IMMAGINA NUOVE STRADE

IMG_9901

La strada sbarrata ha una sola funzione: farti trovare un’alternativa. Se credi di non poter andare avanti, devi dar vita alla tua immaginazione trovando strade che ti conducono dove tu vuoi arrivare. Molti si fermano di fronte al primo ostacolo considerandolo “difficile” o addirittura “impossibile” da superare, dimenticando che “c’è sempre un altro modo”.

Quando ho smesso di insegnare corsi ideati da altri e mi sono dedicata totalmente a sviluppare un metodo che rispecchiasse la mia energia facendo nascere la figura di SpiritualCoach, erano in molti a pensare che sarebbe stato difficile, complicato, che mi avrebbero confuso con la religione. Ho dovuto attingere a tutta la mia determinazione per andare fino in fondo, depositare il marchio, sviluppare corsi, laboratori e scrivere il mio primo libro. La determinazione paga sempre. Dunque, se hai un sogno, un obiettivo che ti riempie la mente e il cuore, vai avanti e fermati solo l’attimo che ti serve per riprendere fiato, ottimizzare le energie e riprendere con ancor più forza. Accorgiti.

LA PACE NON E’ UN EVENTO CASUALE

La pace non è un evento casuale. E’ il frutto di volontà e preghiera consapevole e mirata a un risultato specifico.
La legge di attrazione funziona anche in questa circostanza. Se è vero che il mondo e il corpo umano riflettono i nostri pensieri, sentimenti, emozioni e convinzioni, allora è importante essere consapevoli dei sentimenti che proiettiamo sul mondo, più che mai in quest’epoca specifica dove esistono un numero esorbitante di famiglie divise, rapporti finiti, posti di lavoro persi e minacce di guerra e terrorismo. Basterebbe che solamente l’1% della popolazione comprendesse questa condizione per renderla efficace.
Per far in modo che lo specchio del mondo possa riflettere un cambiamento positivo e durevole nel tempo, dobbiamo cominciare a pensare che esiste una relazione tra le parole che usiamo durante la preghiera e la Mente Una, Divina, di Dio, Universale o come ti piace chiamarla, che unisce tutta la creazione.
chiunque-imparia-perdonarenon-puo-non-riuscirea-ricordare-dio
In questo modo non siamo noi a piegare il mondo al nostro volere ma è la preghiera a cambiare la nostra visione: siamo noi a “piegarci” e a vedere “in un altro modo” e il mondo, spontaneamente, rifletterà il nostro progredire.

La preghiera non cambia il Dio che stiamo pregando bensì chi prega

C’è qualcosa fuori dalla nostra comprensione che supera le barriere del pensiero logico. A un passo di distanza, oltre la  percezione del mondo quotidiano esiste una presenza, una forza misteriosa e confortante allo stesso tempo.
Alcuni di noi l’hanno accolta nella quotidianità, altri la invocano secondo necessità. Chiunque La inviti, Lei si manifesta in vesti differenti. Sono molte le lezioni che siamo chiamati a imparare in questa vita: Una per tutte è di portare alla luce quello che è dentro di noi: lì c’è la nostra salvezza. Accorgiti.
Lucia Merico

DAVANTI A UN BUON CAFFE’

IMG_9897

A luglio di quest’anno ho organizzato un’esperienza Al Femminile sull’Isola di Pantelleria. Una mattina apro la posta elettronica e una donna mi scrive chiedendomi informazioni dettagliate dell’evento e se possiamo incontrarci per un caffè. E io non rifiuto mai un caffè condiviso, soprattutto quando sono invitata a parlare della mia professione. Ci incontriamo e lei mi dice che avrebbe piacere di partecipare, ma il marito la limita nei suoi spostamenti.

“Non so se posso venire. Io lavoro part time e dovrei chiedere i soldi a lui. Mi direbbe certamente che sono un’egoista”. Io domando: “Hai mai chiesto a lui di poter fare qualcosa del genere?”. Lei mi guarda fissa negli occhi, come se prendesse coscienza per la prima volta di se stessa, e risponde: “No, in effetti mai. Anzi, spesso mi dice di andare e fare quello che mi piace”.

Incolpare gli altri dei limiti che noi stessi ci siamo imposti è uno degli atteggiamenti più diffusi ed è il modo migliore per non prendersi cura della nostra vita. Ogni scusante è un ostacolo che poniamo tra noi, la nostra felicità e quella delle persone intorno a noi.

Quando ascoltiamo cose spiacevoli, quando ci sembra di non essere amati, allora dobbiamo fare un passo indietro per osservare e ascoltare con occhi e orecchie nuove. Solo noi possiamo interpretare le situazioni ponendole a nostro vantaggio così da avere prospettive vincenti e sentirci finalmente in pace.

La giovane donna ha scelto di non venire, per questa volta, a Pantelleria. Ha organizzato una vacanza a sorpresa per il marito. Al suo ritorno, davanti a un buon caffè, mi ha raccontato la sua felicità. Accorgiti.

ANGELI

IMG_9892

Con i nostri pensieri apriamo o chiudiamo le porte alla consapevolezza. Ci sono condizioni per le quali la mente razionale non trova spiegazioni. Il solo tentativo di spiegarle ne invalida il risultato. Lì, in quel mondo che consideriamo alieno alla vita quotidiana vive tutto ciò che noi siamo. E’ il regno delle infinite possibilità, della gioia e dei successi, dove la corona di Re o Regina è appoggiata delicatamente sulla testa. Dal centro di quel mondo compiamo balzi così grandi che, a volte, ci portano a dimenticare chi realmente siamo e ricordare diventa un atto voluto con forza e determinazione, che scardina credenze e convinzioni.

Quando camminiamo sulla via della gioia mantenendo saldamente la nostra visione e l’intenzione, diventiamo servitori del mondo e fiamme di luce per fortificare noi stessi e gli altri. La ricompensa maggiore per chi compie questo cammino è la pace interiore.

“Al centro del mio mondo gli Angeli sono con me. Lo attraversano donandomi la Luce, e ad ogni mio passo s’illumina il cammino.  E così è”

Felice domenica a tutti voi e … accorgetevi.

OFFERTA

IMG_9341

Il tempo che dedichi agli altri scorre sul tuo orologio, senza più tornare indietro. Ciò che dai a loro sarà ciò che ritorna a te, nell’esatta forma in cui l’hai donato. Fai in modo che sia tempo di qualità, condivisione, abbondanza, armonia, piacere, gioia, felicità e ricco di tutte le meraviglie che vuoi ottenere. TicTac TicTac TicTac …

SEMPLICEMENTE

IMG_9770

Sono davvero poche le cose che non possiamo ottenere semplicemente con un po’ di impegno e determinazione. Talvolta guardiamo lontano, troppo lontano, così da sospirare di raggiungere l’obiettivo senza metterci nella condizione di farlo, aspettando la condizione giusta, il momento giusto, una giusta quantità di denaro, il peso o l’età giusta. E un sospiro dopo l’altro la vita va avanti e molti di noi la passano con i pugni stretti dalla rabbia. E’ banale dire a chi mi legge da tempo che il momento giusto è adesso. Se hai un’idea sviluppala sulla carta e poi datti da fare per realizzarla, un passo alla volta, un centimetro alla volta ma con costanza, concedendoti il tempo necessario per riposare e rinnovare le tue energie.  Devi bandire i “se” e i “ma” dal tuo vocabolario personale e privilegiare i “voglio, ce la faccio, è possibile per me, me lo merito, sono grande, sono magnifica, fantastico” o, tradotto in una sola parola che forse già conosci: A.I.C. Alza Il Culo. Accorgiti, adesso.

LEADER COME GESU’

IMG_9872

Il più grande coach e il primo a scrivere di coaching, a parer mio, fu Gesù. Attraverso le metafore induceva gli ascoltatori a porsi delle domande cambiando così il proprio mondo e il mondo intero.  Sosteneva che un mondo vecchio non può generarne uno nuovo, ma bisogna uscirne per accorgersi che esistono nuovi mondi. E il solo modo per uscirne è chiedere muovendo così dei passi in avanti per procedere un passo più in là rispetto a dove si credeva di essere e di non poterne uscire.  Beati i poveri di spirito, annunciava, chi sa di non avere abbastanza, di avere fame e sete di significato e giustizia. Steve Jobs, molti anni dopo, lo ha semplificato in ”stay hungry, stay foolish” – restate affamati , non perdete mai la voglia di conoscere, di imparare – restate folli, fate scelte azzardate, fuori dalle convenzioni e lontane dal pensiero di chi vuol rimanere nel suo mondo trito e ritrito. Chiedere è andare più in là, è fare domande e trovare risposte, è sentirsi sempre troppo poveri nel vecchio mondo così da uscirne per vederne di nuovi, per soddisfare nuovi bisogni affinché il mondo vecchio non torni a interferirvi ancora.

Le tradizioni successive alla vita di Gesù hanno fatto in modo che le sue semplici metafore da Lui spiegate con esempi pratici, fossero ritenute politicamente pericolose a tal punto che vennero classificate come miracoli sporadici e incomprensibili. Il luogo più sicuro dove nascondere qualcosa di prezioso è proprio di fronte agli occhi di tutti. Hanno eletto a icona la figura di Gesù rendendola in questo modo irraggiungibile per la maggior parte della gente. Nei secoli sono state molte le figure femminili e maschili che hanno spiegato in modo chiaro e comprensibile come stavano davvero le cose, finendo tutti nello stesso modo: zittiti dalla morte. Ma qualcosa veniva sempre conservato, protetto e il mondo contemporaneo si sta pian piano riempiendo di meravigliose anime che portano un valore spontaneo e una visione differente.

La figura di Gesù, così quelle dei grandi Maestri Ascesi hanno respirato e camminato in questo mondo, parlato con le persone, mangiato e bevuto, si sono innamorate: erano libere nel pensiero e nelle scelte, la sola vera libertà. E portavano messaggi importanti, per tutti. Non erano a capo di nessuna religione e avevano un solo credo: l’unione.

“So che senza di me, Dio non può vivere neppure un istante: 

Se io divento nulla, devo necessariamente morire” (Il pellegrino cherubico I,8)

Accorgiti!