OGNI PERSONA E’ UN MAESTRO DI VITA

IMG_8670

Un poco, ogni volta, ho scoperto che esiste una connessione sottile e invisibile che unisce tutti gli insegnamenti che ho ricevuto: nessuno è staccato dall’altro. Ogni insegnante, ogni persona che ho incrociato sul mio cammino è stata un Maestro di Vita dal quale ho attinto ciò che mi era utile in quel momento. A volte con piacere ho accolto subito l’offerta, altre volte ho dovuto elaborare l’insegnamento.

Quando accetti il fatto che ogni persona che incontri riflette un piccolo pezzettino di te, inizi a credere che nulla è davvero separato e che la separazione è solo un punto di vista, che puoi ristrutturare, se ne hai la fede e la volontà.

E’questo elemento, l’unione, che mi ha portata a vedere un mondo differente, dove poter davvero raggiungere il successo nel suo significato più ampio: la capacità di far succedere ogni cosa che la mia mente è in grado di immaginare. Perché, che mi piaccia o no, divento sempre quello che ho in mente. Ogni cosa, grande o piccola che sia, ha inizio con un pensiero e trova l’impeto della realizzazione nel fatto stesso di credere. Oggi questo è il mio promemoria che, forse, potrà esserti utile.

Accorgiti!

COM’E’ POSSIBILE LA PACE IN QUESTO MONDO?

IMG_7022
Nel Manuale degli Insegnanti viene posta una domanda: “Come è possibile la pace in questo mondo?” e Gesù spiega con parole chiare, che non meritano alcuna considerazione:

1. Questa è una domanda che ognuno deve porsi. Certamente qui la pace sembra essere impossibile. Tuttavia la Parola di Dio promette altre cose che sembrano impossibili, proprio come questa. La Sua Parola ha promesso pace. Ha anche promesso che non c’è morte, che la resurrezione deve avvenire e che la rinascita è l’eredità dell’uomo. Il mondo che vedi non può essere il mondo che Dio ama, e tuttavia la Sua Parola ci assicura che Egli ama il mondo. La Parola di Dio ha promesso che qui la pace è possibile, e ciò che Egli promette non può essere affatto impossibile. Ma è vero che il mondo deve essere visto in modo diverso, se si vogliono accettare le Sue promesse. Ciò che il mondo è, non è che un fatto. Non puoi scegliere ciò che dovrebbe essere. Ma puoi scegliere come vuoi vederlo. Sei davvero tu a doverlo scegliere.
2. Torniamo nuovamente alla questione del giudizio. Questa volta chiediti se è più probabile che sia vero il tuo giudizio o la Parola di Dio. Poiché dicono cose diverse sul mondo, e cose così opposte che non ha senso cercare di riconciliarle. Dio offre salvezza al mondo, il tuo giudizio lo vuole condannato. Dio dice che non c’è morte: il tuo giudizio non vede altro che la morte come l’inevitabile fine della vita. La Parola di Dio ti assicura che Egli ama il mondo: il tuo giudizio dice che non è possibile amarlo. Chi ha ragione? Poiché uno di voi ha torto. Non può che essere così.
3. Il testo spiega che lo Spirito Santo è la Risposta a tutti i problemi che hai fatto. Questi problemi non sono reali, ma ciò è senza significato per coloro che ci credono. E ognuno crede in ciò che ha fatto, poiché è stato il suo crederci che l’ha fatto. In questa situazione strana e paradossale, senza significato e senza senso, ma dalla quale non sembra possibile uscire, Dio ha mandato il Suo Giudizio per rispondere al tuo. Dolcemente il Suo Giudizio sostituisce il tuo. E tramite questa sostituzione ciò che è incomprensibile viene reso comprensibile. Come è possibile la pace in questo mondo? Nel tuo giudizio non è possibile e non potrà mai essere possibile. Ma nel Giudizio di Dio, ciò che si riflette qui è solo pace.
4. La pace è impossibile per coloro che vedono la guerra. La pace è inevitabile per coloro che offrono pace. Come è facile, allora, sfuggire al tuo giudizio del mondo! Non è il mondo che sembra rendere la pace impossibile. È il mondo che vedi che è impossibile. Ma il Giudizio di Dio su questo mondo distorto lo ha redento e reso adatto ad accogliere la pace. E la pace discende su di esso in gioiosa risposta. Ora la pace vi dimora perché vi è entrato un Pensiero di Dio. Cos’altro se non un Pensiero di Dio trasforma l’inferno nel Cielo col semplice essere ciò che è? La terra si prostra al cospetto della sua Presenza piena di grazia, e si inchina in risposta, per farla risorgere di nuovo. Adesso la domanda è diversa. Non è più: “È forse possibile la pace in questo mondo?”, ma al contrario: “Non è forse impossibile che la pace sia assente qui?”
(M-11.1-4)

INCONTRI SACRI

Il concetto che tutto ciò che osservi è illusione, all’inizio, è solo un concetto.

Da quando l’ho sentita per la prima volta, mi è sempre piaciuta la definizione di libertà che descrive Castaneda: «I Guerrieri che raggiungono la Consapevolezza Totale sono uno spettacolo incomparabile: ardono di un fuoco interno che li consuma e, in piena consapevolezza, si fondono con le emanazioni dell’Aquila e scivolano nell’eternità. I Guerrieri della Libertà Totale sono così padroni della Percezione, dell’Agguato e dell’Intento, che la morte non li prende come il resto degli esseri umani. I Guerrieri della Libertà Totale scelgono il momento e il modo della propria dipartita dal mondo. nel momento prescelto si consumano in un Fuoco dal Profondo e scompaiono dalla faccia della terra, liberi, come se non fossero mai esistiti.» (Il fuoco dal profondo).

Oppure posso prendere a prestito una qualunque delle metafore che Gesù utilizzava per spiegare l’illusorietà del mondo. La mia preferita: “Chiedi e ti sarà dato”. Entrambe le strade, di tradizione differente, si congiungono in un un’unica via: quella della consapevolezza. Entrambe le strade si basano su esperienze vissute, diventando così esempio per chi vuole comprendere. Entrambe le filosofie prevedono un’unica domanda: Io chi sono?. Entrambe ti chiedono un unico obiettivo: Conosci te stesso!

Scegli una strada che ha un cuore e che ti porta nella concretezza del mondo, poiché è in esso che puoi trovare davvero chi sei. Stare nel qui e ora, per me, significa vivere ogni attimo in comunione con il tutto, compresa la separazione. Anch’essa, nella sua infinita sofferenza, è l’unico modo che puoi utilizzare per comprendere che non c’è nulla di separato da te. Il mondo offre tutto ciò di cui hai bisogno per conoscere te stesso. Immergiti in esso, nella sua illusoria perfezione, per scoprire che non esiste nulla che sia degno di poterti insegnare come il mondo stesso fa attraverso le persone che incontri. E imparando cominci a unire i puntini del gioco che chiami vita. Nulla sarà più separato. Tutto diviene esperienza.

Grazie a chi ho incontrato, a chi incontro e a chi incontrerò.

http://dotsub.com/view/15f0467f-d351-4224-acf5-df3f2ba9d5a0#.T1zfgMuRFkm.gmail