DRITTO FINO ALLA CIMA

camminare

Non c’è un modo “giusto” o “sbagliato” di procedere nella vita. Le possibilità che ognuno di noi ha per ottenere ciò che desidera sono infinite.  A volte ho avuto molta paura, altre volte sono stata coraggiosa, e da questo ho imparato che è meno spaventoso affrontare la paura che metterla da parte e permetterle di indebolirmi. Salire fino alla cima della montagna è, a volte, durissimo e si possono incontrare molti ostacoli. Ma con una buona dose di volontà, preparazione, allenamento e determinazione ecco che l’ostacolo si trasforma in forza e determinazione.  Chi si protegge dalla vita e non si prende l’impegno di correre alcun rischio, vive con il terrore di sbagliare e che qualcosa potrebbe andare male.

Ho imparato ad accogliere più sfide nella mia vita: a volte è andata bene, altre meno.  E in entrambe le condizioni mi sono sentita viva e capace di camminare fino in cima alla montagna.

Accorgiti!

Annunci

QUANTO E’ LUNGA LA SALITA

Sono rientrata da qualche minuto dopo una Walking Coaching davvero straordinaria. Il mio obiettivo di questa mattina era quello di far percorrere 4 km a una persona molto pigra, in questo momento della sua esistenza, e in forte sovrappeso. 

Appartiene alla magia della vita lanciare la freccia dell’obiettivo nella certezza di averla mandata nel punto che hai stabilito, e questa mattina è accaduto. Dopo alcune premesse su come avremmo svolto la coaching, ho lasciato lo scettro della scelta alla persona, dichiarando che saremmo arrivati in un determinato luogo, senza dire quanti kilometri avremmo percorso e lasciando che fosse lei a tenere il passo.

L’andata è stata molto piacevole e facile. Di fronte alla piccola salita mi ha chiesto se fosse l’unica o se ne avremmo incontrate altre. L’ho rassicurata e abbiamo proseguito fino in cima. Mentre camminavo ero affascinata dalla sua tenacia, una forza di volontà che le permetteva di parlare e affrontare la salita senza interruzioni. Ero senza parole.

Dopo una breve sosta, affrontare il ritorno è stato ancor più affascinante: il passo era notevolmente aumentato e, nonostante la fatica dichiarata, non si è fermata un attimo. Era concentrata nella respirazione e percepivo lo sforzo di risparmiare le energie per poter arrivare fino in fondo.  Grandioso! E alla fine, prima di salutarci, sentirmi chiedere quando potevamo ripetere l’esperienza è stata la ciliegina sulla torta.

Questo è uno dei momenti di gioia immensa che mi regala la mia professione. Vedere gli occhi della persona che hai di fronte, brillare di una Luce consapevole è per me senza prezzo. Sono grata a Dio per questo e per i doni che ha ancora in sebo per me … ed è bello poterlo condividere con voi. Grazie Grazie Grazie!