceri quando le nostre espressioni e il nostro comportamento è allineato con ciò che pensiamo e sentiamo. Solo allora possiamo offrirla e riceverla in sicurezza perché è chiaro a noi stessi e agli altri con chi si ha a che fare.

Chi è sincero verso sé stesso lo è anche con gli altri. Sa riconoscere con onestà le proprie ombre e altrettanto le proprie doti. È in questo modo che impariamo a fidarci della Luce e di ciò che può mettere in evidenza.

Tutte le nostre maschere possono essere illuminate e non temiamo di mostrarci al mondo per ciò che siamo: un’espressione di fragilità e forza.

La pratica della sincerità non ha bisogno di essere sostenuta da nessun pubblico: basta guardare i fatti. A loro non possiamo mentire, non così a lungo come crediamo, e di fronte ad essi possiamo scegliere e decidere diversamente.
#

Se vuoi conoscere te stess* partendo dal momento più fondamentale della vita di ogni individuo, puoi partecipare a Nascita e Rinascita, un percorso di due giorni dove potrai incontrare gli ostacoli che hai vissuto alla tua nascita e che ancora fai emergere. Un giorno in aula per scoprire te stess* e un’esperienza in grotta per rinascere a nuova vita. Se ti va, qui sotto trovi tutti i dettagli per partecipare
⤵⤵⤵ 
http://spiritualcoach.it/appuntamento/nascita-rinascita/

CRESCITA

Dovremmo pensare di essere sempre all’ABC del nostro potere personale, come se imparare ed esplorare fossero vitali, la priorità dell’esistenza, ed è più facile ora più di ogni altro momento considerate le massicce informazioni che ci vengono fornite dai social e dal web in merito alla crescita personale in ogni direzione. Tutto ciò dovrebbe aprire la nostra mente a un nuovo paradigma fondamentale: credere e accettare di essere potenti oltre ogni misura.

Per migliaia di anni abbiamo inserito diversivi di ogni genere per deviare il cammino allontanandoci dalla nostra eredità naturale, quella di essere talentuosi creatori e creatrici. Abbiamo accettato credenze limitanti sulla carenza e i bisogni in ogni ambito della vita e le abbiamo fatte diventare il nostro mondo personale, dimenticandoci di un particolare importante: siamo gli unici e soli artefici della nostra realtà.

Cosa significa?


Che ciascuno di noi possiede il libero arbitrio di scegliere, seminare, far crescere e raccogliere ciò che vuole, che diventa una grandiosa esperienza quando siamo allineati col benessere oppure un tormento quando ci accostiamo alla scarsità

Ma di quali ingredienti è fatta una vita felice, ricca, abbondante di ogni genere? Ti passo la mia ricetta:

  • Una giusta quantità di fede, un pizzico di fiducia e una punta di desiderio
  • Consapevolezza Cosmica in abbondanza
  • Una manciata di buon senso
  • Due o tre cucchiai grandi di intento e focus
  • Una spruzzata copiosa di buonumore

Una volta aggiunti gli ingredienti in un contenitore capiente, mescolare con decisione e lasciar lievitare la magia della manifestazione.

La realizzazione è l’apice di un grande lavoro fatto su sé stess* che coinvolge tutto il nostro essere, un gioco di squadra tra l’anima, la mente e il corpo

Ci vogliono strategie, concentrazione e azione per aumentare il valore dell’esistenza, per i nostri successi futuri. E una volta arrivati in cima, possiamo scendere velocemente e prepararci a scalare una nuova montagna, a esplorare una nuova via, a rinnovare il nostro valore, fino alla fine.

Se anche tu vuoi essere autore o autrice e protagonista della tua vita in un continuo e costante miglioramento, ti invito al prossimo evento di LoveHealing® Tecniche di Risveglio Interiore – Corso Base che si terrà il 20 Gennaio 2019 a Corte Franca (BS). Cliccando sul link qui sotto trovi tutte le informazioni per iscriverti usufruendo dello SCONTO 20% 
⤵⤵⤵
http://bit.ly/2MjIOBS

Ti aspettiamo!

IMPORTANTE!

AIC.jpg

C’è un virus che colpisce la maggior parte della popolazione. Si chiama LFD – Lo Faccio Dopo. E’ contagioso, genera dipendenza e abbassa notevolmente la fiducia in sé stessi: più rimandi più annulli la voglia di fare. L’unico antidoto contro LFD è AIC – Alza il Culo, da prendere una volta al giorno per tutto il tempo di vita in questo mondo.

Modalità per uscire dalla dipendenza virale di LFD:

  • Ogni volta che oggi ti verrà la tentazione di accampare una scusa per qualsiasi motivo o che sentirai qualcuno farlo, prendi nota su un foglio.
  • Prima di andare a dormire appendi il foglio in un punto della casa dove lo puoi vedere al tuo risveglio.
  • La mattina, appena ti alzi, rileggi le scuse che hai scritto ed inizia l’antidoto AIC facendo qualcosa che non hai fatto il giorno prima.
  • Continua fino a esaurimento della lista. Quando hai terminato, ricomincia da capo. (scrivi le scuse – usa l’antidoto AIC)

«Le probabilità di riuscita delle proprie imprese sono proporzionali alla fiducia che si nutre in sé stessi» (Robert Collier)

p.s.: Divulgare la notizia fa bene al Pianeta!

www.spiritualcoach.it

 

CONSUMI O TI GODI LA VITA?

Generalmente si tende a utilizzare il denaro per soddisfare la maggior parte dei nostri bisogni, carenze e desideri, acquistando ogni cosa nella speranza di trovare la felicità: il modo migliore per consumare la vita anziché godere la vita.

Così le giornate diventano una “corsa al successo”:  lavorare e comprare beni di lusso che non hai tempo di goderti. In certi casi è estremamente facile cadere in un circolo vizioso di debiti, spese e consumi quando invece quello che desideri davvero potrebbe essere un livello di comodità e sicurezza ragionevole: uno stile di vita semplice che non significa “sottomesso” bensì cominciare a spendere meno di ciò che guadagni per regalarti la pace mentale.

IMG_0825 (2).PNG

Il denaro viene considerato in diversi modi dalle persone: potere, fonte di sicurezza, gioia, una maledizione – ma è davvero così? Secondo me l’errore più frequente è considerare il denaro qualcosa di esterno a noi stessi, qualcosa per cui combattere o che magicamente conferisce benessere e prestigio personale. Costruire una vita su questo terreno traballante dove basta uno scossone neanche troppo forte per far crollare l’intera struttura è pericoloso, ma è ciò che fa la maggior parte di noi.

La vera ricchezza è determinata dall’avere cose per la loro utilità e non come simboli di potere o successo. In un libro ho letto che i veri ricchi amano la frugalità. Ero abituata a credere che essere frugali significasse “fare senza” e invece ho scoperto che il suo significato ha radici completamente diverse. Deriva dal latino frux, che significa frutto o virtù, e frui che significa fruire o ben impiegare. Essere frugali significa riconoscere il valore di ogni cosa vedendo la differenza tra un mazzo di margherite di campo e uno di rose rosse a gambo lungo. Significa avere un altro rapporto tra ciò che possiedi e il piacere che ne ricavi.

Un passo che personalmente mi ha illuminata rispetto al denaro  è stato tenere sott’occhio le mie finanze registrando ogni somma, grande e piccola, che entra ed esce. Perché essere così zelanti? Per divenire consapevole del ruolo del denaro nella mia vita senza nascondere nulla. Dal momento che i soldi hanno una correlazione diretta con la nostra energia vitale, perché non rispettare questo bene prezioso a tal punto da avere coscienza di come viene speso?  In questo modo ho scoperto quali sono le spese insoddisfacenti per le quali stavo consumando la tua energia vitale.

In passato avere cinquanta paia di scarpe e un armadio pieno di vestiti pensavo mi potesse rendere felice: non era così. Oggi ho meno scarpe e meno vestiti ma molto più tempo di qualità da dedicare a ciò che amo. Accorgiti.

Se vuoi saperne di più su come gestire il tuo denaro ti suggerisco: Corso “Think Rich & Be Rich” – Fondamenta-li per la ricchezza e la libertà finanziaria

(Fotografia https://it.pinterest.com/pin/335729347203365008/)

VEDERE IL BELLO

Stai pensando che gioire è difficile? Che vedere il bello in un mondo come questo è uno sforzo notevole; che è come mettersi i paraocchi e guardare poco, perché se allarghi il campo visivo è inevitabile che ti spaventi un po’? Ne convengo. E non intendevo incoraggiarti a praticare quella limitazione dell’intelletto, che oggi, da poco meno d’un secolo, si va propagando con il nome di “pensiero positivo”. Non voglio che tu decida a priori di essere contenta comunque stiano andando le cose.

IMG_0748.PNG

Mi preme che tu ti abitui a non aver paura di gioire, nonostante il modo in cui va il mondo,  e anche contro il mondo, ogni volta che sarà necessario. E questo non è difficile per niente.

In pratica, quel che ti chiedo è soltanto che ciò che ti piace di piaccia per tutto il tempo che ti piacerà: non un giorno di più, non un giorno di meno. Gli ostacoli alla gioia, i veleni psichici che impediscono di sentirla, vengono tutti da lì: dall’obbligarti a trovare il bello, giusto, vero, desiderabile, ciò che per te non è né bello né giusto né vero, e che non desideri affatto.

Tu mi dirai: “Ma se faccio così, non potrò più obbedire a nessuno di quelli a cui ho obbedito finora!” E avrai perfettamente ragione.

Non penserai, infatti, che io mi sia scomodato a venir giù dalla nostra Sede centrale per dirti di fare, pensare, approvare, dire quello che vogliono i tuoi conoscenti o chi comanda lì dove abiti tu. Tra qualche tempo –se tutto va bene- potrà venirti in mente l’idea di fare per gli altri quel che vorresti facessero per te, ma sicuramente non l’idea opposta, e diffusissima:  di fare per te quel che gli altri vogliono che tu faccia. No! No!, non se ne parla nemmeno, d’ora in avanti.

Tu sai che tu sei tu, cara ragazza, ed è bene e necessario che partiamo da questo punto principalissimo: comincia a non avere altro che io all’infuori di te.

Se no, la tua gioia come potrebbe essere tua? Questione di minuti, e vedrai che ti irrobustirai in questa convinzione, e riuscirai a reggere anche gradi di gioia che prima di avrebbero schiantato.

Così potrò proseguire in quel che ho da dirti. (La disobbedienza – Igor Sibaldi)

Scritto AlFemminile declinabile AlMaschile. Accorgiti.

THE POWER OF WORDS

Chi non conosce il potere delle parole, non è al passo con i tempi. Ognuno di noi ha una costante conversazione con se stesso che influenza continuamente, nel bene e nel male, il suo modo di vivere. Qualunque parola utilizziamo per definire il mondo, noi stessi, la vita, gli altri, le situazioni eccetera, si posa sul tappeto della mente fertile e comincia a germogliare, fino a crescere e diventare un’esperienza vitale, un dato di fatto.

Pensi di essere sfortunato? Userai pensieri sfortunati, un dialogo interiore sfortunato e una conversazione con gli altri sfortunata, andando in giro con le spalle basse e lamentandoti in continuazione di ogni cosa. E un bel giorno esci di casa e scivoli su una buccia di banana, cadendo a terra in una pozza di fango, sporcando il tuo bel vestito che avevi indossato per un appuntamento importante. Arrabbiandoti ti rialzi e inizi a piangerti addosso e a lamentarti con tutti quelli che sono intorno a te. Avrai così messo in atto la tua sfortuna, dimostrandoti con un fatto che avevi proprio ragione.

E’ uguale se pensi di essere fortunato: il tuo dialogo interiore sarà costellato di frasi fortunate, parlerai agli altri di fortuna e della bellezza della vita, di come sei felice e grato quando apri gli occhi la mattina, e lo farai con le spalle alte, il sorriso stampato in faccia e una dose di positività straordinaria e coinvolgente. E quando scivolerai su una buccia di banana, cadendo a terra in una pozza di fango e sporcando il tuo bel vestito, ti rialzi in fretta e, guardandoti intorno, incroci lo sguardo di una donna meravigliosa che ti chiede: “Si è fatto male? Tutto bene?” e tu, affascinato dai suoi occhi rispondi: “Mai stato meglio in vita mia”. Più tardi sei nel bar più vicino a prendere un caffè con lei e a chiacchierare del futuro.

La parola può distruggere o innalzare la nostra esistenza e solo noi possiamo scegliere di andare in una direzione oppure nell’altra. La scelta è la nostra vera libertà.

Accorgiti