Pensare in grande

Pensare in grande è necessario perché le dimensioni del successo –inteso come capacità di far succedere – sono determinate dalla dimensione della nostra capacità di credere applicata ad ogni situazione. E’ un’abilità che, una volta sviluppata, la possiamo utilizzare per avere una concezione più ampia della vita.

Pensare in grande è guardare avanti progettando un futuro di sviluppo e crescita, anziché mantenere vivo un passato che già conosciamo e del il quale molto spesso abbiamo un ricordo doloroso.

Ed al pensiero grandioso possiamo aggiungere un linguaggio adeguato, indipendentemente da come sta andando la vita in questo momento. Concentriamo la nostra energia sui punti di forza e troviamo il modo per metterli in campo: sarà il nostro allenamento per i momenti in cui la vita ci prende a calci nel sedere.

Dobbiamo imparare a viaggiare in prima classe, che non vuol dire acquistare il biglietto più caro ma piuttosto ottenere il parere di chi il successo lo ha già raggiunto.

Quando spendiamo il nostro tempo con persone che sanno come ampliare la consapevolezza, arrivano suggerimento di questo genere:

  • Non aspettare che le condizioni siano perfette per iniziare, perché non lo saranno mai. Agisci adesso!
  • Sii tenace e sperimenta per trovare la “tua strada”
  • Nei momenti di difficoltà, sostieniti cercando soluzioni e non affossandoti nel problema
  • Sviluppa la fiducia che solo il cuore – e non la testa – ti può dare a garanzia che stai percorrendo la strada corretta e poi verificane i risultati attraverso lo specchio che il mondo ti mostra
  • Ogni azione vale più di mille parole. Per cui A.I.C. forever: Alza Il Culo!

Gran parte della differenza tra successo e fallimento sta in ciò a cui credi di essere e di aver diritto: questo è il motivo per cui conviene pensare in grande. Accorgiti!

La tua SpiritualCoach   Lucia Merico

luciamerico-spiritualcoach-insiemeepiufacile-blog.png

LUMINOSO PRESENTE

Ci sono venti impetuosi da affrontare e montagne alte da scalare.  E poi il freddo dell’incomprensione e il caldo torrido della rabbia.

E’ tortuosa, a volte, la strada per tornare verso casa. Ma in quel viaggio che sembra non finire mai, c’è un’oasi di quiete dove rigenerarti, nutrire la tua anima per poi ricominciare. Tutto questo per un unico scopo: conoscere te stessa!

Ne vale la pena, te lo posso garantire. Perché quando camminare in direzione della tua anima diventa un’abitudine, il passato è un amico prezioso.

E tu, ferma nel tuo luminoso presente, puoi accoglierlo, dargli nuovo lustro per un futuro che sa di libertà.

Accorgiti.i-accept-the-great-adventure-of-being-me

NON SPRECARE IL TUO TEMPO

“Non sprecare il tuo tempo”  è una frase che ho sentito spesso in passato senza conoscerne davvero il suo significato. Poi ho capito. Le ore di una giornata a volte sono troppo poche per fare tutto ciò che dobbiamo, e finisce prima di aver fatto la metà delle cose che dovevamo fare.  Organizzati, che significa impara a espandere il tempo. “Come’è possibile?” potresti pensare. D’altronde le ore a disposizione sono ventiquattro: né un minuto di più né uno di meno. Dunque, come fare?

Prendiamo una lamentela comune: non c’è abbastanza tempo. Sotto la pressione di impegni e scadenze che influiscono così tanto sul nostro tempo, la vita diventa una continua corsa a ostacoli per raggiungere traguardi che, più corriamo, più sembrano allontanarsi. La gestione del tempo sembra non risolvere totalmente questo problema. Anche se lo migliora, gli impegni continuano ad assorbire tutto il tempo che dedichiamo loro. La soluzione è vivere senza tempo. Solo quando il tempo scompare c’è tempo a sufficienza. Può sembrare un paradosso e lo voglio riflettere  con voi.

Il tempo fa parte del nostro essere: non è separato da noi. Inoltre è infinito e ci può regalare tutto lo spazio per andare da A fino a B in assoluta serenità. In altre parole, l’espansione del tempo è in realtà l’espansione del sé, della nostra vera essenza che per sua natura è libera e non conosce confini. Se due persone visitano la stessa città, la cosa importante è l’esperienza che ne ricavano e non chi ha visto più monumenti. Da questo punto di vista, il tempo è soggettivo e allineato con ciò che vogliamo ottenere dalla vita. Ecco svelato il mistero.

Vuoi un altro esempio? Stai preparando il pranzo e sei rilassata perché hai un’ora di tempo per farlo. Hai già programmato tutto: appena terminato di cucinare, potrai finalmente leggere quell’articolo che ti aspetta sulla tua rivista preferita: cucinare in quella condizione diventa una meravigliosa meditazione ad occhi aperti. Squilla il telefono ed è tuo marito che ti avvisa che arriverà a pranzo con il suo capo. Il tempo che hai a disposizione non è cambiato ma è cambiata la tua percezione rispetto alla situazione: improvvisamente ti potrà sembrare di non avere tempo abbastanza per preparare il pranzo e, inoltre, non potrai dedicarti alla tua lettura preferita. Anziché fare un respiro profondo e sorridere mantenendo intatta la tua energia, comincerai a saltare da un mobiletto all’altro alla disperata ricerca di qualcosa da cucinare. Aumentando l’ansia, il tempo sembra diminuire e, di fatto, così sarà.

Quando coltiviamo la consapevolezza profonda che fare della propria vita un capolavoro significa svolgere al meglio le attività con piacere e sentimento, stiamo dilatando il tempo. Per contro, la fretta, la mal gestione delle attività, i sacrifici e le avversità affrontate con lamento inconsapevole restringono il tempo a disposizione, rendendo tutto più complicato di quanto non lo sia già.

non-devi-mai-pensare-a-tutta-la-strada-intera-capisci-devi-pensare-solo-a-un-passo-uno-un-passo-per-volta-un-respiro-un-colpo-di-scopa-una-cosa-alla-volta-e-cosi-e-facile-cosi-ti-accorgi-di-a

Come per il fiume, le silenziose profondità della nostra mente non sono separate da ciò che avviene in superficie. Ogni livello del fiume è formato dalla stessa acqua e va nella stessa direzione, ma il viaggio diventa più piacevole se non siamo sbattuti  qua e là dalla corrente.  Quando scopriamo che restare interiormente tranquilli e fermi annulla la pressione del tempo, faremo il passo successivo che sarà quello di programmare le attività quotidiane ricordandoci che respirare è la salvezza: ossigena il cervello, lo rende più attivo e in grado di accedere alle infinite possibilità.

Per cui, comincia a respirare. Accorgiti e respira. E più respiri consapevolmente, più ti accorgi: un meraviglioso circolo dal quale puoi lasciarti viziare con piacere.

Lucia Merico

COMPLETAMENTE GENEROSA

Una delle regole fondamentali dell’abbondanza è “Più dai, più ricevi”. Quando ci sentiamo completi diventiamo anche generosi: la completezza non sente alcuna mancanza. Nel gesto di dare stiamo esprimendo una verità spirituale che ci trasporta in un flusso della vita che non inaridisce mai. Ma … si c’è un ma fondamentale: dobbiamo dare non per avere bensì nella consapevolezza che stiamo già ricevendo.

Mi spiego meglio. La generosità inizia a livello dell’anima dove c’è abbondanza di energia e consapevolezza. L’anima non conosce scarsità. Quando entriamo in contatto con queste due qualità,  possiamo affrontare il fatto di essere generosi in spirito. Questo è un dono che facciamo al mondo e a noi stessi, molto più potente del denaro. E una volta che siamo generosi di spirito, dare a ogni livello diventa semplice e naturale. La logica conseguenza sarà una vita piena, gioiosa e appagante sotto ogni aspetto compreso quello economico.

Il primo passo è offrire noi stessi. Molti di noi cadono nella tentazione di offrire un’imitazione di sé stessi, accettando il ruolo che si allinea con le aspettative della moglie o del marito, del datore di lavoro, degli amici, dei familiari e della società in generale. Obbediscono alle richieste dell’ego che dice perentoriamente: “Dai per avere!” e in tutto ciò che danno c’è l’aspettativa del ritorno. Se questo non accade, tolgono la spina che alimenta la situazione e l’attaccano da un’altra parte, ripetendo la storia che –forse- avrà una forma differente ma sarà uguale nella sostanza e, soprattutto, nel finale.

Bisogna cambiare paradigma, partendo da un punto di vista differente che prevede il riconoscimento della motivazione per cui stiamo dando. C’è un’enorme differenza tra presentarsi come benefattori che elargiscono tempo e denaro, e offrire invece sé stessi con spirito di servizio, che prevede l’essere aperti e vulnerabili, entrare in contatto con le proprie carenze e bisogni, con le proprie emozioni guardandole dritte negli occhi.

Quante relazioni sono finite per insoddisfazione? Non ricevendo come all’inizio, molti abbandonano ciò che hanno come fosse un vecchio giocattolo privo oramai di significato, e si concentrano su qualcosa di nuovo. Sono in tanti –ne sono certa- ad avere la convinzione di aver fatto del loro meglio per tenere insieme la situazione, dimenticando un punto fondamentale: che nessuno può darci più amore di quanto ne possiamo dare a noi stessi.

E’ il punto di partenza, il motivo per cui entriamo in contatto con le persone a fare la differenza. Se mi avvicino a qualcuno perché penso che mi possa dare ciò che io non ho, parto già col piede sbagliato: appoggio le basi della relazione sulla carenza. E nel momento in cui lui o lei non mi darà più quello di cui ho bisogno, mi separerò (fisicamente o emotivamente) andando alla ricerca di qualcun altro che possa far fronte al mio vuoto. Il mondo è pieno di storie finite in questo modo.

prendimi-per-mano-e-insegnami-cio-che-non-soed-io-ti-prendero-per-mano-e-ti-insegnero-cio-che-non-sai

Invertire la marcia significa essere consapevoli della propria carenza e trovare il modo per trasformarla in abbondanza. E il mentore potrebbe essere proprio la persona che abbiamo scelto in quel momento. Con senso di gratitudine, possiamo chiederle istruzioni per migliorare la nostra vita: stiamo dando la nostra parte più genuina, priva di filtri e falsità inconsapevoli che ci portano a dare tutto di noi stessi per ricevere solo una manciata di briciole.

Quando offriamo la nostra parte più vera, potrebbe salire anche la paura di diventare preda degli immensi bisogni degli altri e della loro capacità di approfittarsi di noi. Non è così! Quando dai generosamente partendo a livello dell’anima, c’è una Forza che accompagna il tuo cammino e che ti permette di spogliarti dell’armatura pesante dell’insicurezza. Accorgiti!

Lucia Merico

COS’E’ CAMBIATO?

Stamattina voglio condividere con voi un articolo apparso sulla rivista “Consapevole” dell’Aprile 2007. Da allora cos’è cambiato?

Accorgiti!

VIDEOGIOCHI & VIOLENZA – Come deviare la mente dei giovani

L’argomento “videogiochi e violenza” è delicato e attuale. Tuttavia la decisione di pubblicarlo è nata dall’importanza enorme che ha nel condizionamento della nostra società, soprattutto quella giovanile.

I videogiochi nascono agli inizi degli anni ‘60 da un gruppo i ricercatori del Massachusetts Institute of Technolgy di Boston che inventano lo Spacewar, un gioco in cui due navicelle spaziali si sparano a vicenda attorno a una stella. Nonostante la grafica scadente e le limitate potenzialità del computer dell’epoca, ebbe una diffusione enorme. Ma la tecnologia si evolve molto velocemente e nel 1991 la ditta Capcom commercializza il primo videogioco della serie “picchiaduro”: Street Fighter 11. Scopo del gioco: abbattere, sconfiggere l’avversario attraverso una serie di mosse e armi. Le mosse sono sempre le stesse, come pure le armi (l’arma è caratteristica di ogni personaggio scelto) e questo comporta ripetitività e mosse sleali. Il vincitore è colui che abbatte tutti i nemici. Nel 1993 esce il cruentissimo DOOM dove il giocatore indossa i panni di un marine statunitense deportato sul pianeta Marte sul quale si troverà a combattere con fucili a pompa, motoseghe e armi al plasma, contro gli stessi compagni mutati in zombie e creature infernali che hanno invaso la colonia. I livelli di violenza sono altissimi e numerosi sono i riferimenti a satana: questo scatena negli Stati Uniti una forte protesta.

Ciò che fa riflettere (e che non è mai stato detto) è che gli autori del massacro alla scuola superiore di Colombine erano fan  di questo videogioco. Eric Harris, uno dei due criminali, aveva riprogrammato il gioco con la riproduzione virtuale del suo ambiente scolastico.

Si susseguono poi giochi come Carmageddon, dove si acquistano punti investendo con la macchina persone o animali che attraversano la strada o che camminano sui marciapiedi e nel 2006 nasce Ride of Rose un horror psicologico della giapponese Punchline, un gioco in cui una ragazza durante un viaggio in bus si trova vittima di uno scherzo ad opera di un misterioso bambino. Successivamente verrà catapultata in un universo di perversione (in cui si scontrerà anche con dei pedofili) dove i protagonisti sono dei bambini nefasti.

Ma ciò che fa veramente riflettere è  il mostriciattolo Pikachu dei Pokemon. All’apparenza simpatico e buono, nasconde invece una cattiveria profonda. Una delle regole del gioco è quella di uccidere. Nell’Universo Pokemon si uccide in diversi modi: c’è chi succhia l’anima al nemico, chi spara palle di fuoco. Fatto a doc per i piccolissimi, lo scopo è di inculcare nella mente dei bambini, che diventano immediatamente dipendenti, delle regole a cui essi fanno poi riferimento nel mondo reale.

«L’esposizione a videogiochi violenti produce la stessa attività cerebrale provocata da un evento pericoloso e potenzialmente aggressivo. I giochi violenti alterano lo stato emotivo, provocando sovreccitazione, inibendo il controllo, riducendo la capacità di concentrazione e le capacità razionali»( Dott. Klaus Mathiak  – Università di Aachen in Germania)

A questo si aggiunga il ruolo della televisione. I programmi televisivi impiegano composizione delle immagini, sequenze, frequenze e colori appositamente calibrati per causare la totale dipendenza, non solo di tipo commerciale ma anche psicologica e comportamentale. Ogni anno un bambino assiste almeno a 100.000 (ed oltre) scene di violenza  in forma di film, documentari, reality.

Con tutta questa violenza, e con la carente presenza dei genitori spesso impegnati ad affrontare le difficoltà della vita quotidiana,  i bambini imparano – a volte – a sostituire il modello e i punti di riferimento familiari con squallidi e angoscianti  personaggi virtuali presi dai cartoon, dallo spettacolo, dal cinema, dalla musica ecc..

Lo scopo di tutto ciò rientra in una strategia mirata a istupidire e assopire la popolazione, partendo soprattutto dai bambini che saranno gli adulti di domani, rendendola desensibilizzata moralmente e culturalmente e deviandola verso dei precetti precisi: pornografia, violenza e droga, denaro come illusione della ricchezza e miraggio della felicità.

E’ arrivato il momento quindi che i genitori, i quali dovrebbero essere innanzitutto educatori, comprendano l’importanza e soprattutto la devianza di un sistema creato ad arte.”

il-segreto-del-successo-e-imparare-a-usare-il-piacere-e-il-dolore-invece-che-lasciarsi-usare-dal-piacere-e-dal-dolore-se-ci-riuscirete-avrete-raggiunto-il-controllo-della-vostra-vita-altrimenti-s

RITMO NATURALE

Vivere buona parte della mia infanzia e adolescenza in campagna ha sviluppato in me un forte legame con la natura. Mi piace sporcare le mani con la terra, seminare, curare e veder crescere. Ho scelto di abitare in un luogo dove la natura è a portata di occhi e di piedi: mi bastano pochi passi per ritrovarmi a camminare in mezzo a filari di viti e qualche passo in più per ritrovarmi nella meravigliosa Riserva delle Torbiere del Sebino, dove scelgo di tenere parte delle mie walking coaching.

In ogni antica tradizione viene sottolineata l’importanza della connessione con la natura e il rispetto per essa rappresentava una parte integrante e indissolubile.  Sfruttando il pianeta e le sue forme di vita, l’essere umano sta perdendo questo valore fondamentale ma sopra ogni cosa, sta perdendo se stesso.

Oggi ti voglio trasferire un semplice ed efficace esercizio per ritrovare questa connessione immaginando di trasformarti nella Terra o in una delle sue molteplici forme. Ti può essere d’aiuto sempre e soprattutto in tutti quei momenti dove la confusione regna sovrana. Non hai bisogno di creare condizioni particolari per accedere a questo esercizio: ti bastano pochi minuti e un luogo tranquillo.

Con gli occhi chiusi o aperti, fai come ti senti in quel momento, immagina che il tuo corpo inizia a espandersi  fino a diventare così immenso da abbracciare il pianeta Terra …  e in questo abbraccio una parte di te o tutto il tuo essere può avvertire una sensazione piacevole di calore o di freschezza o forse una vibrazione … E’ la Terra che si manifesta e ti racconta di grandi montagne e profondi oceani che si estendono e prendono spazio dentro di te … e forse, puoi anche immaginare di ruotare intorno al Sole e alla sua potente energia … e puoi immaginare di essere questa energia e usarla per trasformarti in una quercia o una collina verde, una montagna rocciosa e persino un filo d’erba … e così puoi sentire la Terra che vive in te e tu che vivi in Lei … respira questa sensazione … caricati della sua energia … e quando senti di essere al culmine, appoggia le tue mani sul cuore … e ascolta il battito Universale …

Puoi scegliere di fare questa esperienza nella natura: è un’ottima scelta. Puoi anche restare comodamente seduto nel tuo ufficio o nel tuo appartamento in centro città: il potere dell’immaginazione è senza limiti. Ricorda: sei in armonia con il ritmo naturale della vita. Accorgiti!

CHE SENSO HA?

Vuoi migliorare la tua vita? Prendi in considerazione questo aspetto: ogni cosa che accade a te e alle persone intorno a te ha un senso, un motivo, un significato. Le persone non si “incontrano per caso”, gli avvenimenti non accadono “per caso” ma sono lì per mostrarti la strada, per aiutarti a divenire più forte, per farti comprendere l’importanza di come impieghi il tuo tempo.

Una situazione tragica può diventare un punto focale attorno al quale trovare una soluzione e da lì scoprire che hai fatto qualcosa che credevi di non poter fare: gli eventi lasciano sempre un arricchimento se li sai guardare dalla giusta prospettiva.

Invertire il nostro sistema di pensiero è complicato solo all’inizio. Se perseveri e diventa la tua abitudine, sarà semplice orientare la mente verso pensieri propositivi e convenienti per migliorare la tua giornata. Puoi cominciare con questi, e aggiungere ciò che più ti piace:

  • Ogni cosa che accade è bene per me e per la mia felicità
  • Sono sempre nel posto giusto e al momento giusto
  • Più amo me stesso/a, più gli altri mi amano, più sono in grado di amare

Accorgiti!