PENSIERI E PAROLE

Com’è leggera questa vita che un attimo è sorridente e il momento dopo mostra un altro volto. Le cose accadono, a volte in modo inaspettato a tal punto da non riuscire a dare un  senso a ciò che sta accadendo. Vaghiamo cercando risposte, laddove non è possibile rispondere … almeno all’inizio. E forse pensiamo a cose non fatte o non dette. Ecco, è proprio questo passaggio che ho sperimentato molte volte,sul quale rifletto proprio oggi ancora nello stesso modo di sempre, e ricordo a me stessa di essere gentile ora, di essere grata ora, di portare valore a ciò che fanno le persone intorno a me nel momento in cui lo fanno anziché criticare ed essere esigente. Non c’è valore più grande per me dell’essere grati.

IMG_0314

Sono gli attimi che fanno una vita, istanti di tempo presente che si infilano come perle preziose una accanto all’altra. Non c’è la fila delle cose belle e quella delle cose brutte, c’è un unico filo con un solo scopo: trasformare tutto ciò che accade in valore. Posso trovare il meraviglioso senso di ogni cosa se decido che la vita mi mostra sempre e solo il lato che io scelgo di vedere. Posso cambiare idea in ogni istante, passare da uno stato d’animo all’altro nel tempo di un battito di cuore. La vita è mia amica, il tempo è mio amico se mi lascio andare al fluire delle situazioni. Facile? Per niente. Ma io ho scelto “un altro modo” di vedere e, con fiducia, ho messo da parte gli occhi fisici e sto imparando a guardare con gli occhi dell’anima. Nulla che accade è privo di significato perché avrà sempre e solo il significato che io ho deciso. Mi accorgo, scelgo e decido.

SOPRAVVIVENZA

“Come mai ripeto sempre lo stesso schema negativo?

Perché lo chiedi, a un qualche livello.

Ti sembra possibile che io possa chiedere di soffrire?

Si, sembra proprio che sia così se continui a ripetere l’esperienza.

Quindi, secondo te, come dovrei fare per interromperla?

Scegli di fare un’altra esperienza. E’ semplice nella sua espressione, più complicato nella manifestazione perché fino ad ora ti è stato più facile produrre un’esperienza di sofferenza. Quindi non sai come fare per produrre gioia. Credi di doverti sbarazzare della sofferenza facendo finta che sia qualcosa che non ti appartiene, e invece è l’esatto contrario. Accettala come parte di te, come una tua creazione, ringraziala del cammino fatto insieme e decidi qualcosa di diverso. All’inizio ti sembrerà che non succeda nulla. Anzi, a volte la situazione sembra perfino peggiorare. Ed è proprio il peggioramento a indicare che qualcosa sta cambiando. Tu hai l’idea che il cambiamento sia: questa cosa non mi piace, la butto, e ne prendo un’altra che mi piace. Questo è ciò che viene spiegato in alcuni libri che parlano di cambiamento: “Se qualcosa non ti piace, cambia”.  Ma la storia nella quotidianità è ben diversa.  Ricordi quando hai smesso di fumare? Ti ci sono voluti anni prima di trovare il modo per mettere in atto il cambiamento. Conoscevi poco o nulla di come funziona la mente ma avevi una sola intenzione: smettere di fumare. E un giorno ecco che tutto è avvenuto. E’ stato facile mantenere il patto con te stessa?

Assolutamente no! Ogni giorno pensavo che avrei potuto fumarne una: ho tenuto nella borsetta per un mese un pacchetto nuovo, sigillato. Una mattina, dopo il rito del caffè, l’ho aperto, estratto una sigaretta,  preso l’accendino e mi sono detta: “Cosa vuoi che sia, dopo un mese, fumarne una?”.  Sono stata distratta dalla puzza di fumo che arrivava da una persona accanto a me: era la stessa che avevo sentito il giorno in cui ho smesso. Quell’odore mi ha fatto ricordare gli sforzi di quel mese e il denaro messo da parte ogni giorno anziché comprare le sigarette. Li ho contati e sono rimasta stupita da quanti fossero ed ho pensato a un paio di scarpe che avevo visto in un negozio del centro. Dopo poche ore quel paio di scarpe era ai miei piedi.”  (dal libro che sto scrivendo)

Image (24)

Quando inizi un nuovo cammino, la strada è quasi sempre in salita. Ma se continui a camminare avendo come unico obiettivo quello di arrivare in vetta, presto o tardi potrai goderti il panorama. Accorgiti.

FELICITA’

Sai come fare per produrre felicità? I momenti più belli non accadono a caso,  secondo capricci di eventi esterni o per un bacio della fortuna ma sono il frutto di ragionamento, scelta e decisione. Quando fai esattamente ciò che hai scelto, sei in un flusso armonico dove senti di essere impegnato in un’attività creativa che ti sta svelando qualcosa di più grande. I mistici lo chiamano estasi, i creativi “rapimento” e tu lo puoi percepire come un attimo dove il tempo si ferma e tutto intorno è lì, solo per te.

IMG_9966

La felicità e il suo conseguente godimento sono legati alla scelta di cosa fare e alla decisione di metterlo in atto. L’esperienza felice è quella guidata da te e che ti fa sentire potente. E’ per questo motivo che gli scopi conseguiti e portati a termine conferiscono ordine alla tua consapevolezza, e una mente ordinata è essa stessa fonte di felicità.

Oggi, se ti va, fai questo esperimento: chiedi a qualcuno di telefonarti a sorpresa durante il giorno e di  domandarti di scrivere in quel momento cosa stai facendo e i sentimenti che quell’attività producono. Potresti scoprire che … Accorgiti!

PULIZIA

Aprire la mente alla prosperità non significa solo ricevere denaro o ricchezze materiali. Prosperità è pace mentale, armonia con gli altri, salute fisica, capacità di scegliere e decidere, accettazione.  E un degli antichi segreti per prepararsi a ricevere è purificare se stessi.  Il principio è quello di sgombrare la mente da ciò che è superfluo e dalle emozioni che abbassano l’energia, creando così lo spazio e l’ordine necessario affinché il bello possa trovare spazio nella mente. Hai mai sentito l’antico detto “Come è dentro, così è fuori”? Puoi cominciare dalla tua automobile, pulendola e ordinandola al suo interno, per poi passare all’ambiente di lavoro, alla casa dove abiti: liberati di ciò che occupa spazio e che da tempo non usi.

IMG_0270

L’universo, secondo me, è perfettamente ordinato e gestire la propria vita in modo ordinato e fruibile per me significa preparare gli spazi necessari affinché Dio possa manifestare la Sua generosità. Una volta che hai messo ordine nel caos esteriore, anche al tuo interno succederanno tre cose importanti:

  • persone ed eventi smettono di essere caotici
  • ciò che non è allineato con il tuo sviluppo esce dalla tua vita
  • persone ed eventi necessari per la tua realizzazione cominciano a entrare nella tua vita

Slegati dai pesi ingombranti del passato e permetti alla tua energia di fluire verso un futuro più pulito e leggero. Accorgiti.

 

IMPOSSIBLE IS POSSIBLE

Oggi rifletti sull’idea di poter riscrivere al meglio il tuo nuovo copione di vita, sii attento a cosa è buono per te e a cosa, invece, puoi lasciar andare e fallo con gentilezza e pazienza poiché non si cancella a mani basse una vita intera passata a recitare un personaggio.

Chi vuoi essere?

Cosa vuoi fare?

Qual è il tuo scopo di vita?

Come vuoi essere utile, quale impronta vuoi lasciare al mondo?

Forza: carta, penna, formazione,determinazione, fiducia e tanta pazienza sono gli strumenti che ti servono per la tua nuova start up di vita. Accorgiti!

IMG_9499

CARTA E PENNA

 

Ti sei mai accorto/a del vocabolario che utilizzi e di come influisce sulla tua vita? Hai bisogno di comprendere il potere che le parole verbalizzate hanno per te. Potresti accorgerti che alcune appartengono alla tua famiglia. Modi di dire, convinzioni, cantilene, proverbi che ti sei portato appresso, che utilizzi senza riflettere e che inevitabilmente influenzano le tue relazioni in ogni direzione.
Hai mai fatto l’esperienza di scrivere su un foglio la tua storia o un obiettivoche vuoi realizzare? E’ un ottimo esercizio per capire chi sei e la direzione in cui stai andando. Utilizza carta e penna e quando hai terminato di scrivere, prenditi una pausa di qualche ora, per poi rileggere ciò che hai scritto. Accorgiti delle parole che hai utilizzato e quando hai terminato domandati: “Che tipo di vita può avere questa persona?” e rispondi con onestà: stai scoprendo chi sei veramente! Accorgiti.

GUARDA LA REALTA’

“Sai qual è il vero problema, amica mia? Non guardiamo mai in faccia la realtà. Non siamo realisti. E dobbiamo esserlo se vogliamo essere felici. Noi siamo responsabili della nostra vita. Se abbiamo un lavoro che non ci piace, è nostra la responsabilità. Se non riusciamo ad avere dei rapporti soddisfacenti, dipende da noi. Se non ci fidiamo delle persone di sesso opposto, siamo noi a non sviluppare questa fiducia. Smettiamo di fare le vittime e cominciamo ad assumerci la responsabilità dei risultati e delle situazioni che si presentano nella nostra esistenza: cominciamo a chiamare le cose con il loro nome e non come vorremmo che fossero. E’ possibile migliorare solo quando ammettiamo di avere un problema. Vogliamo disperatamente avere ragione anche quando quello che facciamo non funziona, e non funziona perché la colpa è sempre di qualcun altro. No, non possiamo cambiare ciò che non ammettiamo. Siamo sempre ciò che abbiamo scelto di essere.” Accorgiti.  (dal libro che sto scrivendo)

IMG_0144