LIFE IS NEVER BE THE SAME

La vitaè troppobellaper essereinsignificante.png

Ho perdonato errori quasi imperdonabili, ho provato a sostituire persone insostituibili e dimenticato persone indimenticabili.

Ho agito per impulso, sono stato deluso dalle persone che non pensavo lo potessero fare, ma anch’io ho deluso.

Ho tenuto qualcuno tra le mie braccia per proteggerlo; mi sono fatto amici per l’eternità. Ho riso quando non era necessario, ho amato e sono stato riamato, ma sono stato anche respinto. Sono stato amato e non ho saputo ricambiare.

Ho gridato e saltato per tante gioie, tante. Ho vissuto d’amore e fatto promesse di eternità, ma mi sono bruciato il cuore tante volte!

Ho pianto ascoltando la musica o guardando le foto. Ho telefonato solo per ascoltare una voce. Io sono di nuovo innamorato di un sorriso.

Ho di nuovo creduto di morire di nostalgia e… ho avuto paura di perdere qualcuno molto speciale (che ho finito per perdere)… ma sono sopravvissuto!

E vivo ancora! E la vita, non mi stanca… e anche tu non dovrai stancartene. Vivi!

È veramente buono battersi con persuasione, abbracciare la vita e vivere con passione, perdere con classe e vincere osando, perché il mondo appartiene a chi osa.

La Vita è troppo bella per essere insignificante!

(Charlie Chaplin)

UN LUNGO VIAGGIO STRAORDINARIO

Image (20)

Il momento della trasformazione è uno dei periodi più preziosi della vita.

Si tratta di consapevolizzare ciò che sta accadendo. Per questo ti voglio trasferire quello che io faccio:

  • Trovo del tempo per restare con me stessa e con il senso di vuoto che percepisco. Lo scopo è di portare l’attenzione ai mie pensieri, permettendo alle emozioni di esprimersi. Mi piace scriverle, mentre le provo, mettendole nero su bianco: mi aiuta a lasciarle andare.
  • Scrivo la domanda: “Se fosse il mio ultimo giorno di vita, quali sono le situazioni per cui sono grata e che cosa vorrei fare in questo istante?” e poi rispondo, sempre scrivendo.

Questo è uno dei tanti modi per dar vita a un nuovo inizio. Da quel momento in poi, nulla sarà più come prima. La trasformazione, a volte, non è subito visibile ai nostri occhi. Fino al momento in cui vai a sciare in un giorno dove perfino i lupi restano al caldo nella loro tana, e incontri la persona che ti accompagnerà per il resto della tua vita.

Quando sei pronto a compiere un passo avanti vedrai occasioni che neppure riuscivi a immaginare. Quello sarà l’inizio di un lungo viaggio inarrestabile, straordinario. Accorgiti!

IL MASSIMO VANTAGGIO

1896914_10203425693986527_1490287467_n (1)
La mia più grande soddisfazione, come SpiritualCoach, trainer, speaker e scrittrice deriva dal vedere gli occhi delle persone che si accendono quando vedono una nuova via d’uscita, quando si accorgono che la soluzione era proprio accanto a loro, quando da un momento difficile riescono a trarre il massimo vantaggio. Ecco, in quel momento mi sento più viva che mai. Non c’è nulla di più appassionante per me. Ed è così che voglio vivere ogni giorno della mia vita: ricordandomi che “dare è ricevere”.

“Quando smettiamo di pensare soprattutto a noi stessi e alla nostra autoconservazione, andiamo incontro a un’autentica trasformazione eroica della coscienza” (Joseph Campbell)

SIAMO ESSERI STRAORDINARI

eyearth
Siamo esseri straordinari a cui è data la facoltà di scegliere e decidere che genere di vita vivere. Quando si impara ad attingere in maniera propositiva dal proprio subconscio, non ci sono davvero limiti a ciò che si può realizzare. La storia è ricca di personaggi che hanno realizzato grandi cose e tutti hanno un denominatore comune: la convinzione di poterlo fare. Non si sono scoraggiati per le cadute inevitabili: le hanno utilizzate come leva per rialzarsi ancor più forti di prima. Non si sono fermati di fronte agli ostacoli: hanno trovato il modo per superarli. Sono diventati abili nel trovare modi per sconfiggere il drago della paura. Hanno trovato il coraggio di proseguire anche quando tutto intorno a loro diceva di tornare indietro.

Niente che si abbia davvero voglia di realizzare è sempre e solo una passeggiata: alcune volte lo è, alcune volte ci si può rilassare per un po’. E’ bene farlo per recuperare energia e salire con ancor più forza.

Oggi è il momento giusto per cominciare a tessere la tela del tuo sogno. Gli strumenti che ti servono sono proprio di fronte a te, pronti per essere utilizzati: la passione, la fede, la tenacia. Devi solo rispondere a una domanda: “Vuoi avere ragione o essere felice?”
Ogni grande realizzazione inizia con un pensiero e trova l’impeto di crescere e realizzarsi nell’avere una fede incrollabile di poterlo fare.

Accorgiti!

MODELLA LA TUA VITA

illusioni_ottiche

Al centro della saggezza Tolteca c’è l’idea che il mondo, la “realtà”, sia un sogno collettivo. La parola che viene utilizzata per definire questa nebbia di percezione è “mitote”, che è simile alla termine indù che definisce “illusione”, cioè “maya”. Questo sogno è uguale a quelli che si fanno la notte, quando dormiamo, salvo il fatto che le sue regole e le sue abitudini di comprensione e di comportamento gli permettono di apparire più reali.

Ognuno di noi nasce in un sogno già pronto, che comprende la lingua, la cultura, la religione e la famiglia e acconsentiamo a seguirne le regole perché è troppo difficile contrastarlo. Per sopravvivergli come meglio possiamo, stringiamo patti invisibili con gli altri – la società, la famiglia, Dio -. Ma i patti più importanti sono quelli che prendiamo con noi stessi. Alcuno di essi ci recano benefici, mentre altri ci fanno soffrire. Rimaniamo legati a loro perché crediamo che senza di essi rimaremmo in un qualche modo sminuiti.

Cambiare questi patti è il modo per ricominciare vivere e il primo che dobbiamo mantenere con noi stessi è di essere impeccabili rispetto alle parole che pronunciamo. E per questo non intendo solo il fatto di mantenere la parola data, gli impegni presi. Soprattutto il rendersi conto di ciò che diciamo, sia quando parliamo al mondo esterno, sia quando lo facciamo a noi stessi. Il linguaggio che utilizziamo determina la persona che siamo e il mondo in cui viviamo. Ciò che diciamo è creativo, vale a dire che possiamo usare le nostre parole per creare rabbia o gelosia, oppure per curare. Le parole sono come semi che si diffondono nel mondo e ritornano a noi sottoforma di realtà completa e compiuta.

Con le parole puoi innalzare o distruggere: come sempre sta a noi la scelta. Sii attento oggi alle parole che scegli per descriverti, per descrivere la vita, gli altri, il mondo poiché potrai innalzare o distruggere la tua energia.
Accorgiti!

Stringendo consapevolmente accordi con noi stessi riguardo a come agire secondo integrità, cominciamo ad assumerci il controllo della nostra vita (Miguel Ruiz)

TEMPO DI RINASCITA

11565

Non esiste un programma spirituale che ti possa far progredire più o meno velocemente. Una vita spirituale vissuta con pienezza non ha nulla a che vedere con il numero di meditazioni che hai fatto o i corsi che hai frequentato: quelli sono solamente una piccola goccia nel mare, ugualmente importante. Ma la cosa più importante in assoluto è comprendere fino a che punto sei disposto ad abbandonare le tue paure per concedere qualcosa a te stesso, qualcosa che ti possa davvero far accogliere la vita come un dono prezioso, qualunque sia la sua sfumatura.

Conoscere a fondo te stesso ti permette di rinnovarti e sorgere a nuova vita ogniqualvolta cambi la tua percezione nei confronti di un evento o una situazione. E lo fai attraverso l’esperienza del tuo corpo poiché esso ti conosce nel profondo. Il corpo sa, molto prima della mente, quanto sia un privilegio vivere qui. Trattalo bene e, soprattutto, ascoltalo.

Accorgiti e … serenità sulla tua rinascita!

MILLE DIREZIONI, UNA SCELTA

too-many-choices

Le scelte che fai, le parole che dici, le azioni che compi hanno delle conseguenze sulla tua vita e su quella delle persone intorno a te. Sempre! E’ una condizione importante da tener conto, se vuoi vivere al meglio la tua consapevolezza. Personalmente mi ricordo di avere un atteggiamento il più corretto possibile, per quello che è la situazione del momento. Questo per un semplice motivo: ho riconosciuto il prezzo che pago in termini di senso di colpa e ho deciso che posso scegliere diversamente. C’è una domanda, alla quale rispondo sinceramente, che ogni tanto mi pongo e che mi aiuta a guardare nella direzione della pace: “Come mi comporto con le persone intorno a me, cosa penso di loro, come le tratto?”. In questo modo ricordo a me stessa di fare agli altri ciò che vorrei fosse fatto a me.
Buona riflessione e Accorgiti!