APRI LE MANI

Se da tempo lavori con impegno al conseguimento di uno scopo senza risultati evidenti potrebbe accadere che il risentimento (anche lieve) e l’invidia (anche lieve) inizieranno a roderti. Questa visione unita ad altre simili potrebbe essere una delle cause che contribuiscono a sabotare il tuo risultato.

C’è un legame tra l’atteggiamento che hai e il tuo livello di felicità. Quando sei rilassato/a e ti aspetti il meglio ti trovi nella condizione mentale ottimale per conseguire il successo nella vita.

IMG_0845.PNG

Il tocco magico che fa accadere tutto nella vita è la fede, la fiducia che permette di attrarre a te ciò che desideri. E non parlo solo della fiducia in te stesso/a e nelle tue capacità: quelle potrebbero risultare limiate. Intendo la fede in qualcosa di ancor più grande, un intento inflessibile che ha permesso la creazione e che ha reso possibile il tutto: io lo chiamo Dio, tu chiamalo come più ti piace.

Quando sei fortemente fiducioso  lanci il tuo intento e poi lasci che sia, che accada, certo e forte del fatto che non devi darti pena per il domani: vivi il qui e ora benedicendo ciò che è intorno a te, ciò che già possiedi generando così i presupporti per altre condizioni a cui dare la tua felice benedizione.

Preparati per le cose belle della vita, sii felice di accoglierle, divieni mentalmente prospero, agisci con prosperità, muoviti come se fossi già felice e accorgiti quando il dubbio e la preoccupazione arrivano a disturbare la tua beatitudine.

A quel punto accoglile, dì loro grazie e lascia che vadano per la loro strada. Anch’esse sono parte di te e sono lì proprio per mettere alla prova la tua fede, per farti consolidare la tenacia, l’amore per te stesso/ama soprattutto la conoscenza di te stesso/a.

Dissolvi le mura che circondano il tuo successo attraverso un’aspettativa potenziante, riponi la fede in Dio e lascia che la vita ti risponda con prosperità. Accorgiti!

BEATLES DOCET

love is all you need

La sicurezza in generale è un mito per l’essere umano. Molti vorrebbero una vita stabile, soprattutto in periodi considerati di “crisi”. Ma così facendo non si rendono conto che è andare contro natura e dritti in bocca alla sofferenza. Conosco molto bene come ci si sente. E il richiamo, a volte in alcune aree della mia vita, è appetitoso: lo ascolto, lo accolgo e scelgo diversamente.

Solo una mente in costante movimento, con pochissime pause necessarie per compiere azioni adeguate a realizzare ciò che si è pensato con determinazione, è in grado di vivere in armonia con la vita e, di conseguenza, essere centrata sulla gioia.  Krishnamurti scrive che “… gli esseri umani scavano una piccola pozza personale  lontana dalla corrente impetuosa della vita, e in quella piccola pozza stagnano, muoiono; e questa stagnazione, questo decadimento, è ciò che chiamano esistenza”.

Una descrizione forte e allo stesso tempo vera per molti di noi. La tendenza è di creare un piccolo bacino di sicurezza fatto di familiari, amici, lavoro, paure, ambizioni, credo religioso e tutto quello che segue a ruota, nel vano tentativo di evitare una realtà su scala più ampia. Nulla di male nell’avere intorno punti di riferimento, se si ha la consapevolezza che gli stessi potrebbero mutare a causa di eventi che appartengono allo scorrere naturale dell’esistenza.  Evitare quanto più possibile il mutamento costante al quale ognuno di noi è assoggettato, significa alimentare a dismisura ogni forma di paura, dalla quale ne consegue una sperimentazione attiva attraverso gli eventi della vita.

Sii creativo in ogni situazione, affetti compresi. Sii disposto ad amare permettendo a chi è intorno a te di esercitare la propria volontà. Sono molti i modi per imprigionare, dimenticando che ogni volta stai imprigionando solo te stesso.

Accorgiti!

ACTION

C’è sempre un pensiero di fondo che sostiene ogni nostra azione che diventa esperienza diretta di vita. Quindi, se ciò che vivi non ti piace, è il pensiero che dev’essere cambiato e, di conseguenza, l’azione corrispondente. Se una persona desidera essere felice e come pensiero di fondo ha “La vita è una continua sofferenza” sarà più propenso a compiere azioni per manifestare una “continua sofferenza”.

felicita

I pensieri diventano parole e le parole diventa azioni che fanno l’esperienza della nostra vita. Si tratta della legge di causa-effetto. L’Universo rimanda le nostre parole sottoforma di realtà. Desiderare qualcosa, non è essere sufficiente per ottenere: devi diventare ciò che vuoi essere pensando, muovendoti, agendo di conseguenza.

Se vuoi essere felice, riempi la tua mente di pensieri felici, di gratitudine verso la vita, di sostegno e sorriso nei confronti del prossimo. “Grazie Dio perché porti la felicità nella mia vita” è un buon pensiero per cominciare. E anche se, in prima battuta, potresti non crederci, pensalo ugualmente, fallo divenire un mantra, aggiungi alla frase “Anche se in questo momento non ci credo, allo stesso modo … Grazie Dio perché porti la felicità nella mia vita”.

Diventa fantasioso nel trovare frasi positive da utilizzare quando ti accorgi di dare valore a pensieri di sofferenza e sacrificio, e cantale in auto, danzale in casa mentre prepari il pranzo, meditale quando stai solo con te stesso: fai diventare la tua frase positiva l’unico pensiero del giorno. Entra in società con Dio, portaLo nella tua giornata, rendiLo partecipante attivo dei tuoi pensieri e, te lo assicuro, la tua vita sarà più divertente. I Pensieri di Dio potrebbero essere molto più accessibili di quanto tu possa credere.

Accorgiti!

“Sei in società con Dio. Condividiamo un patto eterno. La mia promessa a te è di darti sempre ciò che chiedi. La tua promessa è quella di chiedere; di comprendere il processo delle domande e risposte” (Conversazioni con Dio)

ACCETTA QUESTO DONO

albero

Il tuo stato mentale
e il tuo riconoscimento di cosa vi sia in essa
dipendono da ciò che tu credi
nella tua mente.

Qualunque cosa tu creda
sarà la premessa che determinerà
ciò che accetterai nella tua mente.

Quando credi in qualcosa,
lo hai reso vero per te.

Nessuna credenza è neutrale.
Ciascuna ha il potere di dettare
ogni decisione che prendi.
Perché una decisione è una conclusione
basata su tutto ciò in cui credi.

Il riconoscere che non capisci
è il presupposto
per disfare le idee false:

“La verità correggerà tutti gli errori nella mia mente”
(Accetta questo Dopo – Un Corso in Miracoli)

CHIEDERE E CREDERE

IMG_6636

La prosperità si attiva quattro principi fondamentali:
. il principio del chiedere e credere
. il principio del creare
. il principio del ricevere e amministrare
. il principio della ricchezza e della condivisione

Oggi consideriamo insieme il primo principio: il chiedere e credere.

. In base alle leggi fondamentali dell’Universo, il pensiero precede sempre la materia. Quando crei nella tua mente un’immagine di salute, ricchezza, abbondanza, relazioni felici, una professione appagante, stai collaborando con l’Universo nel far in modo che ciò che hai chiesto si manifesti nella tua vita.
. Dare è ricevere. Su questo presupposto la ricchezza e la felicità fluisce più facilmente verso coloro che si mettono a disposizione degli altri. La legge del dare è infallibile nel ricompensare chi dona più di chi riceve.
. Più ti convinci che la prosperità dipende dagli altri, più la allontani. Quando comincia ad accorgerti che Dio, il Potere Supremo, l’Universo, l’Energia o come ti piace definirla, sono la fonte delle tue risorse, l’abbondanza di ogni cosa comincia a fluire, denaro compreso. I soldi non danno la sicurezza. Ciò che ti dà vera sicurezza è la fede e una profonda conoscenza del potere di Dio di provvedere.
. Per ricevere il meglio dalla vita, devi immaginare di il meglio per come lo vuoi tu. Emozioni di paura, rabbia, risentimento occupano uno spazio nella tua mente che impedisce all’abbondanza della prosperità di fluire. Sei tu che scegli se riempire la mente con abbondanti pensieri di povertà o abbondanti pensieri di ricchezza. Fai spazio alla ricchezza lasciando andare i pensieri di povertà. Quando hai dei risentimenti verso qualcosa o qualcuno, ti vincoli a quella situazione. Perdonare è liberare te stesso e permettere alla catena della prosperità di aprirsi.
. Per la Legge di Attrazione, qualunque cosa su cui concentri la tua attenzione diventa realtà. Attrai cose, persone, situazioni con le quali sei in sintonia in quel momento. Paura attrae condizioni di paura, Amore attrae condizioni di Amore.
. Prega, a modo tuo, ovunque vuoi. Sentiti grato per quello che hai e ringrazia. Sentiti grato per ciò che stai per ricevere e ringrazia. Più sei grato, più l’Universo ti darà motivi per esserlo. Nella Bibbia è scritto “Tutto quello che domandate nella preghiera, abbiate fede di averlo ottenuto e vi sarà accordato”. Se sei a corto di fonti, prega e benedici ciò che hai immaginando che aumenti. La gratitudine è la chiave per una vita di abbondanza perchè crea uno stato mentale che ti permette di attrarre molto più di ciò che hai. L’Amore, il Rispetto, Gratitudine, donare agli altri e imparare a ricevere, avere Fede e pregare sono attitudini che ti portano a compiere azioni convenienti per generare l’abbondanza che meriti.

Se Dio è Amore, Gioia e Abbondanza noi tutti che siamo stati creati a Sua immagine e somiglianza abbiamo come diritto di nascita l’Amore, la Gioia e l’Abbondanza. E’ sufficiente spostare la polvere per scoprire la magia della Vita.

Ci leggiamo domani con il principio del Creare.

Buon Lavoro e Buon Divertimento!

IMAGINE

IMG_7176

L’essere umano immagina in continuazione. Scenari da favola, situazioni catastrofiche, l’amore per la vita, la ricchezza più sfavillante e la paura più profonda. Viviamo gran parte della nostra esistenza immersi nell’immaginazione facendoci film di ciò che vorremmo capitasse o di ciò che temiamo possa accadere e lo facciamo, per lo più, inconsapevolmente.

Ancora una volta, la consapevolezza nella vita rappresenta la differenza tra vivere e sopravvivere e quando decidiamo di vivere, smettiamo di delegare agli altri la nostra felicità e interveniamo in prima persona, assumendoci la totale responsabilità di ciò che vorremmo manifestare come realtà della nostra vita. Ecco che, a quel punto, l’immaginazione diventa creativa, il matrimonio tra immaginazione e realtà, tra leggi invisibili che governano il mondo e la sua realtà fisica.

Con queste premesse voglio che tu risponda a una domanda: “E’ quindi possibile che la mancata realizzazione di ciò che desidero è semplicemente una mancanza di conoscenza di come funziona l’universo?” Rispondere a questa domanda è una presa di coscienza importante che scardina la convinzione di essere vittime delle situazioni anziché responsabili di ogni cosa che avviene nella nostra esistenza.

Facciamo insieme alcune considerazioni per far funzionare al meglio la nostra immaginazione, e prendo come spunto un passaggio del libro di Shakti Gawain “Visualizzazione creativa”:

“. L’universo è energia. Tutta la materia, quando la suddividiamo nelle sue componenti più piccole, è costituita da particelle di energia che, una volta messe insieme in un certo modo, danno l’illusione della “solidità”
. Tipi diversi di materia presentano livelli differenti di vibrazione delle particelle. Un sasso, un fiore o una persona sono energia che si muove con vibrazioni differenti. Ogni vibrazione o energia tende ad attrarre una vibrazione o energia simile. Il pensiero è una forma di luce, un’energia nobile che tende a trovare un’espressione fisica.
. Quando visualizziamo a livello creativo o facciamo delle affermazioni circa i risultati e le situazioni positive, irradiamo energia del pensiero nell’universo. L’universo risponde sotto forma di materia o di eventi. La visualizzazione creativa “sparge” letteralmente i semi della vita che desideriamo.”

Quando sia parla di visualizzazione, alcune persone credono di non riuscire a farlo. Non è necessario vedere le immagini. E’ ugualmente efficace pensare a quello che desiderate o lo potete trasformare in un’affermazione come, per esempio “Io merito il meglio dalla vita e il meglio si presenta a me ora” che è, per inciso, una delle mie preferite.

Accettate di accogliere il meglio dalla vita per il vostro bene massimo e supremo e per quello delle persone intorno a voi. A volte potreste avere la sensazione di non essere meritevoli o degno di ottenere ciò che state immaginando. Utilizzare un’affermazione positiva vi pone nella condizione di accettare quello che sta per arrivare.

Credi che tutto ciò che hai immaginato si manifesta nella tua vita con grazia e facilità, ricordandoti che tutto il potere della Creazione è presente dentro di te e lavora per farti ottenere ciò che desideri.

Sii felice per quello che già possiedi e allarga i tuoi orizzonti a una felicità ancora più grande. Pensa in modo illimitato, grandioso. La Creazione ama le persone che pensano con abbondanza. Sii grato per ciò che stai ottenendo: le vibrazioni della gratitudine attraggono altre vibrazioni simili, espandendosi come un sasso lanciato nello stagno.

“L’esistenza tende a essere vissuta secondo i pensieri e le immagini che nutriamo nei suoi confronti, nel bene e nel male. Perché non immaginare il nostro futuro così come lo vorremmo, al meglio del meglio?”

Buona visualizzazione creativa a tutti voi!