NULLA E’ COME SEMBRA

Nulla è mai davvero come sembra e lo impariamo quando iniziamo a giocare con le sfumature della vita, e cioè quando le domande potenzianti e costruttive diventano parte integrante della nostra quotidianità,  insieme alle risposte che emergono naturalmente. La trasformazione non è quasi mai un’operazione che si accetta a mani basse e questo per un semplice motivo: non conosciamo a fondo noi stesse.

Per esempio uno degli aspetti che ci penalizza è l’incapacità di essere flessibili rispetto al nostro modo di pensare e agire. L’abitudine che abbiamo sviluppato nell’interpretare le nostre giornate rende rigido il nostro pensiero bloccando la sua naturale propensione all’elasticità, alla fluidità e alla capacità di dire “no”.

L’abitudine può tenere bloccata per anni una situazione. Nel rapporto di coppia, per esempio, viene utilizzata come schermo protettivo nei confronti della trasformazione  generando conflitti che possono durare anche una vita intera, fino a pensare che la dichiarazione matrimoniale “finché morte non ci separi” possa essere l’unica via d’uscita per spegnere il disagio. Alcuni di noi sono spinti a restare  sdraiati sul divano invece di darsi da fare per cambiare, tutto a vantaggio dell’inerzia e della staticità.

GIUSTO O SBAGLIATO?

Sviluppare un’abitudine di per sé non è né giusto né sbagliato: la cosa importante da conoscere è quale sia lo scopo e cioè in quale direzione vogliamo dirigere la nostra energia.

Ad esempio l’abitudine a guidare l’automobile renderà semplice il suo utilizzo e qualora dovessimo passare da un cambio manuale ad uno automatico, sarà piuttosto facile da imparare.

Le mani abituate a scorrere sulla tastiera del pianoforte permetteranno al musicista di suonare la musica che ha scelto nel migliore dei modi. Se dovesse scegliere di suonare il violino non sarà ostacolato dall’usare le dita in un certo modo.

Abituarsi ad essere ingannate o tradite addossando la colpa alla situazione come se avesse una volontà indipendente, è un modo per rinunciare volontariamente alla possibilità di cambiare

Ogni condizione è come un incantesimo che può essere interrotto in qualunque momento, se è nostra scelta che sia così. E per fare ciò dobbiamo imparare che ogni abitudine che consideriamo dannosa e che ci rende infelici, può essere magicamente interrotta recuperando il potere di scegliere. La stessa modalità la possiamo utilizzare per migliorare una condizione piacevole o per imparare cose nuove.

TRUCCHETTI MAGICI

Ti voglio svelare alcuni trucchetti per cominciare a scegliere più consapevolmente.

  • Prima di tutto non lottare contro una cattiva abitudine perché è come lottare contro sé stessi. Tutto ciò che stai sperimentando è frutto di un condizionamento che hai accettato inconsapevolmente, credendo fosse la condizione giusta per te in quel momento. Osservala invece come se fosse di qualcun altro e domandati quale possa essere stato il motivo per cui l’hai scelta. Qual’è la sua funzione? Cosa sta proteggendo?
  • Un altro passaggio è domandarti quali sono i benefici che porta alla tua vita. Di solito sono molto nascosti e trovarli ti aiuterà a capire il motivo per cui la stai tenendo così stretta a te.
  • Anziché esprimere la frase consueta: “Sono fatta così” è meglio ammettete di aver scelto l’inerzia anziché la trasformazione poiché quest’ultima spaventa e viene avvertita come un senso di minaccia.  E se la sensazione è quella di sentirti vittima della situazione, domandati come mai stai dando retta a quel senso di vittimismo. Qual è lo scopo? E’ forse il modo più semplice che conosci per evitare le vostre responsabilità? Quali emozioni stai proteggendo?
  • E infine trova un buon motivo per adottare una diversa abitudine e ripetetelo ogni volta che la vecchia abitudine alza la cresta per farsi notare. Ricorda a te stessa che il solo scopo è rompere l’incantesimo che racconta le solite bugie:  “Non hai scelta, non ce la puoi fare, lascia stare, sei in una buca e non ti rialzerai mai più… e via discorrendo”

Abbiamo sempre il potere di scegliere ed è questa l’unica condizione che ci rende davvero libere

 

Ci sono molti modi per trasformare la propria vita. Navigando sul mio sito ne potrai trovare alcuni che potrebbero essere adatti a te. Oggi ti voglio proporre una Walking Coaching  per supportarti nella scoperta delle tue meravigliose abilità e guidarti nella loro applicazione alla vita di tutti i giorni, poiché è in essa che tu sperimenti gioia e felicità.

Restiamo in contatto!

GUARDA AVANTI

 

Un piccolo bruco camminava verso una grande montagna. Lungo la strada incontrò una coccinella che gli chiese: “Dove vai?”.

Il bruco rispose: “Ieri ho fatto un sogno nel quale mi trovavo sulla cima di una montagna e

da lì potevo vedere tutta la valle. Oggi voglio realizzare il mio sogno”.

Sorpresa, la coccinella gli disse: “Devi essere pazzo! Tu sei solo un piccolo bruco. Per te, un sassolino sarà una montagna, una pozzanghera sarà un mare e ogni cespuglio sarà una barriera impossibile da oltrepassare”. Ma il piccolo bruco era già lontano e non la sentì.

Incontrò poi un coniglio: “Dove vai con tanto sforzo?”.

Il piccolo bruco rispose: “Ieri sera ho fatto un sogno, ho sognato di essere sulla cima della montagna e da lì potevo ammirare tutta la valle. Mi è piaciuto quello che ho visto e oggi voglio realizzare il mio sogno”.

Il coniglio si mise a ridere e disse: “Nemmeno io, con le mie grandi zampe e con i miei grandi salti, affronterei un’impresa così difficile”. E, ridendo, rimase a osservare il piccolo bruco mentre procedeva per la sua strada.

La stessa cosa accadde con la rana, la talpa e il topo. Tutti gli consigliarono di fermarsi, dicendo: “Non arriverai mai!”.  Ma il piccolo bruco, determinato e coraggioso, continuò a camminare.

Stremato e senza forze, a un tratto decise di fermarsi a riposare. Con un ultimo sforzo si preparò un posto per dormire quella notte. “Così mi sentirò meglio” disse il piccolo bruco. Ma quella stessa notte il bruco morì.

Per giorni, gli animali si avvicinarono a vedere i suoi resti. Lì c’era l’animale più pazzo del mondo, lì c’era l’ultimo rifugio di un piccolo bruco morto per aver inseguito un sogno.

All’improvviso, però, quel bocciolo grigiastro si ruppe. Comparvero due occhioni, due antenne e due bellissime ali dai colori stupendi.

Era una farfalla!

Gli animali restarono senza parole, meravigliati da quella stupenda creatura che in un istante prese il volo e raggiunse la cima della montagna. Il sogno del bruco, diventato farfalla, si era realizzato. Il sogno per il quale aveva vissuto, per il quale aveva lottato, era finalmente diventato realtà.  (La Lega del Filo d’Oro)

Accorgiti!

La tua SpiritualCoach   Lucia Merico

luciamerico-spiritualcoach-insiemeepiufacile-brucoefarfalla.png

COME SAREBBE SE LE COSE ANDASSERO COME HAI STABILITO?

Hai un’immagine chiara del tuo futuro? Come sarebbe se le cose andassero come hai stabilito?

Una visione chiara del futuro è ciò che può sostenerti nei momenti difficili. Quando fai luce su un obiettivo -inteso come un fatto preciso che, una volta raggiunto diventa parte della tua storia personale – la “visione o idea del futuro” è uno sguardo continuo, che si evolve e pieno di speranza di ciò che sarà, tanto forte da risvegliare il cuore e la mente affinché tu possa scoprire di essere illimitato e senza fine.

“I have a dream” sono le parole di Martin Luter King Jr. che ha messo alla prova l’America con la sua visione. Nella sua mente era sempre presente l’immagine di una nazione spiritualmente trasformata. Ancora oggi quella frase è d’ispirazione.
La visione o l’immagine del futuro che Walt Disney aveva dei suoi parchi di divertimento era che la gente uscisse da quei luoghi con lo stesso sorriso di quando erano entrati.

Qual’è l’idea del tuo futuro? E’ chiara la tua visione? E’ uno sguardo continuo, in evoluzione e pieno di speranza? E’ così forte da risvegliare il tuo cuore e la tua mente? Rispondere a queste domande ti aiuta ad accorgerti.

ANCHE I SUPEREROI PIANGONO

IMG_9257

Non puoi cambiare gli altri, ma puoi cambiare il tuo modo di vedere gli altri. L’Amore, nel senso più alto del termine, è comprensione. Più comprendi gli altri, più ti è chiaro chi sei e numerose diventano le situazioni che sei in grado di accettare. Questa visione può essere interpretata come debolezza, ma in realtà è la vera forza che un individuo può esprimere. Con l’Amore, alcune situazioni miglioreranno, altre si trasformeranno chiudendo cerchi di vita rimasti aperti per troppo tempo. A quel punto puoi raccogliere le tue emozioni, osservarle e con gratitudine andare oltre, in una sfumatura di vita più allineata con ciò che sei in quel momento. Una semplice teoria, che per essere messa in pratica necessita di tanto allenamento. Per questo ti conviene iniziare adesso. Accorgiti!

DOVE RIPONI LA FEDE, LI’ C’E’ IL TUO RISULTATO

10406779_942438779121253_2218254584794019474_n

Dove riponi la fede, lì c’è il tuo risultato. Fai questo esperimento: usa un linguaggio positivo e pieno di speranza per ventiquattro ore partendo da dopo che hai letto questo post. Durante il giorno, quando qualcosa di bello ti accade, scrivilo così da imprimerlo nella mente. E se c’è una condizione che non ti piace, puoi fare esperienza della preghiera ricordando a te stesso: “Anche se sto facendo un’esperienza che non mi piace, ringrazio questo momento e ho fede che mi verrà dato ora il modo per poterlo migliorare. E così sia”. Consegna la preghiera nelle mani di Dio (o come tu lo chiami) e aspettati il meglio che tu possa immaginare. Cosa succederà lo potrai scoprire solo facendo esperienza. Accorgiti!

ACCORGITI

IMG_9049

La strada migliore per il successo è conoscere te stesso. Sono le circostanze a rivelare ciò che sei e da esse puoi far partire la tua trasformazione, se lo ritieni necessario. Non c’è nessun altro, tranne te stesso, a cui attribuirne la responsabilità. Questo è l’aspetto,a volte molto complicato, da comprendere per essere felice e raggiungere ciò che hai scelto. Il passaggio è da “esperto conoscitore delle paure e dei limiti” a “esperto conoscitore di tutto ciò che è possibile”. Usa le difficoltà per fare un balzo avanti, come sprone per un progresso. Non puoi essere prospero e felice se una parte di te rimane imprigionata nelle vecchie abitudini e nel lamento. Sei la causa della tua carenza. Sei la causa della tua abbondanza. Accorgiti!

468764353

E’impossibile avere successo se non si nutre interesse per le persone e le loro esigenze. Puoi trovare sempre il modo di vedere il buono in tutto ciò che ti circonda. Non per diventare un “buonista” ma per imparare a indirizzare la tua mente verso la prosperità della vita, anziché la scarsità. Una mente prospera è in grado di superare ogni difficoltà. Una mente carente è schiava della paura.

Accorgiti!